N’do coji… coji… Pa...
 
Notifiche
Cancella tutti

N’do coji… coji… Panico!


GioCo
Noble Member
Registrato: 9 mesi fa
Post: 1901
Topic starter  

Dove cogli cogli, dicono i romani, quando una cosa è talmente diffusa e invandente che per trovarla c'è solo l'imbarazzo della scelta su dove guardare.

Ecco, è il principio metaforico della moneta (nel mio caso l'euro) che un bravo Nando Ioppolo (riprendo il senso del suo discorso a mio modo e per l'emozione) ci spiegava in un video di un intervista di tanti anni fa fatta da Elia Menta per chiarire il concetto pervasivo della speculazione: se per fare una passeggiata ti chiedo un euro, se per andare a mangiare un gelato ti chiedo un euro, se per darti un giaciglio dove riposare ti chiedo un euro, se per darti la possibilità di lavorare ti chiedo un euro, se hai bisogno di curarti ti chiedo un euro.... Insomma, se per qualsiasi cosa alla fine ti chiedo un euro, "forse" voglio un euro. O no?

Il principio vale anche per un altra metafora che a mio modo traduco così: se ha il verso di una papera, se ha le piume come una papera, se cammina come una papera, se ha i piedi palmati come una papera... Probabilmente sarà una papera!

Ma noi non vediamo ne l'euro ne la papera. Fuori dalla metafora non vediamo l'obbiettivo che è primariamente sempre e solo il panico, il timore costantemente rintuzzato.

Se il panico è quello che serviva provocare in tempo di pandemia o prima in tempo di sbarchi o prima in tempo di ecodisastri (Fukushima?) o prima il terrorismo (11/9?) o prima... Beh avete capito, allora forse non è il tema in oggetto che risucchia l'attenzione ogni volta per intensità, vastità e gravità ma la necessaria e ovvia evidenza che si vuole mantenere il panico a prescindere, sempre e comunque.

Vastità, intensità e gravità saranno poi le variabili che dipendono (nella guerra per il controllo della nostra Mente) da quanto il pubblico si "distrae" con il sospetto che sia tutto funzionale ad altro (non importa cosa) e che questo altro non abbia niente a che vedere con ciò che provoca il panico. Devono rimanere concentrati comunque su ciò che provoca panico e ricondotti come le pecore nei recinti dove vi sia solo panico.

Ora, se non importa il MOTIVO che provoca panico, dal satanismo al petardi, dalle minacce alle vie di fatto, tanto vale la pandemia come qualsiasi altra minaccia che i provvedimenti politici persecutori, oppressivi e creavitamente malevoli (fatti apposta così) possano tornare anche peggio di prima. Voglio dire che tutto dipende dall'efficacia che vale tanto nel provocare che nel mantenere il panico fine a se stesso, con motivazioni che non hanno altra funzione se non di aumentarlo o mantenerlo.

Non dico che non esistano le questioni che provocano il panico, come adesso il gas, le bollette e la guerra in Ucraina con al minaccia che passi a diventare nucleare. Ad esempio la minaccia di una nuova pericolosa peste del secolo o degli ecodisastri. Non è questo. Dico che se non abbiamo una effettiva pericolosa peste del secolo o una guerra più cruenta è perché per provocare panico (il vero obbiettivo) non c'è bisogno.

Semplice.

Ma c'è bisogno funzionalmente del panico e allora ha senso dire che chi soffia sulla paura (tra l'altro spesso ridicolmente comprendo con la foglia di fico i segreti che non potrebbero essere svelati in quanto "provocherebbero panico" - hahaha! "provocherebbero panico"!!! No che lo provocano e per questo non possono essere svelati, ma che se fossero svelati lo provocano... Geniale!) lo fa perché cerca la paura, non per un altro motivo.

Allora, carissimi, quanti della contro-informazione non fanno che usare lo stesso identico metro della paura ma di segno opposto? Poi vanno in TV e usano le cariche di paura per rilanciare il timore ma con segno opposto?

Ecco che avete chiaro il quadro che sistema e anti-sistema se puntano a provocare la paura, ad esempio gli uni rintuzzando sulla pericolosità dei complottismi vari dei secondi (che spesso sono funzionali alla confusione) e gli altri sulla stupidità pericolosa dei primi "che non capiscono una sega", oltre a sostenersi vicendevolemente e diventare gli uni funzionali agli altri, costituiscono una morsa letale che non fa sconti ne da scampo.

O no?

Questa argomento è stata modificata 3 minuti fa da GioCo

Citazione
Condividi: