Cosa pensava Hitler...
 
Notifiche
Cancella tutti

Cosa pensava Hitler della Chiesa cattolica?

Pagina 1 / 4

helios
Illustrious Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 16537
Topic starter  

Cosa pensava Hitler della Chiesa cattolica?
Andiamo alle fonti.
Partiamo dal celeberrimo Mein Kampf .
Qui si possono rintracciare almeno due idee interessanti: la Chiesa cattolica è, per il futuro dittatore della Germania, “in conflitto con le scienze esatte e con l’indagine scientifica”, mentre il cristianesimo si è imposto grazie ad una “fanatica intolleranza”. “Oggi il singolo deve constatare con dolore, scrive Hitler, che nel mondo antico, assai più libero
del moderno, comparve col cristianesimo il primo terrore spirituale” (Adolf Hitler, Mein Kampf, Ed. Sentinella d’Italia, Monfalcone, 1990, p. 111, 105, 106).
Quest’idea la troviamo assai diffusa in tutta la politica del primo Novecento. Anche il giovane Mussolini, ancora socialista, sostiene che la Chiesa è oscurantista e intollerante. Analoghi pensieri li troviamo espressi negli scritti di Lenin e Stalin, nei medesimi anni.

conversazioni-a-tavola-di-hitler

Adolf Hitler ritorna sul cristianesimo, più e più volte, nel corso dei suoi Discorsi a tavola, con i gerarchi nazionalsocialisti, tra il 1941 e il 1944. Andiamo ancora ai testi originali, trascritti e ordinati dal gerarca nazista Martin Bormann.
La sera dell’11 luglio 1941 Hitler afferma: “Il colpo più duro che l’umanità abbia ricevuto è l’avvento del cristianesimo. Il bolscevismo è figlio illegittimo del cristianesimo. L’uno e l’altro sono una invenzione degli Ebrei. E’ dal cristianesimo che la menzogna cosciente in fatto di religione è stata introdotta nel mondo. Si tratta di una menzogna della stessa natura di quella che pratica il bolscevismo quando pretende di apportare la libertà agli uomini, mentre in realtà vuol far di loro solo degli schiavi… Il cristianesimo è stata la prima religione a sterminare i suoi avversari in nome dell’amore. Il suo segno è l’intolleranza” (Adolf Hitler, Conversazioni a tavola di Hitler, Goriziana, Gorizia, 2010, p. 45).
Nella notte tra il 20 e il 21 febbraio 1942 Hitler afferma: “Il cristianesimo (a differenza delle religioni animiste pagane, ndr) promulga i suoi dogmi con la forza. Una simile religione porta con sé l’intolleranza e la persecuzione. Non ce n’è di più sanguinose”.
Subito dopo parla dell’osservatorio astronomico che sta facendo costruire a Linz, per combattere l’ignoranza scientifica (idem, p. 308). Il 9 aprile 1942, nel pieno dei massacri di cui è colpevole, afferma: “La Chiesa si è piegata alla necessità di imporre il suo codice morale con la massima brutalità. Non ha indietreggiato neppure dinnanzi alla minaccia di rogo, dando alle fiamme, a migliaia, uomini di grande valore. La nostra società attuale è più umana di quanto non lo sia mai stata la Chiesa” (idem, p. 389).
Ai cristiani e alla Chiesa, nelle 680 pagine dei Discorsi, tra una dichiarazione di vegetarianismo e una di animalismo, Hitler, rieccheggiando spesso Nietszche, imputa almeno le seguenti colpe: di aver incendiato Roma all’epoca di Nerone; di aver rovinato l’impero romano; di aver distrutto biblioteche e testi antichi; di aver torturato i nemici; di aver bruciato milioni di streghe; di aver negato “le gioie dei sensi”; di instillare una “ribellione contro la natura, una protesta contro la natura” (promuovendo il matrimonio monogamico e indissolubile…); di privilegiare i malformati e i malriusciti, i poveri e gli ignoranti; di proporre un “paradiso insipido”, tutto canti e alleluia; di minacciare la gente con l’inferno (Hitler non ci credeva proprio, ad un giudizio finale); di basarsi su una “storia puerile”, “invenzione di cervelli malati”, che inventa un Dio personale che non esiste, l’assurdità della resurrezione, e un “preteso aldilà” che negherebbe importanza alla vita terrena…

Riguardo ai preti essi sono immancabilmente “ripugnanti”, “perversi” e i missionari “gli ultimi dei maiali”, mentre la Chiesa in generale “non ha che un desiderio: la nostra rovina”. Ma non c’è alcuna dubbio: “La nostra epoca vedrà indubbiamente la fine della malattia cristiana” (p. 326).
Quanto al rapporto tra scienza e fede il pensiero già espresso nel Mein Kampf ritorna anch’esso, insistentemente. La sera del 24 ottobre 1941: “la religione è in perpetuo conflitto con lo spirito di ricerca. L’opposizione della Chiesa alla scienza fu talvolta così violenta da sprizzare scintille”, tanto che oggi l’Evoluzione è in contrasto con la credenza puerile nella Creazione (idem, p. 110). Il mondo antico, pre-cristiano, invece, “amava la chiarezza. La ricerca scientifica vi veniva incoraggiata” (idem, p. 301).
Cosa intende Hitler per “scienza”? All’epoca, non solo per lui, sono “scientifici” l’eugenetica (con i suoi corollari: eutanasia di persone malate e aborti di bambini malformati o nati da matrimoni misti), il razzismo (i nazisti ritenevano di avere dalla loro la biologia e l’evoluzionismo, nella sua versione materialista), e la produzione di bambini tramite gli accoppiamenti stabiliti dal regime, tra ariani e ariane certificati. Con annessa nascita di migliaia di bambini senza genitori.

Fonte Libertà e Persona

http://www.informarexresistere.fr/2015/07/13/hitler-parla-della-chiesa-cattolica-il-suo-pensiero-poco-conosciuto/


Citazione
mincuo
Illustrious Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 6059
 

Davvero? E si trovano nel Mein Kampf versione originale o nei tarocchi successivi?
E nei Table talks con "le traduzioni" di Cameron e Stevens e la prefazione di Trevor Roper? O in quelle peggio ancora?
Ce ne sono 4 almeno di versioni...

Vabbè che lì non c'è nemmeno quello.....:)


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 16537
Topic starter  

Mi pare che il pensiero riguardo la chiesa cattolica sia espresso molto bene e che le fonti ci siano tutte.

Qui non si parla di tarocchi. Le traduzioni dei Mein Kampf se le possono ormai fare tutti senza nessun traduttore di mezzo.

Non è il caso di fare gli spiritosi e continuare a trollare è solo perdere tempo come in questo caso. O taroccare che è ancora peggio.

Se poi vuoi convincere qualcuno di aver letto il Mein Kampf originale allora sei anche bugiardo.


RispondiCitazione
mincuo
Illustrious Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 6059
 

Certo, certo Helios. Hai sempre fatto un figurone in queste cose con me.
L'ultimo era la BCE. Con calma parlerò anche di questo bel copia-incolla.
Io non ho problemi.

Le fonti sono "Conversazioni a tavola di Hitler, Goriziana, Gorizia, 2010," Davvero sì? E su quale delle 4 versioni?

E soprattutto non si cita in quel modo se non si è dei banditi.
Ad esempio sul Cristianesimo "invenzione di cervelli malati" non è così.
Mai detto.
La frase è: "Quel cristianesimo che insegna la Transustanziazione è la cosa più folle mai ordita da un cervello umano, una presa in giro di tutto ciò che è divino."

Un po' diverso...

Se io prendo 5 anni di post di Helios che parla di cose diverse, in contesti e tempi differenti, le traduco in Inglese come voglio io, sego le frasi a metà, o le stravolgo, le tolgo dal contesto, ometto quelle che non mi vanno bene, poi le lego e cucio insieme a una mia tesi preconcetta e le infilo in mezzo a un mio discorso, a Helios gli faccio dire quello che voglio.

P.S. Io non devo "far credere niente".
Ho scritto ancora di storia qui.
E ho messo libri e links.
La gente è in grado di capire la qualità. Specie se gliela fai vedere.
Non sono mica tutti tamarri o dei copia-incolla articoletti di propaganda qui.


RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 3053
 

Cosa pensava Hitler della Chiesa cattolica?

Andiamo di attualita' spinta, oggi!

PS. Ora manca solo che Stodler riscodelli i concordati, Hitler e la Trinita'...

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=78762&highlight=concordati


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 30947
 

Probabilmente, Adolfo, era terrificato dalle alabarde delle guardie svizzere, dal momento che nessun militare del terzo reich si è mai permesso di poggiar piede sul suolo del Vaticano.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 2731
 

All'inizio Adolf era assai differente da quello degli anni '42 e seguenti, tanto che si tentò da parte del regime nazionalsocialista di fare un 'Cristo' ariano in contrapposizione alla sua figura 'semita' ( curiosamente certi testi giudei lo fanno discendere da un certo Pantera legionario romano ) e ciò per riuscire a saldarne la figura, adoperandone il mito, ai filosofi pagani: un Gesù biondo e alto poteva essere utile, eccome...a preparare le masse ad un 'superamento' dei dogmi ecclesiastici semitizzanti, ad esempio sul rifiuto della reicarnazione ( adepto della quale era ad esempio Himmler, avatar di Einrich L'uccellatore ).


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 16537
Topic starter  

Se io prendo 5 anni di post di Helios che parla di cose diverse, in contesti e tempi differenti, le traduco in Inglese come voglio io, sego le frasi a metà, o le stravolgo, le tolgo dal contesto, ometto quelle che non mi vanno bene, poi le lego e cucio insieme a una mia tesi preconcetta e le infilo in mezzo a un mio discorso, a Helios gli faccio dire quello che voglio.

ma infatti helios ti ha proprio chiesto se hai letto il Mein Kampf originale e senza traduzioni.

E te lo ripete. Ma non è pervenuta alcuna risposta in merito.

Il resto è fuffa. Ma si sa che la fuffa ti piace tanto.


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 16537
Topic starter  

All'inizio Adolf era assai differente da quello degli anni '42 e seguenti, tanto che si tentò da parte del regime nazionalsocialista di fare un 'Cristo' ariano in contrapposizione alla sua figura 'semita' ( curiosamente certi testi giudei lo fanno discendere da un certo Pantera legionario romano ) e ciò per riuscire a saldarne la figura, adoperandone il mito, ai filosofi pagani: un Gesù biondo e alto poteva essere utile, eccome...a preparare le masse ad un 'superamento' dei dogmi ecclesiastici semitizzanti, ad esempio sul rifiuto della reicarnazione ( adepto della quale era ad esempio Himmler, avatar di Einrich L'uccellatore ).

https://it.wikipedia.org/wiki/Wewelsburg

Sul talmud è scritto che Gesucristo era figlio di BenPanthera legionario romano. Per questo il talmud divenne un libro bandito dai cattolici.
Ma Panthera era un soprannome.
Esiste una lapide in Germania che parla di questo e i romani combatterono per anni nelle guerre germaniche.


RispondiCitazione
mincuo
Illustrious Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 6059
 

@Helios
Certo che l'ho letto, e un edizione degli anni 30, non del dopoguerra.
Perchè quelle sono già diverse. E quelle dopo gli anni '70 ancora di più.

P.S: Non mi pare che stia nel Talmud quello che dici tu, o almeno non lo ricordo ora, ma su altri testi sicuramente. Anche figlio di un falegname e una parrucchiera o una puttana, dipende dalle versioni. Ma sono testi di propaganda anti-cristiana che vanno presi per quel che sono.
La religione era insieme anche politica e propaganda.

Però potrebbe anche essere, non sono sicuro.

Comunque divulgare il Talmud era punito con la pena di morte. E d'altronde sta scritto:
"Comunicare alcunchè della nostra legge ad un Gentile equivale all'eccidio di tutti gli Ebrei, poiche' se i goym sapessero quel che noi insegnamo su di loro ci avrebbero senz'altro sterminati."(Talmùd Dibre in dav. f. 37)


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 30947
 

Qualcuno può confermare o smentire l'attendibilità del diaro attribuito a Borman e pubblicato sul sito di radio Islam?


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 30947
 

@Helios

Quella di Cristo figlio di tale Ben Panthera mi pare sia una tesi avanzata da Celso.


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 3876
 

Forse qualche immagine è meglio di molte parole :
Basta cercare su Google : image of Hitler and a Church e si trovano molte immagini :

Hitler che esce da una chiesa probabilmente dopo aver ascoltato la Messa, la ricostruzione della Garnisonkirche a Potsdam, varie strette di mano con prelati e alti papaveri della Chiesa protestante e cattolica.

Naturalmente un regime che si basa sulla superiorità degli ariani non può vedere di buon occhio l'universalismo della Chiesa cattolica.
Resta il fatto però che, tranne le élites delle SS, che tendevano, non si sa con quanta convinzione, al paganesimo, il grosso del regime era fedele alla religione cristiana. Anche qui non si sa con quanta convinzione.


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 30947
 

A volte questo sito sembra confermare le più aberranti teorie ufologiche: questa discussione è chiaramente condotta da esseri alieni.


RispondiCitazione
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 4893
 

Anche l'altra sponda, cosa pensava la Chiesa Cattolica di Hitler! Se Helios non si arrabbia.

Pacelli fu per anni nunzio apostolico in Germania, e si presume fosse al corrente di molte cose con precisione. Chi conosce il tipo di controllo sulla realtà, che contraddistingueva la Chiesa in quegli anni, non può avere dubbi su questo aspetto, c'erano molti cattolici anche lì.

Ma non si sono mai sbottonati, tranne un altissimo prelato, il segretario di stato di Pio XII mi pare che, in una occasione nel primissimo dopoguerra, richiesto di un parere, pronunciò una frase sibillina di questo tenore: "Hitler?...Veramente ci aspettavamo tutt'altro...".

Che non é una frase qualsiasi.


RispondiCitazione
Pagina 1 / 4
Condividi: