Notifiche
Cancella tutti

Un presidente che ormai fa solo pena

Pagina 2 / 2

BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 407
 

Io di complottismi ne ho sentiti tanti ma uno arzigogolato come questo mi giunge nuovo. Gli americani farebbero apposta a presentare al mondo una persona in questo stato  come capo del governo???

Non ci siamo capiti. Gli americani non decidono un bel nulla: almeno dal 1913 sono sottomessi agli stessi poteri occulti a cui siamo soggetti anche noi. Mi riferisco ovviamente alla mafia kazara che ha la sua base di potere nella finanza e nei media, e della quale il cosiddetto deep state è l'emanazione diretta. Pare che nel secondo dopoguerra, all'apogeo dell'impero americano, alcuni settori dell'elite anglosassone abbiano cercato di riprendere il controllo della situazione: i destini di Kennedy e Nixon ci dicono com'è andata a finire. L'attuale vicenda di Trump potrebbe inserirsi nello stesso ordine di idee, come hai fatto presente anche tu (e faccio enfasi sul condizionale...).

La candidatura di Biden, già inverosimile a suo tempo, e la frode elettorale con cui è stato portato alla Casa Bianca, sono state scelte deliberate della mafia globalista, assolutamente non americana in essenza, e potenzialmente anti-americana: scelta apparentemente inspiegabile, su cui ho provato a formulare un'ipotesi, in sintonia con la tesi di Bertozzi. Tutto qui.

Non avevano bisogno di un vecchio svanito per governare direttamente: lo facevano anche con Obama, e potevano continuare a farlo tranquillamente con qualunque altro prestanome, con  la parziale eccezione di Trump. Per questo, ho proposto la spiegazione esposta nel post precedente, ben sapendo che ignoriamo quasi tutto e le nostre ipotesi, a cominciare dalle mie, sono poco più di un esercizio mentale, tipo le parole crociate: sono un buon passatempo, e ci permettono di intrattenerci tra di noi.

 

PS: ci sarebbe anche un'ipotesi alternativa, che però fa rabbrividire. Mi riferisco all'eventualità che sia in programma un nuovo conflitto globale, che scoppierà perché la situazione sfuggirà di mano a un vecchietto svanito, in modo che a posteriori la colpa non sarà di nessuno, ma a prenderlo in quel posto saremmo sempre noi. Ecco perché preferisco non prendere per buona quest'ultima ipotesi, e mi tengo la precedente, toccandomi nel contempo le bocce.

Questo post è stato modificato 1 mese fa 2 volte da BrunoWald

Darkman, Bertozzi, sarah e 1 persone hanno apprezzato
RispondiCitazione
Martin
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 85
 

L'elite kazara, come la chiami tu, e' presente nella Presidenza Biden attraverso Blinken, la Nuland (vice di Blinken, la regista del colpo di stato in Ucraina), Sullivan (Cons Sicurezza), Garland (Attorney General e regista della persecuzione giudiziaria di Trump), Yellen (Tesoro) e Mayorkas (Homeland Security), unico sefardita, tutti gli altri sono askhenazi. Fuori Presidenza, c'e' Kaplan (marito della Nuland) e ovviamente Soros. I citati esponenti della Presidenza Biden, meno Mayorkas che e' sefardita di origine cubana, sono tutti nipoti di nonni emigrati dal Pale of Settlement zarista, come evidente dalle biografie pubblicamente disponibili su Wikipedia in inglese. E' quindi tutto alla luce del sole.

Tale concentrazione nel Governo del Paese guida dell'Occidente e' assolutamente eccezionale e non ha alcun remoto paragone in nessun altro Paese del blocco occidentale. I citati sono tutti esponenti di punta della lobby neoglobal, sono americani e non hanno particolare simpatia per Israele. Infatti il genocidio deciso da Netanyahu, per la lobby neoglobal e' un problema serio, anche perche' sta complicando le gia' magre possibilita' di rielezione del pupazzo Biden. La maggioranza del popolo americano ha infatti perfettamente compreso la situazione, ed infatti, secondo tutti i polls, sostiene Trump con un buon 55%. E' qui in Europa che il 90% continua a non capire meno di nulla, nonostante sia ampiamente visibile che sia la Commissione UE che la BCE rispondono ai Dem USA, a totale danno degli interessi dei cittadini europei, dai tassi d'interesse ai miliardi per gli armamenti all'Ucraina.

C'e' una enorme frattura e contraddizione tra la maggioritaria componente neoglobal e la minoritaria componente territorialista filo israeliana, riassumibile nel conflitto e nell'estrema ostilita' reciproca tra Soros e Netanyahu, ma e' evidente che non siamo nemmeno in grado di comprenderla e di utiizzarla. I neoglobal agiscono per cancellare le sovranita' e le identità nazionali, anche via UE, mentre Netanyahu agisce invece per un super Stato, Israele, chiaramente nazionalista e razzista. 

Noi Europei dovremo giocare un ruolo ben diverso, ma salvo Orban letteralmente non esistiamo. Siamo colonizzati come mai almeno dagli anni 50. Ricordo che meno di 20 anni fa, Germania e Francia si erano opposte alla seconda invasione dell' Iraq, e nel 2008 Berlusconi aveva firmato un accordo con la Libia che avrebbe dato benefici enormi ad entrambi i Paesi.

Oggi non vola una mosca. Non resta che aspettare le elezioni USA e sperare che le vinca Trump.

Questo post è stato modificato 1 mese fa 3 volte da Martin

RispondiCitazione
sarah
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 506
 

Non riesco a dare tutti i torti a @Bertozzi e chiarisco subito perché avverto i toni già piuttosto accesi. Appurato che nessuno ha nominato cloni, sosia, dischi volanti e aree 51, la domanda che egli pone è tutt'altro che priva di senso. Se da un lato, infatti, gli acciacchi fisici e soprattutto la mancanza di lucidità del presidente sono fatti che non si possono occultare più di tanto, mi stupisce invece la passività con la quale il suo partito subisce in pieno la situazione in una maniera che chiaramente può condurre solo alla debacle elettorale. In alcuni casi pare persino che le difficoltà di quest'uomo vengano sottolineate in modo grottesco. Cui prodest? Faccio un'ipotesi: è possibile che il partito democratico, consapevole dei limiti di biden già al momento della sua candidatura, abbia deciso di "bruciarlo" mettendo in luce tutte le sue defaillance insieme? Direte voi, ma così significa perdere le elezioni. Ecco, però penso che non si debba trascurare la particolare complessità di queste prossime elezioni americane: molti sondaggi evidenziano il vantaggio di Trump e, a quanto ci viene detto, questa volta non si tratta della solita competizione tra due partiti ma sembra che vi sia l'urgenza di evitare in tutti i modi la vittoria del repubblicano outsider. E se questa vittoria sembra inevitabile a meno di non ricorrere a trovate singolari ( che non si possono escludere, come qualche nuova frode postale per convalescenti covid che però rischia di essere controproducente ), allora questa precoce distruzione del proprio candidato potrebbe essere una carta giocata in extremis. A proposito, una notizia riporta che una certa percentuale di americani ritiene sia Trump che Biden troppo vecchi per essere presidenti. Sia l'uno che l'altro: potrebbe già essere un piccolo risultato? Un po' come in un processo, quando l'imputato, palesemente colpevole, sembra non avere possibilità di evitare la condanna si ricorre come extrema ratio alla pietà verso il soggetto nel tentativo di ottenere un'insperata assoluzione. Ipotesi, naturalmente. Vi prego di non indirizzarmi diagnosi di malattie mentali o consigli di cure psichiatriche perché per la sottoscritta si tratta di complimenti. Scherzo, naturalmente e sto sorridendo. Il dibattito è sempre costruttivo.


Bertozzi hanno apprezzato
RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 407
 

E' quindi tutto alla luce del sole.

Forse per te o per me, ma il telespettatore medio, consumatore di telegiornali e talk show, non ha la minima idea di chi siano questi figuri. Pensa che sono "americani".

In ogni caso, quelli che citi sono semplici esecutori, figure secondarie per il fatto stesso che appaiono in pubblico, e che rivestono determinate cariche appunto perché li hanno messi là quelli che comandano davvero, a cui mi riferisco quando parlo della mafia kazara. Il concetto lo trovi illustrato sulle banconote verdi: il vertice della piramide è separato dal resto appunto perché non lo vedi, ed agisce senza essere "agito". Sono quelli che controllano i fondi d'investimento, la struttura finanziaria globale, la ricerca e la tecnologia di punta, i media, l'intelligence e molto altro, il tutto lontano dai riflettori. Così la gente comune se la prende con il politico Tizio o Caio, ma di questi che decidono del loro destino non sanno nemmeno che esistono. Saranno al più un paio di migliaia di individui, appartenenti ad antiche famiglie di cui i Rothschild non sono forse nemmeno la più importante (onestamente, non ne ho idea), e che appartengono inoltre a catene iniziatiche piuttosto sinistre. Ma su quest'ultimo aspetto, posso ben capire il scetticismo di chi ha una visione meramente razionalistica, ed è privo di una formazione esoterica.

Ora, per non divagare troppo, ribadisco il concetto centrale che ho cercato di esporre: costoro non avevano alcun bisogno di mettere alla Casa Bianca un vecchietto svanito per fare quello che volevano. Se ce l'hanno messo - cosa alquanto clamorosa, me ne darete atto - dev'essere per qualche altro motivo. Io vi ho proposto la mia ipotesi, basata su un ragionamento che ho cercato di esporre senza ambiguità; se qualcuno ha un'idea migliore, si faccia pure avanti. In fondo, siamo tutti qui per imparare.

Questo post è stato modificato 1 mese fa da BrunoWald

Bertozzi e sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
Martin
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 85
 

L'hanno messo li' perche' al tempo non c'era candidato Dem migliore, e soprattutto si tratta di un soggetto ampiamente malleabile. Solo che ora e' diventato un grosso problema, perche' anche i muri si sono accorti che e' parzialmente incapace di intendere e volere, ma non vuole andarsene. E' una fortuna, perche' le chance di una vittoria di Trump continuano ad aumentare, nonostante lo sporco tentativo di sbatterlo in galera e di espropriargli le proprieta' a New York.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3145
 

Mai sentito parlare di 'golem', ovvero Manchurian Candidate, persone addestrate o preaddestrate a reagire in una certa maniera e che poi vanno in frantumi perchè le diverse personalità non sono amalgamate per via di fatti nuovi o piuttosto per l' 'ingravescentem aetatem' ?

Biden all' inizio del mandato era relativamente 'sano', poi si è deteriorato: un giocattolo rotto. Come e perchè è da vedersi ma il peso della questione 'Burisma', in cui è coinvolto anche suo figlio ( i legami strettissimi con l' Ucraina e le pratiche immonde, anche pedo, che vi si svolgevano costituiscono uno dei motivi per cui era gradito ai poteri trasversali di Washington perchè 'esperto' di certe cose e ricattabilissimo ), lo ha probabilmente messo in contraddizione con sè stesso, sconvolgendo i delicati equilibri psichici di un ottantenne.

Noto che anche Trump potrebbe essere anche lui vittima delle tante situazioni 'calde' del suo dossier personale, vere o montate ad arte, ma tali da turbare la serenità mentale necessaria a chi ha costantemente il dito sul bottone fatale, prescindendo dall' età di Donald, che fa concorrenza a quella di Joe, e dalle sue 'sparate', degne di un attore di vaudeville. 

In realtà, allo stato attuale l' Impero sta perdendo su tutta la linea, sia quella interna dato l' assist dato in termini irrevocabili ai malati di mente sionisti in quel di Gerusalemme, che si divertono a metere in piedi l' apocalisse a proprio uso e consumo di vittime elette, ossimoro fatale, sia per la mancanza di una classe politica WASP o non WASP ma sopratutto 'proud', e dunque capace di una identità 'forte', essendo quella americana completamente fagocitata dall' Aipac e dalle degenerazioni Woke.

Se fossi in loro comincerei ad aver un certo qual brivido nella schiena...sono stati colonizzati dal Mostro come prima di loro tante altre formazioni politiche ed adesso non sanno leteralmente che fare. Biden è solo un dettaglio coreografico. Candidati DEM di peso non se ne vedono all'orizzonte. Trump è politicamente l'equivalente di un fart di Joe. Le femmine in politica sono vecchie delle squinzie senza cervello, per non dire peggio, o delle assatanate sanguinarie. 

Ripeto, il giocattolo si è rotto.

A questo punto ogni ipotesi è possibile, specie le peggiori.


Bertozzi e sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1438
 

La candidatura di Biden, già inverosimile a suo tempo, e la frode elettorale con cui è stato portato alla Casa Bianca, sono state scelte deliberate della mafia globalista, assolutamente non americana in essenza, e potenzialmente anti-americana: scelta apparentemente inspiegabile, su cui ho provato a formulare un'ipotesi, in sintonia con la tesi di Bertozzi. Tutto qui

 


RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1438
 

La mafia globalista è diffusa nelle due Americhe: la loro specializzazione è frodare tutto il rubabile, comprese le elezioni, Brasile 2023 docet


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3145
 

Riprendendo il discorso sui cloni, guardate un pò qui cosa ho scovato:

https://twitter.com/i/status/1758499805007888593

L'esistenza di una falsificazione sui personaggi politici è a mio avviso cosa certa. Troppe sono le foto completamente difformi.

Resta da spiegare e da chiedersi il perchè. Parecchi sarebbero già deceduti come certi bloggers, tipo Fulford, da tempo dicono ?

 


Bertozzi, BrunoWald e sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
INTP
 INTP
Eminent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 28
 

Perché lo fanno ? Probabilmente vogliono sapere fino a che punto possono spingersi con la dissonanza cognitiva. O magari sono dei test per un altro scenario, tipo quello raccontato da Viktor Pelevin in Generazione P, del 1999.

Quanto a Fulford mi sembra un altro QAnon, sono anni che dà per imminente l'arresto di tutto il carrozzone dei boss. Francamente l'idea che saranno i vari servizi segreti a salvarci è più che comica 😀

 


RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 407
 

@Oriundo2006

Molto interessante il link. Se davvero hanno sviluppato la tecnologia che consente di replicare le fattezze umane in una maschera indossabile, come si vedeva anche nella serie di "Mission Impossible", ovviamente si son guardati bene dal farcelo sapere, e questo li metterebbe nelle condizioni di fare un pò quello che vogliono, anche e soprattutto con i personaggi pubblici. Non ci sarebbe nulla di cui sorprendersi. Il regno dell'illusione finirà per fagocitare totalmente la realtà, già da tempo costretta sulla difensiva.


Bertozzi e oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
absitiniuriaverbis
Active Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 10
 

Un Primo elemento da considerare riguarda, ed a ragione, il concetto che prevede che ogni candidato sia sostenuto da una o più lobbies che intendono poi giovarsi dell'elezione del protetto di turno per vantaggi economici e non. È questo si collega al principio 'seguire i soldi'. 

Secondo elemento da considerare potrebbe essere la distinzione tra 'vincere le elezioni' e 'dover cavare il ragno dal buco' subito dopo. Ovvero, quanti sarebbero disposti a correre il rischio di rovinarsi faccia e carriera per cercare di venirec a capo di una situazione iper complessa come quella attuale? 

Chi fa della politica un mezzo per la carriera potrebbe considerare il presente momento un ottimo incentivo se non a perdere le elezioni  almeno a tenersene ragionevolmente lontano in attesa di tempi migliori. Ovvero. figurate ma non tirare le fila. 

E, quindi, benvengano le marionette. In fondo il vero potere è sempre nascosto. 

Quindi, nessun giovane in vista. Troppi rischi. 

Su Trump non ho ancora le idee chiare. Di sicuro non è giovane ma sembra abbia voglia di metterci la faccia e quindi  'seguire i soldi' potrebbe essere applicabile. Non ho considerato cose come, etica, valori, il bene comune e simili. Però in età avanzata ed ancora sufficientemente lucidi e finanziariamente saldi potrebbe essere preso in considerazione.  

 


RispondiCitazione
Pagina 2 / 2
Condividi: