Le nostre menti son...
 
Notifiche
Cancella tutti

Le nostre menti sono dei campi di 'spazio-memoria'.


oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3203
Topic starter  

Qui indico un articolo ( e non un libro: ma corposi sono i rimandi )  a mio avviso veramente importante:

https://www.altrogiornale.org/la-rete-di-microtubuli-e-actina-nei-neuroni-regola-il-ritmo-preciso-dei-segnali-attraverso-vortici-elettromagnetici/

Mi è stato chiesto in un post precedente qualcosa sulle dimensioni non personali dello 'spirito', ovvero delle interazioni fra mente sia umana sia transpersonale e sulla interazione di questa meta-struttura sulle volizioni individuali.

In particolare, è possibile che il possesso di certe 'chiavi' ( sotto forma ad esempio di specifiche 'onde' elettromagnetiche ) possa influenzare pensieri ed azioni appropriate gestibili da remoto da altre 'entità' ? Ovvero, che 'comandi' ed 'ordini' possano essere veicolati in un continuum 'mentale' che eluda le caratteristiche 'fisse' spazio-temporali e sia strutturato con 'parole' e 'onde' di informazione specifica ? Questa è la modalità precipua dei saperi e dei poteri 'sovrannaturali' di cui godono taluni individui e talune religioni, prescindendo naturalmente l' uso che ne fanno.

Questo articolo indica alcuni punti fermi in base a ricerche scientifiche: nulla quindi di 'esoterico' nel senso di speculazioni 'alla Blavatsky' più o meno accettabili da noi razionalisti di inizio nuovo millennio.

Si limita ad indicare come 'certa' l'esistenza di questo 'campo' mentale transpersonale.

Estrapolo alcuni punti fondamentali:

-  ''.. La “spaziomemoria” è la sede dei processi intelligenti della natura e data la sua vasta interconnessione e non-località nello spazio e nel tempo, è un dominio di iperintelligenza naturale..''. Dato questo aspetto, lo spazio-memoria è l' Akasha delle religioni tradizionali e costituisce sede della coscienza superindividuale, all' interno della quale il nostro 'campo' mentale è 'situato' come elemento di input-output 'gregario. E' l'Intelligenza Creatrice di certe teosofie e di alcune filosofie, intelligenza naturale che oggi si vorrebbe soppiantarla con quella artificiale...con tutte le consguenze che ne derivano.

- ''.. il sistema biologico è emerso e si è evoluto con la rete iperintelligente del campo stesso..''. Siamo al livello in cui la 'materia' è 'condensazione' di un sapere superintelligente non localizzato 'univocamente', essendo l' espressione del 'vuoto' buddista che poi si 'intenziona' nella Materia ricettiva da esso stesso creata come sua espressione 'concreta' utile alla realizzazione detta. L' Universo nelle sue dimensioni 'ultramateriali' da noi non 'osservabili' con i nostri occhi direttamente e non la 'Terra' è l' origine della Vita Intelligente qui da noi, origine che ha creato le condizioni della sua stessa esistenza...

- ''.. l’importanza della temporizzazione o frequenza dei segnali neuro-filamentari per la generazione di schemi di campo elettromagnetico altamente strutturati nel cervello..''. L' 'onda' di input sovraindividuale genera un 'campo' entro cui si forma la coscienza e la Vita prende Forma 'individua': nulla di individuale all' inizio...

- ''..La complessità ... mostra che ogni cellula possiede un cervello macromolecolare, almeno in termini di struttura complessa e forse anche ad un certo livello di funzionalità, un’ architettura frattale interconnessa..'': l' 'intelligenza' o meglio la coscienza non è localizzata individualmente neppure in base alle caratteristiche individuali 'recettive'. Dunque con un training apposito oppure seguendo modalità specifiche è possibile potenziarla, inferirne le dimensioni e 'intenzionarla' nei riguardi di soggetto preciso: i 'profeti'. Il Mondo come relazione reciproca intelligente...il Mondo come 'Tremila Regni in un solo istante di Vita' ( Sutra del Loto ), il Mondo come Essere dotato di Coscienza...perchè è Coscienza diffusa ovunque, anche nei Pianeti.

Gli spunti sono tanti, le applicazioni incredibili, la conoscenza della nostra origine risulta collegata a quanto antiche teorie hanno indicato...e tutto questo finalmente getta un poco di luce sul perchè siamo qui al mondo.

Perchè 'siamo' Noi umani sia soggetti che 'oggetti' di questo 'principium Individuationis' che scandisce le tappe della nostra presenza sulla Terra: le 'tappe sono prefissate ( sono i Mè sumeri ), ad ogni tappa esiste un incremento di volizione e di coscienza utile alla sua realizzazione, l'appropriazione 'sociale' di questi 'momenti' avviene attraverso le complesse civiltà' che si sono succedute nel tempo, tempo che è origine e sostanza delle modalità superindividuali del campo d'onda ( Heidegger...! ).

Basta...mi fermo qui altrimenti non ne finisco più ! Lascio la parola a voi cari amici...!


Darkman, Papaconscio e Hospiton hanno apprezzato
Citazione
fuffolo
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 686
 

I "campi memoria" sono distorti da forme pensiero che noi subiamo senza consapevolezza. Creare e gestire tali eggregore permette di condizionare la volizione personale ma senza eliminare la possibilità di scelta, un poco il libero arbitrio rimane.    


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3203
Topic starter  

Se leggi l'articolo capisci che la nostra 'liberta' e' davvero inesistente perche' la Mente Universale prefigura gia' in se' la tua risposta 'condizionata'...Il libero arbitrio si esercita laddove esiste una 'scelta', intesa sia come 'scelta' tra fattori alternativi e sia come 'scelta' di paradigmi di pensiero che portano a soluzioni alternative.

Se non vi e' 'scelta, neppure nella non-azione, perche' comunque il risultato deve avvenire a prescindere dai presupposti, che ne vengono determinati a priori, allora la scelta semplicemente non e' 'data' anche se puo' apparire: di conseguenza il libero arbitrio semplicemente non esiste, proprio perche' siamo dentro un 'flusso' di pensiero 'eterovago' che dirige le nostre azioni, che le ordina e che ce le fa apparire in un certo modo piuttosto che in un altro.

Chiaramente chi dirige tale flusso sovramentale comanda 'nel silenzio'...e chi lo deforma pure. Gli altri si devono accontentare solo di credere di essere 'soggetti' senzienti: e' una persuasione che le religioni enfatizzano accuramente e le filosofie pure, spesso come autogiustificazione delle loro strampalate ipotesi. 

Il marxismo si era avvicinato a questo per via materialista, intendendo gli uomini sovra-determinati ( senza residui e specie a loro insaputa, cosa fatta propria da parecchi qui in Italia...! ) dai fattori economico/sociali intesi storicamente: la coscienza che ne derivava era 'falsa', deformata in quanto costretta ad essere tale dal mondo non giunto alla sua determinazione ultima di liberta', liberta' intesa soggettivamente pero'...con tutte le difficolta' a presentarsi come riflessione su questa coscienza limitata pur tuttavia volendo essere riflessione verace e con l'ulteriore aporia della liberta' da intendersi soggettivamente anche se da esperirsi socialmente.

Questo aspetto 'storico', storicizzato' socialmente,ha dato luogo ad interessanti speculazioni 'esistenzialiste' nel dopoguerra, anche a sfondo heideggeriano, ma non sfugge al fatto che il 'libero arbitrio' e' direttamente correlabile al tempo, vettore entro cui organizziamo la nostra esperienza sensibile, perche' e' il fattore tempo che intesse il nostro 'esserci'. Ma se questo e' 'dato' a priori ed insieme direttamente legato alle nostre modalita' intellettive, e' data anche la nostra 'risposta' in quanto gia' prefigurata dalla Coscienza tra le molte altre 'alternative' possibili: ed e' data in quanto gia' sovradeterminata da questa. Viviamo o no nel migliore dei mondi possibili ? 

In realta' siamo dentro questo entanglement coscienziale che ci sovradetermina perche' e' governato dalla legge del 'tutto' a cui non possiamo sottrarci se non per brevissimi istnti, ad esser ottimisti, noi uomini ordinari ( i profeti e gli uomini illustri eccetti ) mentre la vita ordinaria ne e' completamente scandita: sono i Me', grandi aggregati di origine Divina, che ne scandiscono la successione ( altrimenti immota...cosa importantissima ).

Questa Coscienza Universale esiste ed e' volizione ultima proprio perche' costituisce il 'campo di forze' mentale entro cui organizziamo la nostra vita: e questo campo di forze ha una SUA determinazione specifica, la Sua Legge e' la Legge del Tutto come Intelligenza Superna, non e' solo collazione numerica di entita' empiriche individualizzate.

Quest'ultimo aspetto ci salva...perche' la Legge del Tutto e' anche la nostra Legge, quella che ci fa vivere...ed e' qui che si riverbera la polarita' fondamentale del nostro universo.

 

Questo post è stato modificato 11 mesi fa da oriundo2006

Darkman hanno apprezzato
RispondiCitazione
Condividi: