Notifiche
Cancella tutti

IL VENEZUELA DECIDE DI INVADERE LA GUIANA


mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1420
Topic starter  

 

 

 

 

 

 

La Guiana Essequibo, uno stato posto al confine tra Brasile e Venezuela, è un territorio ricco di petrolio e di materie prime e stuzzica gli appetiti di Maduro che si preparerebbe ad un'invasione militare per occupare la regione.

Le notizie hanno posto in allarme le forze armate brasiliane che hanno inviato truppe nella regione per rafforzare la difesa dei confini dalle minacce di invasione.

Le voci di invasione, secondo cui il Venezuela potrebbe invadere la Guyana per combattere militarmente e conquistare la regione di Essequibo, che rappresenta oltre il 60% del paese.

Il governo venezuelano ha annunciato che il 3 dicembre si terrà un controverso referendum sulla regione contesa.

In esso verrà chiesto ai venezuelani, tra le altre cose, se appoggiano la creazione dello stato della Guyana Esequiba e un piano per concedere la cittadinanza venezuelana ai suoi abitanti.

Secondo il governo della Guyana, il referendum rappresenta una minaccia esistenziale all'integrità territoriale del paese e ha chiesto alla Corte Internazionale dell'Aia di fermarlo.

Il Venezuela ha criticato la richiesta, sostenendo che interferisce con i propri affari interni.

Prima di iniziare l'attacco, il governo del dittatore Nicolás Maduro vorrebbe convocare la popolazione per partecipare a un referendum fissato per il 3 dicembre, nel quale la gente potrà dire se appoggia o meno la creazione di una nuova provincia chiamata Guiana Esequiba, che oggi confina con la Guyana brasiliana.

Nel sito, formato da 160 mila chilometri, ci sono importanti e ricchissime riserve naturali, come le riserve di petrolio stimate in 11 miliardi di barili. Nella proposta di Maduro, i 125 mila abitanti di quella regione sarebbero integrati nel Venezuela e riceverebbero la nazionalità venezuelana.

Di fronte al conflitto armato che potrebbe esplodere da un momento all’altro, il senatore brasiliano Hiran Gonçalves ha chiesto al Ministero della Difesa di rafforzare le Forze Armate a Pacaraima, città brasiliana al confine con il Venezuela.

In risposta, il ministro José Mucio ha assicurato che rafforzerà la sicurezza della regione, poiché la città situata nel nord dello stato di Roraima è un punto strategico di accesso all'Essequibo.

La Guyana ha un documento (un trattato) firmato dalla Francia nel 1899 che le concede il territorio rivendicato dal Venezuela. Il documento in questione stabilisce tutti i confini attuali del paese.

Il regime di Maduro vuole le terre della Guyana, sostenendo che un trattato firmato con il Regno Unito nel 1966, prima dell'indipendenza della Guyana, gli concede l'intero territorio dell'Essequibo.

Da quando è stato firmato l’accordo, il Venezuela ha disputato la regione, ma la lotta si è intensificata a partire dal 2015, dopo che la compagnia americana ExxonMobil ha scoperto dei giacimenti petroliferi nella zona.

 

https://pleno.news/mundo/maduro-pode-invadir-a-guiana-defesa-pede-reforco-na-fronteira.html

 

Questa argomento è stata modificata 2 mesi fa da mystes

Citazione
Luca VFR
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 113
 

Be' ci tenterà. Ovviamente ci prenderà la classica "musata sui denti" e se ne tornerà a casina con la coda tra le gambe.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3104
 

Probabilmente Maduro tenta la carta della violenza aperta, mascherata da referendum e da altro, sulla base dell' idea del declino USA. Anche questo fa parte dello sfaldarsi del sistema americano di 'contenimento' delle spinte centrifughe proprio nel loro 'giardino di casa'. Non riesco a capire però perchè il Venezuela intenda annettere quel territorio quando è già ricchissimo di materie prime. Sotto l'aspetto diplomatico-strategico è una colossale cantonata: oggi il Sudamerica ha bisogno di unità fondata su nuove idee e non di guerre assurde su questioni di confini di secoli fa, anche se la ragione vera è probabilmente una rivalità con il Brasile per vecchie questioni pre-Lula.

Parrebbe che i dittatori stessi abbiamo una sorta di 'cupio dissolvi' circa i loro stessi regimi e Maduro non fa eccezione. Chi ne approfitterà ? 


RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1420
Topic starter  

Ne approfitterà mamma America naturalmente che fa l'occhiolino a Lula e amoreggia con Maduro.


RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1420
Topic starter  

La Corte Internazionale di Giustizia , organo dell'ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite), ha deciso che il Venezuela non può annettere l'Essequibo, regione ricca di petrolio e risorse naturali, amministrato dalla Guyana, che Caracas rivendica, la Corte inoltre ha richiesto che si eviti qualsiasi iniziativa che comprometta lo status quo con il paese di confine. “Il Venezuela deve astenersi da qualsiasi azione che modifichi la situazione attualmente in vigore nel territorio controverso”, ha deciso la Corte. La Corte si pronuncia sulle controversie tra Stati. Le sue decisioni sono vincolanti, ma non ha il potere di farle rispettare.
Per decenni, il Venezuela ha rivendicato la sua sovranità sull'Essequibo, una regione di 160.000 km² a ovest del fiume Essequibo, pari al 70% del territorio della Guyana, dove vivono 125.000 degli 800.000 abitanti del paese che ha ottenuto l'indipendenza dall'Inghilterra nel 1966.
La decisione arriva due giorni prima dello svolgimento del referendum non vincolante, indetto da Caracas per il 3 dicembre,
Le rivendicazioni del Venezuela sono aumentate dopo la scoperta del petrolio nell' Essequibo da parte di ExxonMobil nel 2015. Il mese scorso, la Guyana ha annunciato un’altra importante scoperta che arricchisce di almeno 10 miliardi di barili le riserve del paese, rendendole più grandi di quelle del Kuwait e degli Emirati Arabi Uniti. In questo modo, la Guyana diventa una delle più grandi riserve di petrolio del mondo.

Questo post è stato modificato 2 mesi fa da mystes

RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1420
Topic starter  
Pubblicato da: @mystes

La Corte Internazionale di Giustizia , organo dell'ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite), ha deciso che il Venezuela non può annettere l'Essequibo, regione ricca di petrolio e risorse naturali, amministrato dalla Guyana, che Caracas rivendica, la Corte inoltre ha richiesto che si eviti qualsiasi iniziativa che comprometta lo status quo con il paese di confine. “Il Venezuela deve astenersi da qualsiasi azione che modifichi la situazione attualmente in vigore nel territorio controverso”, ha deciso la Corte. La Corte si pronuncia sulle controversie tra Stati. Le sue decisioni sono vincolanti, ma non ha il potere di farle rispettare.
Per decenni, il Venezuela ha rivendicato la sua sovranità sull'Essequibo, una regione di 160.000 km² a ovest del fiume Essequibo, pari al 70% del territorio della Guyana, dove vivono 125.000 degli 800.000 abitanti del paese che ha ottenuto l'indipendenza dall'Inghilterra nel 1966.
La decisione arriva due giorni prima dello svolgimento del referendum non vincolante, indetto da Caracas per il 3 dicembre,
Le rivendicazioni del Venezuela sono aumentate dopo la scoperta del petrolio nell' Essequibo da parte di ExxonMobil nel 2015. Il mese scorso, la Guyana ha annunciato un’altra importante scoperta che arricchisce di almeno 10 miliardi di barili le riserve del paese, rendendole più grandi di quelle del Kuwait e degli Emirati Arabi Uniti. In questo modo, la Guyana diventa una delle più grandi riserve di petrolio del mondo.

Maduro si permette di fare ki sbruffone perchè a Brasilia c'è il "compagnero" Lula, il quale avrebbe molte difficoltà a reagire in caso di una "mobilutazione" di truppe venezuelane al confine col Brasile.

 


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3104

RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1420
Topic starter  

Maduro, dittatore esclusivo ed assoluto del Venezuela, annuncia la "nuova carta geografica" (solo i duttatori hanno il potere unico ed assoluto di cambiare la geografia delle nazioni) e designa un Generale di sua fiducia come "autorità unica della Guiana Essequiba".

Anche gli Stati Uniti si stanno muovendo e hanno deciso di inviare truppe al confine con la Guiana: il rischio di una guerra regionale non può essere escluso.

(il video è in spagnolo)

https://twitter.com/i/status/1732176000333590732

Fonte: https://www.jornaldacidadeonline.com.br/noticias/53876/urgente-maduro-anuncia-equotnovo-mapaequot-da-venezuela-e-designa-general-como-autoridade-unica-da-guiana-essequiba-veja-o-video

Questo post è stato modificato 2 mesi fa da mystes

RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3104
 

Accordo Venezuela-Guyana: no a uso della forza per disputa su Essequibo (msn.com)

Parrebbe che la ragionevolezza stia piano piano tornando in campo...i rischi erano superiori ai guadagni.


RispondiCitazione
Condividi: