Il capitalismo è un...
 
Notifiche
Cancella tutti

Il capitalismo è una truffa gigante - Caitlin Johnstone


LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 480
Topic starter  

Articolo che sottolinea come il mercato in realtà non sia libero come ci raccontano. Per loro è libero ma per gli altri...

Traduzione semi automatica. Enfasi mie. Articolo originale: https://caitlinjohnstone.com/2023/07/17/capitalism-is-a-giant-scam/

 

Uno dei momenti più formativi della mia vita è stato quando gestivo un piccolo blog ecologico chiamato Earth Mums a metà degli anni 2000, incentrato sulle soluzioni dei consumatori al problema della distruzione ambientale. Allora credevo ancora che mentre il capitalismo stava guidando la distruzione della nostra biosfera, poteva ancora essere usato nel far parte della soluzione in qualche modo.

Ho ricevuto una chiamata da una startup di biocarburanti che ha visto il mio lavoro con Earth Mums e voleva assumermi per scrivere articoli adatti ai motori di ricerca per attirare traffico sul loro sito web. Sono andato nel loro ufficio per una riunione e mentre aspettavo ho ascoltato i tre soci - veri tipi di imprenditori ad alto numero di ottani - ridere e parlare dei vari piatti aziendali che stavano girando.

Apparentemente uno di loro era appena tornato da un lavoro di consulenza per un prodotto chiamato Lectric Soda, a cui Earth Mums aveva molto affetto perché era un composto per la pulizia della casa ecologico che si poteva acquistare per meno di un dollaro a borsa.

“Non dirmelo, fammi indovinare: gli hai detto di raddoppiare il prezzo?” chiese uno dei soci.

"Gli ho detto di quadruplicarlo!" disse il consulente.

Ho trovato incredibilmente squallido il modo in cui stavano realizzando un prodotto che potrebbe effettivamente aiutare a rendere le famiglie più rispettose dell'ambiente, meno  accessibile, presentandosi come guerrieri ecologici che vogliono salvare il pianeta. Ho detto loro che facevo pagare molto più di quanto sapevo che mi avrebbero mai pagato per il lavoro e me ne sono andata via da lì, ma ecco, ho visto Lectric Soda aumentare di prezzo quattro volte poco dopo.

Mi ha lasciato così sgonfia e scoraggiata che ho finito per chiudere Earth Mams. Potevo vedere che questi ragazzi e persone come loro avrebbero trasformato la responsabilità ecologica del consumatore in questa cosa d'élite alla moda con un prezzo fuori portata per le persone normali, ed è esattamente quello che è successo. Non passò molto tempo prima che vedessi l'arrivo di eco chic e Whole Foods e Tesla e il resto di questo intero nuovo mercato del lusso progettato per far sentire bene i ricchi con se stessi mentre il mondo brucia e creare l'illusione che possiamo approfittare a modo nostro fuori dai nostri problemi.

Era proprio un'illustrazione così schietta del problema. Lectric Soda non è migliorata in termini di qualità, non è diventata più difficile da produrre o più difficile da ottenere, l'offerta e la domanda sono rimaste le stesse; il prezzo è stato cambiato perché il mercato lo avrebbe sopportato. La mano nascosta del mercato non avrebbe riportato magicamente il prodotto al suo valore “corretto”; il valore di tali prodotti sarebbe stato determinato dalle manipolazioni narrative di imprenditori, consulenti, truffatori, venditori e pubblicitari.

“Lascia che sia il mercato a decidere” significa in realtà lasciare che siano i manipolatori a decidere, perché i mercati sono dominati da coloro che eccellono nella manipolazione. Ci viene insegnato che lasciare che sia il mercato a decidere significa lasciare che la domanda e l'offerta seguano il loro corso naturale, come se stessimo parlando delle maree oceaniche o delle stagioni o qualcosa del genere, ma in realtà sia la domanda che l'offerta sono manipolate costantemente con estrema aggressività. Manipolare l'offerta di diamanti. Manipolare l'offerta di alloggi. Manipolare la fornitura di petrolio. Manipolare le persone facendole desiderare cose che non avevano mai pensato di volere prima attraverso la pubblicità. Manipolare le donne per farle sentire male con il proprio corpo così compreranno i tuoi prodotti di bellezza. Manipolare le persone a pagare $ 2000 per una borsa da $ 20 usando il marchio. Manipolando le persone nell'acquisto di Listerine inventando la parola "alitosi" e convincendole a preoccuparsene. Manipolare le persone facendole credere che i Beanie Babies fossero preziosi oggetti da collezione quando erano solo normali peluche.

Il capitalismo ci offre una civiltà dominata dall'inganno. Chi arriva in cima è chi riesce a ingannare quante più persone possibile. Inducendoli a pagare di più. Indurli a comprare il tuo prodotto e non quello di qualcun altro. Ingannare le persone che effettivamente producono qualcosa di valore facendo di te il loro intermediario che viene pagato nonostante non produca nulla. Indurre i concorrenti a fare la mossa sbagliata. Indurre le persone a chiedere al loro medico del tuo prodotto farmaceutico estremamente redditizio. Indurre le persone ad acquistare o vendere determinate azioni o criptovalute o NFT. Ingannare le persone usando il sistema legale e il tuo team di avvocati che lo capiscono meglio delle persone normali. Indurre le persone a lasciarti privatizzare la loro acqua potabile e poi rivendergliela in bottiglia.

È una gara di truffa. Chi truffa in modo migliore vince. Come puoi salvare il pianeta dalla distruzione causata dal comportamento umano quando tutto il comportamento umano è guidato da una bizzarra concorrenza truffaldina? E la più grande truffa di tutte è la narrazione che questo sistema funziona totalmente ed è interamente sostenibile. Questa è la truffa generale che tiene insieme tutte le altre truffe.

I fautori del capitalismo spesso denunciano il socialismo come un sistema coercitivo a cui le persone sono costrette a partecipare, ma come diavolo lo chiamate? Qualcuno di noi si è registrato per essere gettato nel mezzo di una gigantesca competizione di truffe senza fine? E se non volessi passare tutta la mia vita a subire i tentativi delle persone di ingannarmi? E se non volessi vivere in una società in cui tutti cercano di ingannarsi e truffarsi a vicenda invece di collaborare per il bene superiore del nostro mondo? Indovina un po? Non acconsento a niente di tutto ciò. Sono stato costretto a farlo.

Ogni volta che parli della distruttività e della depravazione del capitalismo online, la gente dice "Hurr hurr, eppure qui stai partecipando al capitalismo" come se fosse un problema proprio invece dell'esatto problema di cui si sta discutendo. SÌ! Sì, sono costretto a partecipare a una società capitalista per pagare le bollette e rimanere in vita. Questo è il problema che sto cercando di affrontare qui. È come i prigionieri che si lamentano del sistema carcerario e vengono chiamati ipocriti perché sono in prigione.

Sono convinto che questo sia un fattore enorme nelle crisi di salute mentale che la nostra società sta vivendo oggi. Siamo intrappolati in questo sistema in cui veniamo costantemente presi a pugni psicologicamente da una raffica infinita di messaggi che cercano di farci pensare, sentire, desiderare e detestare cose specifiche per nessun altro motivo se non perché farà guadagnare qualcuno. Come può prevalere la salute mentale in una civiltà in cui la mente di tutti viene continuamente strattonata da una manipolazione psicologica di massa? Il capitalismo avvelena le nostre menti tanto quanto avvelena la nostra aria e la nostra acqua.

È già così, così brutto ed è destinato a diventare così, molto peggio, e siamo così, così lontani da qualsiasi reale cambiamento nel nostro status quo politico che sembri lontanamente realizzabile. Tutto quello che possiamo fare è continuare ad attirare l'attenzione su questo in tutti i modi possibili e sperare che un numero sufficiente di persone apra gli occhi e inizi a vedere ciò di cui c'è bisogno.


3CENT0 hanno apprezzato
Citazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3147
 

Sottolineo: ''..questo sia un fattore enorme nelle crisi di salute mentale che la nostra società sta vivendo oggi..''.

Questo è il dato di fatto fondamentale della nostra società oggi. La 'crisi di salute mentale' sta lentamente ma irrimediabilmente devastando le nostre risorse interiori portandole direttamente alla follia: follia individuale e collettiva ad un tempo, sulle cui macerie non sarà possibile costruire nulla per un periodo lunghissimo di tempo.

Mancanza di empatia come virtù, abitudine coatta verso il male sotto ogni specie sino a crederlo e pensarlo come 'naturale' o semplicemente 'inevitabile', lenta adesione subliminale alle affabulazioni mendaci della stampa, ridimensionamento dell' 'io' come fonte di personale cogitazione, fonte valida perchè esperita e prodotta dalla propria persona e non da una centrale di consenso aninimo, sostituzione dell' io individuale con una produzione identitaria artificiale mediatica, che lo rimpiazza facendone una seconda natura estranea ma a cui 'necesse' obbedire per essere socialmente accetto ( ogni riferimento ai social è benvenuto ).

Queste brevi note però non tengono conto che tuttavia, sì tuttavia, stiamo collettivamente resistendo. Come possiamo, assai male in genere, ma tuttavia stiamo erigendo una barriera interiore a questo flusso di engrammi, comportamenti, idee, stati d'animo che non vengono direttamente da noi. L' autrice chiama molto 'americamente' tutto questo come capitalismo.

Non è corretto: è il giudeo-cristianesimo arrivato alla realizzazione di quanto Matteo evangelista in Mt 10,34 ebbe a dichiarare:

''..Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada. Sono venuto infatti a separare il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla suocera: e i nemici dell'uomo saranno quelli della sua casa..'' intendendosi qui come 'casa' in ultima analisi l' animo umano.

Il capitalismo è stato fondato dall'etica cristiana protestante, dall' interesse giudaico verso il danaro e dalle fanfaluche dei cattolici su di un 'centro' in cui capitalizzare tutto ciò a beneficio del genere umano ( rectius: dei fedeli ).

Non vederlo e non capirlo traendone le conseguenze appropriate è uno strabismo che impedisce di passare dalla resistenza all' azione. Ma ci arriveremo.


RispondiCitazione
Condividi: