Nuovo decreto per a...
 
Notifiche
Cancella tutti

Nuovo decreto per armi all'Ucraina. Di Maio lo preparava mentre annunciava la scissione. necessario un coordinamento dei parlamentari contrari all' invio di armi a Kiev.


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 7650
Topic starter  

Metto più notizie insieme perché sono legatissime tra loro e meritano di essere considerate, discusse ed eventualmente sostenute da tutti.

 

1) Repubblica sabato 25 giugno ha anticipato ( su richiesta del governo?) un prossimo decreto per nuove armi all' Ucraina, tra queste ci sono armamenti in grado di colpire a decine di chilometri di distanza.

al link

https://www.repubblica.it/politica/2022/06/25/news/armi_a_kiev_in_arrivo_il_nuovo_decreto_sul_tavolo_anche_quelle_a_lunga_gittata-355315593/

 

2) Di Maio al momento della scissione sapeva ovviamente che il suo ministero stava varando un nuovo decreto per armi all' Ucraina, ed ha fatto contro Conte e compagni di movimento una polemica ed una scissione sapendo una cosa che Conte e M5S non sapevano. Li ha imbrogliati, con il sostegno dei media e di Mattarella.

https://napoli.repubblica.it/cronaca/2022/06/26/news/nuove_armi_allucraina_limbarazzo_di_conte_di_maio_chi_strappa_tradisce_il_paese-355440641/

 

3) E' necessario un coordinamento tra i parlamentari, una quarantina, contrari all' invio di armi all' Ucraina.

al link 

http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2022/06/i-governanti-italiani-non-rappresentano.html

 

un accenno alla proposta

 

 

La loro opposizione attuale, in maniera individuale o di singola componente, viene completamente ignorata dai media.

Mentre

un coordinamento

di tutti i parlamentari contrari all' invio ( Petrocelli, Gianrusso,  Dessi, attivista del Pc di Marco Rizzo,  Nugnes, vicina al Prc, Suriano, Ehm, Sarli  di ManifestA-Rifondazione Comunista-Potere al Popolo, Paragone e altri di Italexit, Fratoianni (SI), Cabras, Corda ed altri di Alternativa c'è)

e di coloro che militano nei partiti che i 40-50 parlamentari rappresentano (Eleonora Forenza, Maurizio Acerbo, Marta Collot, Giuliano Granato, Nicoletta Dosio, Giorgio Cremaschi, Viola Garafolo, Marco Rizzo, Luigi De Magistris, Sergio Cararo, Luciana Castellina, Russo Spena)

avrebbe un impatto mediatico molto superiore a quello ottenuto dall' opposizione com' è stata fino ad oggi, e potrebbe essere un riferimento per comitati locali, reti, singoli cittadini.

 

 

So che tra poco arriva luglio, e poi agosto, e che sempre, in ogni stagione dell' anno, c'è molto disinteresse all' impegno diretto,

ma sarebbe necessario mobilitarsi contro la guerra anche in queste settimane.

 

Marcopa

Questa argomento è stata modificata 1 mese fa 3 volte da marcopa

Citazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 7650
Topic starter  
Ieri facebook mi ha censurato un post sullo stesso tema, pubblicato nel gruppo
 
 
 
Stop all' invio incostituzionale di armi !
Il post viola gli standard della community
 
Non è corretto ipotizzare che martedì sera Di Maio sapesse del decreto del suo ministero conosciuto dal giornalista di Repubblica venerdì sera. Di Maio aveva fatto anche circolare una bozza di risoluzione dei 5stelle che invece non era il testo che il Movimento voleva portare all' incontro delle forze di maggioranza.
 
Marcopa
 
lL post è visibile solo al suo autore e alle persone che gestiscono Stop all'invio anticostituzionale di armi!.
Abbiamo creato questi standard per impedire pubblicità ingannevole, frodi e violazioni della sicurezza.
 
 
 
 
L' articolo di Repubblica, sabato 25 giugno, che annuncia nuovo decreto varato anche dal Ministeri degli esteri di Di Maio che ovviamente conosceva la cosa il 21 giugno sera, al momento della conferenza stampa sulla scissione. Di seguito l' articolo su Repubblica.
 
Una settimana, al massimo qualche giorno in più. Poi l'Italia terrà fede agli impegni assunti con gli alleati, sancendo l'invio di https://www.repubblica.it/esteri/2022/06/16/news/perche_le_nuovi_armi_promesse_dalloccidente_non_fermeranno_lavanzata_russa-354131382/?fbclid%3DIwAR2vPxGtIkK1z2W7Iarp0BdtHTwfCncRC6yfT5wq13Crpz7w_rGIVSOxTIQ&source=gmail&ust=1656428555476000&usg=AOvVaw3qex_467UQQCFhY9sZclK X">altre armi all'Ucraina. È infatti in corso una ricognizione per individuare quale materiale bellico sarà contenuto in un nuovo decreto interministeriale, il quarto. Nel provvedimento - che prima di essere pubblicato dovrà ovviamente ottenere l'ultimo via libera politico di Mario Draghi e che sarà anticipato al Copasir dal ministro della Difesa Lorenzo Guerini - saranno garantiti agli ucraini equipaggiamento, mezzi blindati armati per trasporto del personale, artiglieria pesante. Non solo quella a media gittata dell'ultima spedizione, ma probabilmente anche quella a più lungo raggio, sulla scia di quanto fatto da Gran Bretagna e Germania....
Questo post è stato modificato 1 mese fa 2 volte da marcopa

RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 141
 

Naturalmente, qualsiasi iniziativa che intenda portare all'attenzione del Parlamento le opinioni, le preoccupazioni e le istanze dei cittadini è di per sé apprezzabile poiché sottolinea e richiama il ruolo stesso delle Camere, la loro funzione rappresentativa tanto affossata di questi tempi. Ma è proprio questo il punto: è ormai evidente che l'attuale governo non può essere messo in difficoltà, men che meno può cadere evocando le urne; il dissenso di ogni genere è strenuamente combattuto ( lo dimostra anche la censura subita dai suoi contenuti su Facebook ) e la possibile opposizione politica si riduce, come spiega bene lei, all'azione e al voto di gruppi di parlamentari di dimensioni variabili ma pur sempre insufficienti. Allora mi chiedo e forse le chiedo: è possibile che Conte davvero NON sapesse nulla dell'iniziativa di Di Maio? I documenti ( più o meno rivelati dai giornali ) che delineano comportamenti incoerenti da parte del movimento forse certificano solo le difficoltà interne a sostenere un esecutivo oltre il limite della decenza. Inoltre, che senso ha dividere il partito se poi entrambe le parti garantiscono "stabilità" ? Non vorrei che taluni parlamentari, a volte, scelgano di costituire delle fronde utili a mandare segnali elettorali al paese ma senza la minima intenzione, a priori, di far cambiare idea al governo. Infine un'osservazione sulle armi: Repubblica, se ho ben capito, sostiene che l'Italia sarà impegnata ad inviare materiali di una certa rilevanza al pari di paesi importanti come Germania e Regno Unito mentre altre fonti affermano che i quantitativi e la natura degli armamenti italiani destinati all'Ucraina sono "risibili". Chi avrà ragione? In medio stat virtus? In ogni caso non sarà che Repubblica, il cui unico scopo è ormai quello di applaudire il governo dei migliori,  vuol far credere ai propri lettori ( ex pacifisti convertiti al buonismo interventista ) che l'Italia anche in questo caso svolge il proprio "compito" alla perfezione ? Sarebbe interessante approfondire.


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 212
 

QUANDO LE PERSONE FINALMENTE CAPIRANNO CHE QUESTE AZIONI SONO INUTILI??

QUANDO CAPIRANNO DI ESSERE IN UN RECINTO CREATO DAL SISTEMA??

PETIZIONI, COORDINAMENTI, PROPOSTE, NUOVI PARTITI... NON SERVONO A NULLA SE NON A TENERCI FERMI E A ILLUDERCI PER NON FARE L'UNICA COSA CHE AL SISTEMA DÀ FASTIDIO: UNA LOTTA NON VIOLENTA, UNITA, COORDINATA E FUORI DAGLI SCHEMI, CIOÈ FUORI DAL RECINTO IN CUI VOGLIONO TENERCI.

COSA SIGNIFICA USCIRE FUORI DAGLI SCHEMI:

https://t.me/vvvvvinc/13903

 


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 212
 

Cara Sarah, io eviterei di perdere le mie energie seguendo il marciume politico e i media servi...

Visto che in passato parlavamo di V_V 😉 ti lascio il link di questa radio, qui puoi trovare interviste a esponenti della forza di lotta non violenta (e a ospiti esterni):

http://www.radiodiffusioneeuropea.net/podcast-2/diritti-e-liberta-podcast/v_v-autogestione/

Qui invece trovi le interviste del giovedi fatte a Voice, il portavoce di V_V:

http://www.radiodiffusioneeuropea.net/podcast-2/diritti-e-liberta-podcast/

 


RispondiCitazione
Condividi: