Notifiche
Cancella tutti

IL RITORNO DI LULA


mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1467
Topic starter  

Il ritorno di Lula sul luogo del crimine si annuncia gravido di brutte sorprese per il Brasile. Dopo quattro anni di libertà politica ed economica il Brasile non si meritava uno choc simile, il minimo che succederà, al di là della corruzione che tornerà a imperare tra gli esponenti del governo di sinistra, sarà una profonda recessione e un ritorno del Brasile tra i pulcinella della politica latino-americana. Chi vedeva nel Brasile un’ottima opportunità di investimento nei diversi settori economici (soprattutto alimentazione e turismo) si dovrà presto e amaramente ricredere.

La stampa nordamericana di solito critica sospettosa o indifferente nei confronti del Brasile, questa volta ha dovuto ammettere che il “ritorno di Lula è una minaccia giudiziaria alla democrazia brasiliana”. Cosa vuol dire una “minaccia giudiziaria”? Vuol dire una minaccia alla suddivisione dei poteri che in tutte le democrazie moderne (parlamentari o presidenziali) è alla base di un’equilibrata applicazione delle leggi e della Costituzione nel rispetto della fiducia popolare. Minaccia che nel prossimo futuro potrebbe dar luogo a manifestazioni popolari anche rabbiose e violente.  

Firmato dall'editorialista Mary Anastasia O'Grady, che è l'editore senior del Wall Street Journal, l’articolo afferma che Lula – “co-fondatore con il defunto Fidel Castro del Forum di estrema sinistra di San Paolo – sta confermando la sua antica intenzione di liberare la spesa pubblica, fermare le privatizzazioni e invertire le riforme che col governo Bolsonaro avevano contribuito a fermare la corruzione e a rilanciare l’immagine del paese all’estero.”

Anche se le misure economiche annunciate hanno spaventato i sostenitori ancora più moderati, O'grady sottolinea che, ben al di là delle spese di “un presidente populista del Partito dei Lavoratori”, i brasiliani dovrebbero temere come una “minaccia maggiore” la Corte Suprema, “che sta oltrepassando la sua giurisdizione e mancando di rispetto allo stato di diritto per ragioni politiche di potere.”

Secondo l'articolo, la corte "altamente politicizzata" è una ferita aperta nella vita di un popolo che sta perdendo la fiducia nelle proprie istituzioni. "Quando la Corte Suprema diventa alleata di politici ideologicamente schierati e corrotti, la democrazia è in grave pericolo. Il Brasile è arrivato ad un momento simile“, avverte il testo, citando la decisione del Supremo Tribunale Federale che nel 2019  ha “scioccato la nazione" rilasciando Lula dalla prigione, dove scontava numerosi anni di carcere per corruzione, e permettendo così al condannato di candidarsi alla Presidenza ed essere eletto a seguito di una votazione considerata da molti osservatori inquinata dalla frode.


Citazione
ekain3
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 417
 

LULA: "Assange dovrebbe ricevere il Premio Nobel per aver esposto a tutto il pianeta le frodi della CIA".

https://twitter.com/i/status/1610753236712947712

Questo post è stato modificato 1 anno fa da ekain3

RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 460
 

Che strano però, visto che la CIA sta a braccetto coi DEM e il Deep State, che truccano tutte le elezioni in tutti gli stati del mondo, come la stessa elezione che ha portato Lula alla presidenza del Brasile e che ora è costretto a fuggire, proprio perché questo paese, a maggioranza Bolsonaro, è ora incazzatissimo. Ricordiamo infatti le adunate oceaniche in favore del presidente uscente, su cui mantengo ancora certe riserve, ma Lula ha fatto brogli proprio grazie a CIA e dintorni.
In queste ore i brasiliani stanno protestando e occupando la Corte Suprema e il Parlamento. Spesso i militari e la polizia lasciano fare, visto che non stanno tutti dalla parte di questi parassiti comunisti che hanno "vinto" le elezioni.


RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1467
Topic starter  

Infatti, le peggiori infezioni sociali e atti di sovversione vengono di la, dagli Stati Uniti; Lula è il figlio diletto del globalismo, il difensore accanito dei vaccini e dei vaccinatori, l'esponente criminale di quell'apparato politico che col "socialismo romantico e neo-latino" non ha nulla in comune, l'alleato del peggiore neo-capitalismo disumano e avvelenatore dei popoli. Il Brasile non sopporterà a lungo questo ladro amato e appoggiato solo dai giudici suoi pari della Suprema Corte.


RispondiCitazione
Andreabras
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 90
 

Vedi comunisti dappertutto. Per vedere comunisti in Brasile ce ne vuole. Il PcdB, Partito Comunista Brasiliano, avrà forse l'1 per cento dei voti

 


RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1467
Topic starter  

Si vede che non conosci nè il Brasile nè l'America Latina, Lula infatti è un chierichetto della Chiesa del Gesù.


RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 460
 

Oltre ai comunisti in senso stretto e inconsapevoli pedine funzionali al potere, che si rifanno direttamente ai Marx, Lenin, Stalin e Castro (e alle decine di milioni di vittime causate dai loro regimi, a loro volta tollerati - se non in combutta con - dalle "democrazie occidentali"), ci sono tutti i sostenitori dell'agenda globalista. Grosso modo tutta la sinistra e parte della destra. In comune hanno molti dei loro ideali e programmi per la società, oltre al fatto di censurare scientemente e con apposite leggi penali il revisionismo su ciò che successe durante la seconda guerra mondiale e durante il regime sovietico.
Quindi Lula, compagno dei DEM, dei Biden, degli Obama, anti sovranista e globalista, è un comunista, come sono comunisti i pidini nostrani, i radicali (anche loro sì) il M5S e tutta la sinistra extraparlamentare. 


RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1467
Topic starter  
Pubblicato da: @detrollatore-ii

Oltre ai comunisti in senso stretto e inconsapevoli pedine funzionali al potere, che si rifanno direttamente ai Marx, Lenin, Stalin e Castro (e alle decine di milioni di vittime causate dai loro regimi, a loro volta tollerati - se non in combutta con - dalle "democrazie occidentali"), ci sono tutti i sostenitori dell'agenda globalista. Grosso modo tutta la sinistra e parte della destra. In comune hanno molti dei loro ideali e programmi per la società, oltre al fatto di censurare scientemente e con apposite leggi penali il revisionismo su ciò che successe durante la seconda guerra mondiale e durante il regime sovietico.
Quindi Lula, compagno dei DEM, dei Biden, degli Obama, anti sovranista e globalista, è un comunista, come sono comunisti i pidini nostrani, i radicali (anche loro sì) il M5S e tutta la sinistra extraparlamentare. 

Perfettamente d'accordo. In America Latina questa "linea politica criminale" della sinistra si tocca con mano, mentre in Europa, dove la sinistra indossa il doppio petto, è meno evidente. In occasione della recente pandemia la sinistra ha buttato la maschera e il suo vero volto falso e bugiardo è apparso agli occhi di tutti, Si è visto in America Latina non molto diversamente di come si è mostrata in Europa.

 


RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 460
 

Sì mystes, qui c'è un esempio - che sicuramente conoscerai - di politica criminale latino americana e "comunista", nonché globalista. La parola d'ordine è parassitismo, assistenzialismo, infiacchimento della volontà dei giovani e loro sudditanza verso lo stato che li mantiene, facendo finta di dedicarsi al sociale e alla cultura:

https://www.maurizioblondet.it/reddito-di-cittadinanza-in-venezuela-utopia-realizzata/

Un pò come i nostri operatori delle ARCI e del settore accoglionza,  senza dimenticare i nostri amici musicisti hippies sparsi un pò in tutta Italia a grattarsi la pancia mentre strimpellano Bela ciao.
Purtroppo quando mancano gli ideali autentici e i principi sani, si va incontro a questo tipo di infiacchimento della gioventù. Anzi è che predominano proprio ideali e principi (relativismo, edonismo, materialismo, ecc), diffusi in ogni modo dalle classi dirigenti "comuniste", globaliste...


RispondiCitazione
Andreabras
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 90
 

Che bello, non sapevo ci fossero tanti comunisti in Brasile e nel  mondo. Sono proprio contento


RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1467
Topic starter  
Pubblicato da: @andreabras

Che bello, non sapevo ci fossero tanti comunisti in Brasile e nel  mondo. Sono proprio contento

Nel mondo non so, ma in Brasile ce ne sono facilmente identificabili sotto le diverse sigle di partito o di sindacato e per mezzo delle idee che professano.

 


RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 460
 

E visto che sei così contento, potresti dare un'occhiata a questo video diviso in 10 parti e farmi sapere cosa ne pensi? Che ancora ne devo trovare uno...
Magari comincia dalla 7a:
https://www.bitchute.com/video/ZyOWVcr5ZSf4/


RispondiCitazione
Condividi: