Crosetto vuole camb...
 
Notifiche
Cancella tutti

Crosetto vuole cambiare l' art.11 della Costituzione


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8264
Topic starter  

Intervista del ministro della Difesa Guido Crosetto al quotidiano La Stampa, 29 gennaio 2024

"Altra cosa che va prevista è intervenire in Paesi lontani per difendere gli interessi nazionali"

Ma l' articolo 11 della Costituzione non prevede interventi militari per tutelare interessi nazionali, "consente limitazioni di sovranità " solo se "necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni".  Non ci sono altre deroghe "al ripudio della guerra"

L' espressione " interessi nazionali "può indicare anche interessi economici, ma i nostri interessi economici e la "giustizia tra le Nazioni" non sempre coincidono.

Ovviamente sappiamo che molti interventi militari italiani all' estero, attuali o del passato, avvengono per tutelare interessi economici particolari, italiani o di nostri alleati.

Ma sicuramente questo non può essere detto esplicitamente.

Prevedere interventi militari per tutelare interessi economici nazionali vuol dire cambiare l' art. 11 della Costituzione.

Crosetto voleva dire questo ? 

Articolo 11

L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.
Marcopa
 
Questa argomento è stata modificata 2 mesi fa da marcopa

Citazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4095
 

L'Art. 11 è il classico articolo imposto da chi ha vinto la guerra a chi la ha persa, con buona pace di quelli che credono che con la resisitenza noi abbiamo vinto la WWII passando per la porta di dietro. La prima parte esce direttamente dalla bocca del Monsieur de Lapalisse. visto che difficilmente si troverà al mondo chi sostiene la guerra come risoluzione delle controversie quando esiste anche una sola possibilità di risolverle pacificamente. La seconda parte cementa il servilismo del Paese alle alleanze internazionali ben sapendo che questo Paese non avrà mai la forza di imporre i suoi interessi su quelli dei 'Paesi guida'. Crosetto fa benissimo a introdurre, come sostegno degli interessi nazionali, anche le forze armate, è quello che fanno tutti gli altri Paesi con un minimo di dignità nazionale. E ricordo alla sinistra che chi ha violato l'Art. 11 per primo è stato il governo di sinistra con i bombardamenti sulla Jugoslavia.


Detrollatore II, sarah e BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 407
 

L'Articolo 11, oltre a istituzionalizzare la sottomissione dell'Italia, come dice Pietro, è inoltre il classico esempio di verbosa fumisteria ideologica priva di qualsiasi relazione con la realtà. Non è mai esistito un "ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le nazioni", ma soltanto la legge del più forte, che impera in modo aperto o dissimulato, oggi come ai tempi di Priamo e Agamennone. E le "istituzioni internazionali rivolte a tale scopo" sono di conseguenza degli impostori, a cominciare dall'ONU con tutta la sua pletora di gaudenti parassiti massonici, la cui unica funzione consiste nel simulare l'esistenza di una "comunità internazionale" e di un "diritto internazionale", in modo da rendere meno palese la brutale vigenza delle legge del più forte.

Del resto, i trattati sono sempre sacri per coloro che li hanno imposti, e i confini sono invariabilmente intoccabili per coloro che hanno vinto l'ultima guerra.


sarah e PietroGE hanno apprezzato
RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14276
 

maledetto lurido lobbista


RispondiCitazione
sarah
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 506
 

Può darsi che Crosetto volesse dire questo. Il che fa abbastanza sorridere visto che, con o senza l'articolo 11, gli unici "interessi nazionali" che questo paese è autorizzato a perseguire ( a prescindere dal mezzo ) sono gli interessi diretti di altri paesi che, in questo senso, esercitano su di noi il vero potere decisionale. A noi poi viene raccontata un'altra cosa, un raccontino in cui, in modo assai maldestro, gli interessi di "altri" vengono fatti coincidere con i nostri. Che ci piaccia o no, sono le briciole che cadono dal tavolo degli altri potenti che ci debbono bastare. Con buona pace di Crosetto e del suo redivivo militarismo, buono solo per strombazzare la genuina "italianità" di questo esecutivo, l'ennesimo di facciata. Il resto lo sappiamo, non sono certo solo gli interessi economici italiani ad essere in conflitto con il concetto di "giustizia fra le nazioni" - sempre che la cosa interessi a qualcuno - ma gli interessi di chiunque si avvalga della forza militare perché il "fine giustifica i mezzi". Non è un problema solo nostro, insomma. Secondo me Crosetto è in preda ad una forma di blanda esaltazione: trovatosi quasi dal nulla a capo di un ministero che secondo il suo partito si addice alla sua persona, adesso assapora l'ondata bellicista che vuole ridare agli eserciti europei un ruolo di primo piano. E' il suo momento. Peccato che come al solito non conti un bel nulla e stia dalla parte sbagliata. 


BrunoWald e oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3145
 

Ben altri sono gli articoli della Costituzione da cambiare: è inutile indicarli, sapete perfettamente quali.

Dopo averlo fatto, e prima o poi dovrà essere così, credo che l' unica posizione dell' Italia realistica e coerente con i sentimenti della sua gente, sia la piena e totale neutralità.

Per fare cosa, si dirà ?

Innanzitutto per non partecipare a guerre perse in partenza.

Secondariamente, per coltivare la scienza, il sapere, favorendo le condizioni che le sviluppano, perchè in fondo se ci pensate, è solo ed esclusivamente con un incremento drammatico di Coscienza, dunque di sapere e delle sue realizzazioni anche 'pratiche', che possiamo forse sopravvivere su questa Terra. Non certo aumentando gli armamenti e mandando i nostri giovani a crepare su qualche landa desolata e gelida contro altri giovani: un crimine orrendo il cui pensiero è devastante già oggi.

Io sono rimasto in questo agli slogans degli anni '60 e '70: pratichiamo la Vita nei suoi aspetti amorosi, quali che siano e non la morte.

Non costringiamo nessuno a dover combattere ed uccidere.

Non imponiamo la volontà di stato su quella individuale.

Non facciamo delle donne giovani delle vedove anzitempo e non rendiamo le nuove generazioni orfane senza aver visto i loro papà essere felici insieme con loro.

Cerchiamo di coltivare lo Spirito e non la furia omicida. Perchè quando questa si scatena, e fra poco purtroppo si creeranno le condizioni per cui questo avverrà, nessuno potrà dirsi veramente e pienamente umano: cioè sé stesso.


sarah e BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 446
 

Ma che rabbia!!
Proprio un lurido lobbista! 
Ora mi sento meglio... 🤣 

Per un Crosetto che vuole abolire il sacrosanto, affezionatissimo, amatissimo articolo 11 della Costituzione, vi dò un Salvini che vuole togliere i finanziamenti all'OMS...E sicuramente secondo i Dana74 la prima si realizzerà domani mattina e sarà una tragedia assoluta, mentre la seconda è buona ma è solo per fare campagna elettorale...
Due pesi e due misure...

https://twitter.com/LegaSalvini/status/1752013500061224987


RispondiCitazione
Condividi: