Notifiche
Cancella tutti

Prigozhin ucciso per mano russa?

Pagina 1 / 2

sarah
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 434
Topic starter  

Riporto solo la notizia di stampa.

Russia: si schianta Jet privato, "a bordo Prigozhin" (agi.it)

 


Citazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4045
 

Aspetto che venga identificato il corpo di Prigozhin prima di decretarne la morte. Per ora c'è solo il suo nome nella lista dei passeggeri. Non credo all'incidente aereo, le notizie che arrivano dalla Russia dicono che è stato colpito dalla contraerea. 


sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
Astronauta
New Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4
 

Sputnik parla del ritrovamento di otto cadaveri. Sull’ aereo erano in 10. Sulla lista dei passeggeri c era il nome di Prigozin.


RispondiCitazione
sarah
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 434
Topic starter  

@PietroGE. Senza dubbio. Al momento ci sono brevi notizie di agenzia e un milione di speculazioni giornalistiche su chissà quali scenari futuri. E' tutto da vedere.


RispondiCitazione
Tashtego
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 673
 

Non credo che i russi avrebbero ucciso dieci persone per far fuori Prigozin ed il vice. Piuttosto la Wagner stava diventando un problema dell'occidente anche in Africa... Sempre interessante Orsi: https://www.youtube.com/watch?v=fQpT3wBaM7I&ab_channel=StefanoOrsi


RispondiCitazione
sarah
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 434
Topic starter  

Lentamente emergeranno dettagli e interpretazioni più coerenti. Anche oggi, tra l'altro, appare strano che i vertici di questa divisione viaggiassero su uno stesso aereo. L'unica notizia resta, come dice @PietroGE, il nome di Prigozhin nella lista dei passeggeri.


RispondiCitazione
Astronauta
New Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4
 

Si fanno conoscere il nome di Prigozin nella lista passeggeri.Gli altri nove chi sono?


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3012
 

Un colpo tremendo per la credibilita' complessiva della Russia, sia che P. sia deceduto sia no. E' evidente che si sia trattato di un 'incidente' che fa seguito al siluramento del massimo generale Surovkin, responsabile delle forze aeree e spaziali: si era opposto all' incidente ? Impossibile saperlo.

Altro disastro di immagine lo schianto sulla Luna del modulo russo. Anche qui poche info, tra le quali una di fonte blogger X che si sia trattato di una eliminazione attraverso un raggio laser UK, cosa che potrebbe essere stata poi replicata per Prigozhin, dato lo strano percorso a zig zag dell'aereo caduto, forse manomesso nell'elettronica da apparati satellitari 'ombra'.

Complessivamente fatti e notizie senza adeguate spiegazioni o certezze. Se pero' i due fatti hanno un link e questo link si trova sul Tamigi, allora temo che non ci sara' alcun avviso di spostamento del the' delle cinque.


BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4045
 

Rimane il fattaccio di Giugno, cioè l'ammutinamento e la condanna di Putin di quella specie di insurrezione abortita come tradimento, e in guerra i tradimenti si pagano con la vita. Una cosa del genere non te la fanno passare neanche nelle repubbliche di banane, figuriamoci in Russia. Dispiace vedere che nel 'cordoglio' di Putin non vengano riconosciuti i successi militari della Wagner in Ucraina. Solo a Bakmut, per conquistare un cumulo di rovine hanno perso 20 000 uomini ed erano molto temuti dalle truppe ucraine. Prigozhin, come si è visto 2 mesi fa a Rostov  godeva del supporto della popolazione russa anche perché diceva pane al pane e vino al vino: aveva affermato pubblicamente che l'operazione militare non era affatto necessaria e che le perdite ufficiali erano solo un quarto di quelle reali. Difficile pensare che gli ucraini, che pure ce l'avevano con Prigozhin, riescano mettere bombe in jet privati guardati a vista giorno e notte o, peggio ancora, che possano lanciare missili terra aria da una qualche base vicino a Mosca. A me sembra non solo un tentativo riuscito di decapitare la Wagner ma anche un avvertimento a tutti quelli che sono rimasti nel gruppo e pensano di continuare a mettersi in proprio che devono ritornare nell'esercito russo.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3012
 

Non so.

Mi è venuto in mente che l’eliminazione vera o mascherata del gruppo dirigente Wagner ( dobbiamo considerare anche questa possibilità) potrebbe essere il prezzo chiesto dagli Usa ( con la kippa) per chiudere il confronto e riconoscere lo status quo.

Se è così allora fra poco anche la testa di Ze’ cadrà in un modo od in un altro per reciproca simmetria. Ma non solo.

Quali che siano le ipotesi, Putin ha perso come comandante in capo legittimato da carisma personale.

Perché? La risposta sta nel ‘Canto di Igor’, pietra miliare dell’immaginario eroico russo: Prighozin era il capo militare con la sua ‘druzina’ fedele a lui sino al sacrificio supremo.

Non averlo difeso fa cadere la legittimazione della nomenclatura moscovita, come ai suoi tempi l’operazione afghana demolì il consenso interno quando si capì che era comandata da apparatnicki ottusi e burocrati inefficienti.

Simul stabunt simul cadent. 


sarah e BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 315
 

@oriundo2006

Se le cose stanno come pensi tu, e il condizionale è d'obbligo, le conclusioni che ne trai sono inoppugnabili, in quanto alla delegittimazione di Putin come comandante in capo. Non solo per il tradimento di un personaggio a lui vicino, che rappresenta un'unità militare di enorme importanza per la Russia, come dimostra il ruolo giocato in Africa più ancora che sul fronte ucraino, ma anche perché a questo punto scendere a patti di qualsiasi genere con gli anglo-americani sarebbe un atto di stupidità politica assolutamente imperdonabile.

Se invece l'attentato fosse stato organizzato dagli occidentali, la figuraccia sarebbe anche peggiore, rimediabile solo con una vendetta sanguinosa ed esemplare che però non si è ancora mai vista in circostanze precedenti, come ad esempio l'abbattimento dell'aereo che trasportava il coro dell'Armata Rossa. Non rimane che sperare che si sia trattato di una messa in scena concordata, come ipotizzano alcuni (ma con dieci morti!), nell'ambito di una fine strategia che a noi umili non è dato conoscere.


sarah e oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
Tashtego
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 673
 

Trovo piuttosto divertente che si possa pensare che Putin si sia vendicato facendo precipitare l'aereo su cui viaggiava Prigozhin proprio su territorio russo, quando poteva farlo eliminare in Africa da qualche sedicente terrorista o in altra maniera, poi proprio durante il vertice dei Brics (gran scelta di tempo), facendo inoltre una strage. Insomma, per un uomo che ha salvato la Russia dalla distruzione contro un intero sistema globale semi-onnipotente, avrebbe commesso una serie di errori da principiante. Ma anche solo pensarlo è sospetto. Inoltre, chi ne ha studiato la storia sa bene che è un uomo dotato di una sua etica e sempre coerente. Non esclude l'eliminazione fisica di un eventuale traditore, certo ( a questo proposito è più probabile che abbia fatto eliminare Litvinenko. Mentre i cosiddetti attentati agli Skripal o a Navalny son palesi macchinazioni occidentali cui può credere solo un ingenuone completamente digiuno di mentalità critica), ma non accetterebbe una strage voluta di innocenti. E non sto mitizzando un uomo, non lo scambio per un santo. E' un politico ed all'occorrenza un uomo di guerra, ma non uno di quegli aborti d'umanità privi di onore e lealtà che dirigono le cose qui da noi. Inoltre, abbiamo una Russia che sta mettendo in ginocchio la macchina bellica della Nato in Ucraina, sta facendo sloggiare l'occidente coloniale dall'Africa ed ha provocato, insieme alla Cina, la corsa per l'adesione ai Brics (eventi dovuti proprio alla dimostrazione di forza di Putin che ha mostrato che gli onnipotenti non son poi così onnipotenti, facendo prendere corraggio a tanti stati stufi della dominazione anglosionista)  e ci concentriamo sul fatto che riceve un colpo di questo tipo dicendo che Putin ne esce indebolito. Quando sta avanzando su tutta la linea, interna ed internazionale e provoca questi colpi della disperazione da parte di chi schiuma solo rabbia (certo pretendere che possa sconfiggere l'impero senza subire alcun colpo ha del farneticante). Chiudo col titolo di questa discussione "Prigozhin ucciso per mano russa?" in perfetto stile mainstream che suggerisce la soluzione desiderata (tanto spesso la gente legge solo i titoli). 


RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 315
 

@Tashtego

Ma anche solo pensarlo è sospetto.

In politica si può e si deve pensare qualsiasi cosa, senza escludere nessuna eventualità, e poi esercitare il senso critico per cercare di discernere correttamente. Del resto, su questo sito la gente tende a non fermarsi ai titoli, come avrai spesso constatato.

Detto questo, ritengo anch'io improbabile che Prighozin sia stato ucciso da Putin, per le ragioni che spieghi tu. È molto più probabile che siano stati i nemici della Russia. Ma non possiamo scartare l'eventualità che costoro abbiano agito attraverso traditori interni, e di questi ce n'è una legione. Ce n'erano già molto prima della caduta dell'URSS, dal 1992 in avanti si sono impossessati di settori chiave della Russia, e una purga a fondo non è mai stata condotta, perché i rapporti di forza non lo consentono.

Penso a mia volta che Putin abbia un'etica sconosciuta alla gentaglia che governa da noi. Ma viviamo in un mondo complesso, e le cose che non sappiamo sono troppe, soprattutto riguardo ai reali retroscena degli eventi che stanno trasformando il mondo. I nemici dell'umanità, coloro che controllano la finanza, hanno sempre agito allo stesso modo: creare due blocchi contrapposti e metterli l'uno contro l'altro, provocando immani sofferenze umane. E tutte le volte c'è sempre stata una narrativa di Buoni contro Cattivi, in entrambe le fazioni, in cui milioni hanno creduto in buona fede pagandone un prezzo carissimo. Mentre i colpevoli l'hanno sempre fatta franca.

In questo conflitto, che potrebbe essere solo l'inizio di qualcosa di peggio, ci sono troppe similitudini con quelli passati. Ad esempio, l'Ucraina sta giocando quasi esattamente lo stesso ruolo che fu riservato alla Polonia nel 1939, e alla Serbia nel 1914. Anche la Polonia si mise a massacrare le minoranze tedesche, nell'estate del 1939, cosa che stranamente mai nessuno ricorda... Anche allora c'erano potenze più forti, ma in declino - pienamente controllate dalla cabala - che volevano schiacciare nuove potenze in ascesa. E ci riuscirono. Anche allora i conflitti furono premeditati e scatenati apposta - avendo cura di farne ricadere la colpa sugli aggrediti - al fine di distruggere il sistema esistente e sostituirlo con nuovi assetti, radicalmente diversi e funzionali agli interessi dei burattinai: ossia, passi ulteriori verso il Governo Mondiale, che potrebbe ben essere lo sbocco finale di tutto questo casino, con il multipolarismo come cortina di fumo, per cui ci accorgeremo di come stanno realmente le cose a giochi ormai fatti. Se saremo ancora vivi.

La Russia è chiaramente dalla parte della ragione, dal punto di vista politico e morale. Ma la sua narrativa non è convincente, avrebbero potuto chiudere la partita in pochi giorni l'anno scorso, e la guerra che invece si sta conducendo è assurda e atroce. Che stiano mettendo in ginocchio la NATO è una tua ipotesi, forse valida e forse no. La distruzione dell'economia europea è funzionale agli americani, come anche lo sloggiare le potenze coloniali europee dall'Africa. In quanto ai BRICS, non ci farei troppo affidamento in caso di conflitto generalizzato. E non si tratta di sconfiggere l'impero senza subire un colpo: si tratta di rispondere ai colpi, cominciando dal caso della Moskva e il ponte di Kerch, continuando con Darya Dugina e i giornalisti russi, per finire con lo smacco dell'attentato a Prigozhin, con rappresaglie credibili che facciano male sul serio. 

Non sono in grado di operare rappresaglie? Allora il tuo discorso dell'"avanzata su tutta la linea" non avrebbe senso. Io credo invece che non vogliano farlo, e se permetti è un cosa che fa pensare, e anche parecchio.


sarah e oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
Tashtego
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 673
 
Pubblicato da: @brunowald

@Tashtego

Ma anche solo pensarlo è sospetto.

La Russia è chiaramente dalla parte della ragione, dal punto di vista politico e morale. Ma la sua narrativa non è convincente, avrebbero potuto chiudere la partita in pochi giorni l'anno scorso, e la guerra che invece si sta conducendo è assurda e atroce. Che stiano mettendo in ginocchio la NATO è una tua ipotesi, forse valida e forse no. La distruzione dell'economia europea è funzionale agli americani, come anche lo sloggiare le potenze coloniali europee dall'Africa. In quanto ai BRICS, non ci farei troppo affidamento in caso di conflitto generalizzato. E non si tratta di sconfiggere l'impero senza subire un colpo: si tratta di rispondere ai colpi, cominciando dal caso della Moskva e il ponte di Kerch, continuando con Darya Dugina e i giornalisti russi, per finire con lo smacco dell'attentato a Prigozhin, con rappresaglie credibili che facciano male sul serio. 

Non sono in grado di operare rappresaglie? Allora il tuo discorso dell'"avanzata su tutta la linea" non avrebbe senso. Io credo invece che non vogliano farlo, e se permetti è un cosa che fa pensare, e anche parecchio.

La guerra in Ucraina è stata provocata dalla NATO (per quel che mi riguarda leggi mafia Kazara), allo scopo di indebolire la Russia, portandola allo stremo, vedi Afganisthan a suo tempo. Senonchè di là c'è un uomo, Putin, circondatosi di un entourage validissimo, che sapeva in anticipo questo ed ha usato la tattica del nemico contro di lui (il Judo in questo insegna, effettivamente). Quindi prima di intervenire hanno preparato un apparato industriale capace di produrre munizioni ed armi ad un ritmo molto maggiore rispetto all'occidente collettivo (golem dei soliti noti), si sono dotati di armi quali i missili ipersonici che l'occidente non ha (e che quando Putin presentò venne perculato da tutto il mainstream come divulgatore di "fake news". Salvo vederli poi rimanere con la boccuccia a culo di gallina al primo utilizzo degli stessi) e si sono preparati alla prevedibile guerra delle sanzioni. La guerra di logoramento contro la Russia, si è trasformata in una guerra di logoramento contro l'occidente collettivo che non ne può reggere il ritmo. Di qui la volontà di non finirla subito. Quando parlo dei Brics non mi riferisco all'efficacia in un conflitto militare, ma alla de-dollarizzazione ed alla fine del controllo del mercato delle energie; altro fattore di logoramento per l'occidente collettivo. La guerra è già adesso generalizzata, benchè militarmente si svolga solo, per ora, in teatri localizzati quali Siria, Ucraina e forse prossimamente Niger e dintorni, poiché si sta determinando il futuro assetto mondiale. Se le elite (sic...) che ci dominano sono sufficientemente folli lo scontro può diventare mondiale anche militarmente parlando. Putin, o meglio la Russia, allo stato attuale ha fermato un processo che sembrava ineluttabile prima in Siria (eh, niente "grande israele") ed ora un po' ovunque nel mondo, utilizzando la forza o la diplomazia a seconda dei casi. L'accelerazione dei mafiosi di cui sopra non è riuscita nonostante l'immenso potere di cui godono (potere basato però sulla corruzione morale degli uomini e quindi dei loro quadri. Cosa che ha i suoi inconvenienti se ti confronti con avversari tutti d'un pezzo). E siamo qui a parlare dell'indebolimento di Putin. Che prima doveva essere morto per millemila malattie, poi doveva essere rovesciato perchè le sanzioni lo indebolivano, poi doveva esssere rovesciato perchè la Wagner marciava su Mosca... ora perchè gli avrebbero colpito uno che può sostituire quando vuole, mentre, al solito, il popolo russo si compatta intorno al leader ad ogni colpo ingiusto che riceve...

Questo post è stato modificato 3 mesi fa da Tashtego

RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3012
 

Provocatoriamente, se devo seguire Magalfdi con le Ur Lodges, parzialmente confermato dalle esternazioni di Soros e di Schwab ( mai che si dica nei presstituti che costoro delirano...perche' in effetti dicono la verita', la loro beninteso ) il governo mondiale c'e' gia': quello che vediamo oggi e' il raggiungimento di un post-governo-mondiale totalitario.

Quello che si vuole arrivare da parte degli occidentali non e' un governo 'mondiale', che ripeto c'e'e gia' in larghissima parte del mondo favorito dalle conquiste scientifiche e cibernetiche, nonche' dai diversi cavalli di troia incistati negli stati, ma il governo di uno solo, piramidale, totalitario, unico e unitario in quanto solo al mondo a decidere del bene e del male sulla Terra. A suo insindacabile arbitrio.

Per questo avvengono le lotte attuali per una 'full spectre dominance', in ogni Paese, in ogni continente, anche all' interno dei Paesi stessi, lotte irrazionali e superflue perche' c'e' gia' oggi l' unita' del mondo umano su base di tanti capisaldi politici, economici, finanziari, scientifici e tecnici ( eccettuati alcuni stati ancora marginali come l' Afghanistan o certe isole del Pacifico ).

Quello a cui si mira in fine del ragionamento, non e' una assemblea tipo quella dell' ONU, gia' ora assolutamente pletorica e fuori tempo, ma la possibilita', anzi la certezza, che a capo del genere umano vi sia una sola persona assistita da un cenacolo di 'illuminati' selezionati sulla base della loro 'fede' assoluta in tale entita'.

Persona...o piuttosto infatti 'entita' che promani a suo arbitrio e sulla base dell'acquiescenza dei tantissimi superflui mangiatori inutili ( perche' purtroppo e' cosi' e basta vedere le facce dei beoti nei ristoranti per capirlo ) le sue inoppugnabili e totalitarie 'regole'.

Abbiamo gia' visto in azione tale entita', nei differenti moonoteismi che rivendicano ognuno la priorita' della 'scoperta' della caratteristiche di tale 'entita' ( nell' Islam questo e' un tema molto forte ) travestendola da sofismi teologici ( e qui il cattolicesimo e' maestro ) e circondandola di venerazione spinta all'abolizione di ogni remora anche verso i propri correligionari ( ebraismo cabalistico: ed e' questa l' origine della lotta attuale in Israele della necessaria 'ragionevolezza' delle decisioni che costoro prendono, sapendo che i Parlamenti sono solo esecutori delle regole che il 'pilota automatico' ha in mente per il Piano ).

Questa e' dunque la lotta che attraversa il mondo moderno e che a differenza del passato non riguarda uno statuto politico ma la certezza della fine della vita sul Pianeta perche' tale 'entita' ha graziosamente gia' fatto sapere che non vi potranno essere piu' di 144 mila 'eletti' degni della sua attenzione salvifica.

Questo delirio monolatrico ci sta portando direttamente all' abisso.


PietroGE, BrunoWald e sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: