Notifiche
Cancella tutti

Smarrita Proroga dello Stato di Emergenza?


GioCo
Noble Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 1843
Topic starter  

Dice l'avv. Scifo (25 dic):

"[...] Siamo di fronte a una situazione paradossale nella quale il governo adotta dei provvedimenti nei quali ipso-facto proroga delle misure emergenziali che comprimono i diritti inviolabili e lo fa con dei comunicati stampa [...]"

https://www.youtube.com/watch?v=2x5dl4HIkBQ&t=322s

Qualcuno riesce a confermarlo? Perché se fosse così stiamo parlando del primo provvedimento basato sulla parola della storia di una repubblica... Non credo proprio esistano casi analoghi nel Mondo.

Evento che se confermato ricorda gli editti emanati dagli strilloni nelle antiche cittadine medievali, solo che non è un Re a emanarli ma un grigio burocrate che occupa una carica pubblica abusivamente estesa con poteri emergenzialmente estorti alle camere, non previsti, abusati, in perfetta atonomia... Ma nemmeno dei cartoni dei Simpson!!!

Non ho parole... Ma non per il burocrate, per chiunque segua questi editti, usciti fuori da qualunque ambito del diritto, non solo e non tanto internazionale, ma persino quello tribale neolitico...

Una cosa del genere risulterebbe nell'arco della paradossale e triste deriva draghiana una cosa alla Charlie Chaplin, cioè divertente e patetica entro un quadro molto drammatico, perché poi non scordiamolo che le ricadute nella realtà quotidiana rimangono tremende.

 


sarah hanno apprezzato
Citazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 107
 

Grazie del video. Non penso sia da confermare, l'avvocato afferma che la proroga dello stato di emergenza è stato annunciato alla stampa intorno al 14-12 ( quindi a parole ) e quindi considerata cosa fatta, ora si tratta di emanare una qualche sorta di decreto per trasformarlo in "legge". È chiaro che sulla legittimità di ciò e sulle sue ricadute sì potrebbe scrivere un'enciclopedia.


RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 107
 

Aggiungo: anche solo sul piano politico  e al netto di tutte le nostre possibili opinioni e considerazioni, sì tratta di una situazione di inaudita gravità.


RispondiCitazione
GioCo
Noble Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 1843
Topic starter  

Siamo al 28 @Sarah e dopo l'annuncio niente. Vedi, ci sono alcune considerazioni di fondo, forse non facili da intuire, per cui chiedo conferma a parte la legittimità di questi "provvedimenti", che come ricordi rimangono poi emanazioni di ordine amministrativo dell'esecutivo che ha esteso surrettiziamente e unilateralmente poteri che erano concessi in via esclusivamente termporanea ed emergenziale è che in via totalmente esclusiva è l'ordine legislativo che le può fornire, come già accaduto nel 2020, con limite massimo improrogabile già stabilito (sempre surrettiziamente).

Quindi a parte l'assurdità giuridica e legale, un territorio di gestione politica estremamente pericolso e inesplorato che ci porta verso il caos incontrollato. Che credo sia esattamente uno specifico obbiettivo del draghistan.

La prima considerazione di fondo è "l'effetto allarmismo" che si è creato attorno allo strapotere draghiano, dovuto più che altro alla accettazione pubblica (quindi al consenso mediatico) che i provvedimenti sembrano continuare ad avere. Cioè il fatto che la gente in generale e per la maggioranza assoluta, tende ad adeugarsi e ad accettare la "teoria dell'emergenza" nonostante la palese assurdità, contradditorietà e inapplicabilità dei provvedimenti per affrontarla, senza opporre critica di sorta. Sulla scorta "non disturbare il manovratore", finché ovviamente dura l'emergenza che il manovratore stesso e solo lui può determinare, nell'entità e nella durata. Come se un perfetto inetto alla guida di un Jumbo in alta quota sia più pericoloso per i passeggeri fermarlo e sostituirlo con uno più adeguato (a portare tutti incolumi a terra) che lasciarlo fare.

Quindi in prima analisi, la legittimità dei provvedimenti è data dal grado esatto di accettazione pubblica e quindi di applicazione acritica dei medesimi nella massa, in ordine assoluto (50%+1). Non da un ordinamento precostituito. Da qui quella che chiamo "politica del caos" scientificamente disposta.

Seconda parte dell'analisi. Fino adesso il draghistan a dispetto della sua straordinaria capacità di infondere caos nel sistema sociale, ha seguito schemi rigidi e ossessivamente ripetitivi. In perfetta coerenza con gli stati emotivi medi che vorrebbe intercettare (=terrorismo) e suscitare a un tempo. Uno di questi schemi è lo scarico (a prescindere) della responsabilità: ad ogni passaggio la responsabilità e scaricata non su chi si impone, ma su chi subisce.

Come se in carcere il fatto che un detenuto sia picchiato giorno e notte dalle guardie, non dipenda minimamente dal sistema carcerario o dalla volontà delle guardie, ma esclusivamente dal carcerato e dal suo comportamento (fai molta attanzione perché questo risponde al principio da me più e più volte ricordato "dell'effetto lucifero" QUI). Stai attenta che si tratta di "verità percepita" non di quella verificata. Siccome noi abbiamo una naturale antipatia per la gente che "osa" sfidare la legge, ecco che il carcerato ha poche o nessuna possibilità di difendersi dalla violenza del sistema e dei suoi sgherri (le guardie) che possono essere legalmente e moralmente così giustificati nei loro atti riprovevoli e disumani, agli occhi della maggioranza.

Se ti suona coerente è perché lo è volutamente da parte di chi poi pianifica questi interventi.

Bene, se unisci la prima alla seconda analisi cosa ottieni? Che se il sistema si autoprolunga la data massima oltre la quale può esercitare potere, SE NE PRENDE LA RESPONSABILITA'. Invece se lascia che siano gli altri a credere che sia così per l'effetto ansia che il caos generale induce, procede nello scarico della responsabilità

Ergo, se anche uscisse questo decreto, farebbero come negli altri casi, scriverebbero una cosa confusa che dice tutto e il contrario di tutto e non conferma niente, così che a rimanere siano le parole e l'atto di "credere" che una cosa del genere sia mai stata fatta. Il resto si gestisce al solito mediaticamente, silenziando e ostracizzando ogni voce contraria e ridicolizzandola o sbeffeggiandola quando riesce a far filtrare qualcosa.

Ecco (secondo me) cosa intende il drago quando dice "...difendere con le unghie e con i denti quanto conquistato...".


RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 107
 

Ahi, ahi..mi sta tirando per i capelli su un terreno pericoloso ( in amicizia, naturalmente, e per fare una battuta con gentilezza ) nel senso che temo di non riuscire in poche righe ad esprimere quel che penso. Ho commentato velocemente il suo pezzo proprio perché l'argomento mi sembrava della massima importanza, così mi sono resa conto di aver dato un'idea confusa. Non intendevo infatti che richiedere conferma di quanto riportato fosse superfluo o banale ma che in effetti stavamo assistendo all'ennesima iperbolica forzatura normativa per prolungare l'attuale stato di eccezione. In effetti, però, siamo ora alla sera del 28 dicembre e, a quanto ci consta, non vi è seguito ufficiale. Ciò non può non apparire strano e fa bene a farlo notare. L'anomalia di questo stato di emergenza ( o meglio l'impossibilità oggettiva di applicarlo in questa forma nel nostro ordinamento ) era già stata notata sottolineando come, anche volendo certificare l'effettiva necessità di fronteggiare una situazione eccezionale, sarebbe stata sufficiente la forma della decretazione d'urgenza. Da questa confusione delle fonti del diritto scaturiscono tutti i dubbi di legittimità ed applicabilità dei provvedimenti fin qui presi. E qui interviene opportunamente la sua analisi: la proroga infonde o meglio "ravviva" il senso di allarme generale che costituisce il carburante indispensabile per i poteri eccezionali e, al contempo, scarica la responsabilità sui cittadini che si trovano nella posizione di coloro che chiedono l'esercizio dei poteri ( there is no alternative ) e sono parimenti responsabili delle "punizioni" e finanche dei danni che lo stato provoca loro. Questo principio, secondo cui la norma è dettata dalla pratica e dalla sua accettazione, viene senza dubbio sfruttato fino a trascendere il suo stesso significato in palese violazione del diritto, ragion per cui avrei qualche dubbio sulla sua capacità di resistere ancora a lungo. Utilizzando la sua metafora, sarebbe persino impossibile ora cercare di sostituire il pazzo ai comandi con un pilota esperto poiché non si vedono " a portata di mano " figure simili. Una situazione bloccata, una trappola estremamente pericolosa che rischia davvero di aprire le porte al caos. Ha fatto bene a trattare questo argomento e credo anche che dovrebbe suscitare ancor più attenzione negli spazi che vogliono dare un'informazione più libera proprio per riempire quei "vuoti" che il potere cerca di colmare solo con la paura.


RispondiCitazione
BrunoWald
Trusted Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 78
 

Se ho capito bene, all'annuncio della proroga dello stato di emergenza non ha fatto seguito la sua formalizzazione mediante decreto. Non sono un giurista, ma mi pare che la proroga costituisca di per sé un delitto a tutti gli effetti, vista la palese illegalità della stessa: un delitto gravissimo - attentato alla Costituzione - previsto dal codice penale, cosa che né la complicità dei parlamentari né l'apatia della cittadinanza potrebbe obliterare. Se il decreto non venisse mai firmato, questa potrebbe essere una chiave di lettura per spiegare una simile "dimenticanza", insieme all'evidente intenzione di provocare il caos da parte dei mandanti del rettile, come dice GioCo. Tanto l'Italia ormai è un circo e continueranno a fare quello che gli pare, senza alcuna opposizione apprezzabile, con o senza il pezzo di carta, che in un eventuale giudizio costituirebbe prova di colpevolezza. Anche se è improbabile che siano mai chiamati a rispondere dei loro delitti, quella è gente accorta, abilissima nel coprirsi le spalle, e pronta a scaricare le proprie responsabilità su altri. Se il golpe dovesse fallire (per cause esterne allo scenario italiano, con ogni verosimiglianza) dubito però che potranno salvarsi con simili espedienti. O almeno lo spero.


sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 107
 

Assolutamente d'accordo. Sì, si stava riflettendo sulla stranezza del ritardo nell'ufficializzazione della proroga. Condivido anche la Sua conclusione.


RispondiCitazione
Condividi: