Summit Italia-Afric...
 
Notifiche
Cancella tutti

Summit Italia-Africa

Pagina 2 / 2

oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3152
 

https://www.maurizioblondet.it/800-diplomatici-sono-antisemiti/

Qui un commento da dx sull'argomento: da sx tutto per il momento è in sordina. Aspettano lumi dalla Schlein, che avendo la sorella ambasciatrice in Grecia forse se ne intende... 🤣 

Vi sarebbero nel documento infatti anche le firme di esponenti italiani dell'amministrazione estera a livelli apicali, dimostrazione che agli addetti ai lavori, che evidentemente ne sanno infinitamente più di noi, questa linea politica della Meloni non piace affatto, ravvedendone i rischi nella complicità alle azioni dello stato israeliano, oramai da tempo avviato ad un percorso di aperta criminalità verso i palestinesi.

Insomma, qualcosa si muove, ricordando anche il malumore a Bruxelles verso esponenti politici europei da parte dell'entourage tecnico della BCE. 

Speriamo solo che il massacro di Gaza abbia fine.

 


sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
sarah
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 506
 

Io comprendo le ragioni di @Detrollatore II, che intende fare una "critica" ragionata della situazione e indipendente da antipatie e simpatie di facciata ma partendo dai fatti. Ecco, però sono proprio i fatti che mi lasciano abbastanza costernata: l'esistenza di un governo cd "sovranista" svela ancor più chiaramente la dura realtà di totale sudditanza del nostro paese ad altri desiderata politici. Quello che si può e non si può fare. Riconosciamo la cifra del volere politico di chi esercita il vero potere decisionale in Italia attraverso le vicende relative all'Ucraina o al Medio Oriente, per esempio. Sono politiche tanto scellerate che non è nemmeno poi così difficile prenderne le distanze, come testimoniano le dichiarazioni dei diplomatici citate nell'intervento di prima. Solo che, mi si dice, c'è la realpolitik; il governo vorrebbe fare diversamente ma non può pena la sua destituzione immediata attraverso meccanismi giudiziari o economici eterodiretti. Quindi, preso atto di ciò, bisogna accontentarsi del poco che c'è e che, anzi, si legge che sarebbe anche più di quanto ci si potrebbe aspettare. Punti di vista. Quel che lascia perplessi è la solerzia con la quale questo esecutivo aderisce alle iniziative controproducenti e ributtanti che ci vengono imposte. E' molto bravo nell'adeguarsi, insomma. Se da questo punto di vista lo scarso peso intellettuale della meloni può senza dubbio giocare un ruolo importante, allo stesso tempo si è sorpresi dalla facilità con cui si eseguono gli ordini. Nei finanziamenti a zelensky, in Medio Oriente, nello Yemen, nella polemica con le Nazioni Unite... Impossibile non immaginare che queste "concessioni" comportino dei sostanziosi vantaggi per i nostri decisori. Mentre noi ci accontentiamo dei "lati positivi", come si suol dire. Non polemizzo, ma sul piano interno leggo che da poco è stato approvato un "piano pandemico" nuovo di zecca: può darsi che al momento si tratti di un inutile polverone, tuttavia appare chiara l'assenza di qualsiasi cenno di critica ad un'impostazione che, nei tre anni appena trascorsi, ha trascinato l'italia nel baratro. Al momento è tutto tranquillo e si tira a campare ma ho paura di immaginare ciò che accadrebbe se la situazione si dovesse fare appena più tesa. Speriamo di non doverlo commentare, al di là di qualsiasi legittima convinzione politica. 


oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4097
 

Poche Luci e molte ombre nella politica estera del governo. Ha fatto benissimo a rimandare al mittente la Via della Seta, veicolo evidente del colonialismo economico cinese, basta guardare il bilancio del commercio estero con la Cina, e non solo dell'Italia ma di tutta la UE. Sarebbe ora di mettere dazi e di promuovere la produzione interna europei dei beni essenziali a partire da quelli tecnologici e 'dual use'. Questa iniziativa 'africana' è nata come parte della campagna elettorale per le europee e, temo, come tale verrà giudicata dagli africani. L'Europa è troppo debole per poter dire la sua nel continente africano dove contano i soldi e i soldati e l'Europa è solita dare finanziamenti a pioggia che finiscono immancabilmente nelle tasche (spesso nelle banche europee) dei prominenti del luogo. Basta con i programmi alla 'Marshall Plan', l'Africa non è l'Europa del dopoguerra. Quello che la Meloni avrebbe dovuto fare è dire la verità in faccia agli africani e rimandare a casa gli immigrati che girano per il nostro Paese senza una speranza, così, tanto per occupare il Paese. E la verità da dirgli è che devono tenere sotto controllo la loro demografia perché non ci sono più continenti vuoti da riempire come nei secoli scorsi e non possono continuare a scaricare in Europa, come invece fanno adesso, l'esplosione demografica. Il coraggio di dire questo però non ce l'ha nessuno, neanche i cinesi i quali invece lo avevano capito benissimo e avevano preso provvedimenti per il loro Paese. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il Piano Mattei è vecchio, servono progetti più incisivi e serve la possibilità di inserire insieme ai progetti economici la protezione armata come sta facendo la Russia, a cominciare dalla Libia.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3152
 

Dissento, almeno in parte: la Via della Seta è un mondo di relazioni economiche internazionali, di rapporti non solo con la Cina ma con l' Oriente in generale, specie con Paesi che hanno un potenziale demografico enorme. Esservi dentro significa coltivare relazioni privilegiate in ogni campo specie ad alto livello, partecipando a summit e costruendo davvero il mondo del futuro.

Parlare con Biden mentre emette le sue flatulenze, annuendo e scodinzolando, non mi sembra lo stesso che avere una propria regia economica e politica di peso, interagendo con chi è talmente più avanti di noi in ogni campo da farci sembrare dei botoli da passeggio.


RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 447
Topic starter  

Sarah, quello che cerco di comunicare da almeno un anno è che un governo sovranista è tale quando fa le cose al tempo e al modo giusto e tenendo conto del contesto. Dichiararsi sovranisti in tutto e per tutto da domattina non serve a nulla. E' ingenuo perfino, a parte le ritorsioni. E' per una questione di efficacia della stessa attività sovranista e di attesa dei momenti e del contesto geopolitico giusto.
Ad esempio, non si esce dall'UE con uno schiocco di dita domattina e non è necessario uscire per forza. Basta che l'UE faccia quello che vuole l'Italia o basta che l'Italia possa fare i suoi interessi. Ora, guarda al passato e confrontalo con adesso:
- si facevano politiche con deficit alti e imposti in modo determinato dal governo?
- si diceva no al MES in modo cosi risoluto??
- si contrastava e rifiutava il green deal?
- si rastrellavano i risparmi degli italiani e si godeva della fiducia dei mercati oppure si elemosinava alla BCE??
- ci si metteva di traverso alle politiche UE sul cibo??
ecc ecc ecc (la memoria non è il mio forte, a braccio, sennò continuavo fino a domattina!!)
- avete mai sentito un premier che sostiene di voler fare affari con l'Africa riguardo alle fonti energetiche per esempio, per poi poterle fornire in via privilegiata (grazie alla posizione geografica dell Italia) il gas? E di voler fare esattamente come Mattei?? Non se ne poteva inventare una piu semplice per fare campagna elettorale, visto che questa gli italiani non la capiscono affatto???

Ragà per favore smettiamola di pretendere TUTTO E SUBITO e cerchiamo di provare (almeno provare) ad accontentarci (un peletto, non dico tanto!!).

Sui finanziamenti e armameni a Zellly ho gia fatto qualche post e ne abbiamo parlato, anche se è difficile forse da capire il concetto. Si può non condividere, ma è necessario capire...

Il nuovo piano pandemico è ancora solo una bozza che lo stesso ministro della Salute ha detto di dover ancora visionare e di cui ha rivelato non essere un grande amante (delle bozze, scritte da dirigenti ministeriali ancora in carica per contratto dai tempi di Speranza). Quelli ci provano, che vuoi farci Sarah e la controinformazione Sorosiana ci sguazza perché crea allarmismi, paure e fidelizzazione dei complottari ideologizzati ciecamente contro il non meglio precisato "sistema" (da distinguere dai complottisti seri, merce rara).

 


RispondiCitazione
Pagina 2 / 2
Condividi: