Notifiche
Cancella tutti

Trump-Putin-euscettici vs Cnton-Obameuropeisti-3aVia no?


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8313
Topic starter  

Anche in occasione dell' assassinio dei 5 poliziotti statunitensi a Dallas

Sembrano duellare solo le due correnti di opinione maggioritarie

Quella pro Putin, euroscettica, pro Trump (per forza di inerzia...intellettuale) e poco amica di migrazioni e minoranze

E quella pro Obama, europeista, pro Clinton, pro rifugiati con il bollino ma contro i poveri che cercano una vita migliore,

Ma tra queste due correnti di opione c' e' la possibilita' di una terza via,

Dalla parte degli ultimi, del sud del mondo, dei meno abbienti, dei migranti e degli afroamericani,

Qquesto post non da alcuna notizia nuova,

Ma vuole indurre al ragionamento, ognuno con la sua testa,

Non c'e' solo la scelta tra Trump e Clinton

Tra Putin e Usa

Tra euro e uscita dall'euro,

C'e' anche la scelta tra ricchi e poveri, tra pace e guerra, tra societa' aperta e difesa ognuno del proprio orto, sia questo un enorme patrimonio o una identita' nazionale.

Marcopa


Citazione
makkia
Prominent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 755
 

Anche in occasione dell' assassinio dei 5 poliziotti statunitensi a Dallas, sembrano duellare solo le due correnti di opinione maggioritarie:
- quella pro Putin, euroscettica, pro Trump (per forza di inerzia...intellettuale) e poco amica di migrazioni e minoranze
- e quella pro Obama, europeista, pro Clinton, pro rifugiati con il bollino ma contro i poveri che cercano una vita migliore.

Ma tra queste due correnti di opione c' e' la possibilita' di una terza via: dalla parte degli ultimi, del sud del mondo, dei meno abbienti, dei migranti e degli afroamericani.

Questo post non da alcuna notizia nuova, ma vuole indurre al ragionamento, ognuno con la sua testa.

Non c'e' solo la scelta tra Trump e Clinton, tra Putin e Usa, tra euro e uscita dall'euro...
C'e' anche la scelta tra ricchi e poveri, tra pace e guerra, tra societa' aperta e difesa ognuno del proprio orto, sia questo un enorme patrimonio o una identita' nazionale.

Mi sono preso la libertà di rendere leggibile il post. Giusto qualche punteggiatura e un po' meno a capi.

Nel merito:
Bene la chiamata a essere meno manichei.
Male chiamarlo "ragionare con la propria testa". E' una preterizione (fallacia logica) ai danni di chi aderisce a uno schieramento: dov'è scritto che lo fa "senza usare la propria testa"?

Malissimo la faccenda della "scelta" tra poveri e ricchi e della difesa dell'orto contro società aperta. Non sono affatto "vie di mezzo" fra le posizioni presupposte manichee: sono schieramenti netti e predisposti come eticamente gerarchici (cioé autoproclamntesi moralmente superiori).

E' l'ideologia (perdente) della sinistra liberal: quella che i problemi li ha spazzati sotto il pavimento, fatti crescere come un'infezione sotto pelle e adesso piagnucola perché ha paura del chirurgo che incide il bubbone e chiede invece antibiotici e anti-infiammatori (e dilazione della soluzione).

Non c'è più tempo per salvare la faccia alle sinistre, sorry.
C'è da ragionare sulle soluzioni e scegliere chi meglio le può portare a compimento.
Questo comporta un rischio di radicalizzazione delle posizioni. Vero. Ma la via di mezzo non può essere il non schierarsi programmatico. La vera via di mezzo è l'analisi asciutta (possibilmente espunta da moralismi preconcetti e appelli emotivi).


RispondiCitazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8313
Topic starter  

In questi giorni la illegibilita' dei miei post e' dovuta al fatto che uso un tablet che non so usare bene nemmeno nelle operazioni piu' elementari e frequenti, inoltre scrivo in ritagli di tempo molto ridotti e poco programmabili.

Per il resto mi riservo una risposta piu' meditata perche' il tema , espresso di getto, merita di essere affrontato piu' seriamente,

Ringrazio Makkia della attenzione.


RispondiCitazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8313
Topic starter  

Il tema e' enorme e importantissimo,

e forse neanche chi ha una cultura enorme riuscirebbe a dare risposte non troppo parziali, nel senso di non troppo limitate e che diano un quadro generale sufficientemente ampio.

Inoltre forse sono anche questi anni ultimi, con i nuovi mezzi di comunicazione, che rendono difficili analisi complesse e facilitano invece informazione e ragionamenti frammentati.

Comunque come terza via tra

Trump, Putin e euroscettici

e

progressisti ormai bruciati come tali, tipo democratici USA, socialdemocratici europei, europeisti acritici,

intendo una nuova sinistra tutta da costruire e quasi completamente da inventare,

che cerchi di rappresentare i deboli, siano essi lavoratori dipendenti, giovani, migranti, minoranze

e che metta da parte completamente la corruzione, l'opportunismo, l' ipocrisia,
della sinistra europea degli ultimi decenni,

da dove cominciare ?

Da questioni parziali ma importanti, il non professionismo dei politici, la non superficialita', , il non egoismo, essere contro la guerra, il pensare anche a chi e' piu' debole di noi.

Parole generiche quest' ultime, ? Forse, ma sta a tutti noi non limitarsi a parlare e fare qualcosa di concreto e coerente.

Rimango convintissimo pero' che sia stupido

Pensare, dire, scrivere, che si deve scegliere tra Putin,Trump, euroscettisci, oppure tra pseudo progressisti ormai superati come Obama, Clinton, europeisti, sinistra europea socialdemocratica.


RispondiCitazione
Condividi: