Notifiche
Cancella tutti

Target 2

Pagina 23 / 24

Deheb
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 237
Topic starter  

OHHHHH finalmente è uscito il terzo segreto di Fatima. 

Allora, se ho ben capito, la moneta (in forma elettronica, smaterializzata) è in comodato d’uso: la proprietà risiede in BC, i “bit monetari”  mentre l’uso è distribuito e trasferibile, gli “estratti conto”. Uno e trino dunque.

Per cui se il proprietario (la Jellen, Powell, Greenspan…) è inverso o si alza col piede sbagliato un certo giorno può bloccarne l’uso, uno ha tot sul conto ma non può spendere.

Corretto?

 

Spero ci sia una fonte per questa “teoria”.

 

Quindi, seguendo questo tipo di ragionamento, il blocco delle riserve russe sta a significare che la Russia ha sui suoi conti 600 miliardi di dollari che però non può utilizzare perchè ha solo estratti conto ma non la proprietà (i “bit monetari”). OK?

 

Mi sorgono spontanee alcune riflessioni:

- ho sempre saputo che il “congelamento” ha riguardato SOLO le riserve in valuta estera e oro (USD e EUR principalmente) detenute all’estero, cioè EUR e USD detenuti in conti situati in USA (8%), Francia (15%), Germania (12%), Giappone (12%). Il 18% delle riserve forex e oro fuori confine russo sono detenute in Cina.

Significa che le riserve in territorio cinese non sono disponibili? O sono disponibili? 

 

-Se i russi avessero conti off-shore in dollari li potrebbero usare oppure no?

 

-La Russia continua a commerciare combustibili fossili nonostante tutto attraverso deroghe o triangolazioni commerciali. Visto che le riserve forex le usa ancora presumo venga pagata (parzialmente o interamente) in dollari (stimano 20 mld/mese). 

Se hanno bloccato i bit monetari che avvallano l’estratto conto russo, perché non bloccare anche i bit monetari per i pagamenti verso i russi? dato che tutto è, anche indirettamente, riconducibile alla FED (che ha i bit sul proprio computer)

 

-Come è possibile bloccare i bit monetari? Tecnicamente intendo. E come è possibile sapere quali bloccare precisamente? Cioè la FED ha il controllo di ogni singolo dollaro elettronico emesso? 

 

-Come si distinguono i bit-dollari dagli estratti-conto-dollari?

 

- A maggio 2022 si diceva: TRAD:

".....Il vice governatore della Banca centrale Ksenia Yudaeva ha chiarito in seguito che tali discussioni riguardavano solo i depositi in valuta dei clienti aziendali con le banche, non quelli dei clienti al dettaglio.

Yudaeva ha detto che era troppo presto per revocare il limite di 10.000 dollari sui prelievi dei cittadini russi dai loro conti in valuta, in vigore fin dai primi giorni della campagna in Ucraina, ma non ha escluso la sua revisione a settembre."

https://www.reuters.com/markets/europe/russian-cenbank-downplays-role-dollar-euro-home-globally-2022-05-31/

- perchè in russia hanno permesso prelievi in valuta estera (fino a 10.000$) se hanno i “bit” bloccati? Ovvero: se i “bit monetari” sono bloccati dalla FED che ha rapporti anche indiretti con i possessori di conti in valuta, com’è possibile che abbiano l’operatività dei conti in russia i cittadini russi? Non dovrebbero pulirsi il culetto con gli estratti conto? A quanto ho capito io Dehebovich abitante di Mosca e privato cittadino, se volessi potrei fare prelievi in dollari per un massimo di $10.000. Com’è sta faccenda?

 

C’è una continua oscillazione di pareri su questo tema, dal “senza alcun dubbio” a “probabilmente” a “se non direttamente almeno indirettamente”.

Mosler ha detto che “probabilmente” il Burundi ha un conto in FED 

Deheb ha detto che “probabilmente” il Burundi NON ha un conto in FED 

 

Il probabilmente può avere una doppia valenza ma non da certezze. O si o no, probabilmente è un parere, il mio come quello di Mosler. Valgono 50/50. Io ho messo come fonte la BC burundese, Mosler invece?

 

Non ho chiesto cosa rappresentino simbolicamente IMF e WB, semplicemente a cosa servono se i dollari li ottengono comunque stampando BIF? Dicono di NON avere rapporti con FED ma li hanno con IMF e WB. Perchè?

 

 


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 171
 

Evidentemente tu non consoci il terzo segreto di Fatima.... i dollari (intesi come estratto conto non contanti), non sono divisi fra conti detenuti all'estero e detenuti in USA... questa divisione riguarda se chi li detiene è residente USA oppure non residente..... ma i dollari intesi come "bit" sono tutti detenuti nei computer della Fed e Tu (non residente), ripeto hai un estratto conto, sia che il conto in dollari si presso una banca Usa, sia che lo abbia presso una banca italiana!!!!

La Russia opera attraverso Gazprombank, che è stata lasciata volutamente fuori dalle sanzioni.... altrimenti tu oggi non accendevi il risaldamento ..... sul tema ci ho fatto diversi articoli!!!!

Gazprombank non ha le riserve in dollari bloccate e può operare liberamente in dollari ed euro... ovvero siccome Putin non vuole più il pagamento in euro o dollari, che poi non potrebbe utilizzare (stante il blocco delle riserve), ha preteso il pagamento in rubli..... quindi, ENI o chi per sia, se vuole rubli deve cedere euro.... e quindi ha bisogno di essere libera sul sistema dei pagamenti!!!!

Uno che è imbottito di finanza come te e che conosce ogni minimo dettaglio..... non conosce il terzo segreto di Fatima!!!??? non mi sarei mai aspettato da parte tua questa mancanza!!!

Eppure ti ho anche spiegato... come funziona avere un conto in dollari in Italia!!! Bankit ha un conto presso la Fed (o vogliamo mettere in dubbio anche questo)..... oppure la BCE avrà un conto presso la Fed... oppure neanche la BCE ha un conto presso la Fed???!

Bankit ha un conto presso la Fed con il quale si scambiano euro e dollari (riserve), la tua banca direttamente oppure indirettamente ha un rapporto con Bankit.... quindi, quando tu vai alla tua banca ad aprire un conto in dollari, la tua banca li prende dalle riserve in dollari che detiene Bankit (se poi Bankit non ha riserve sufficienti in dollari.. se li fa prestare dalla Fed o da chi per sia.... ma questo "chi per sia"... li avrà sempre avuti dalla Fed, a meno che non se li sia stampati in cantina!!!)..... a questo punto tu avrai il tuo conto in dollari presso la tua banca in Italia. Se il governo degli USA decide di sanzionare l'Italia, bloccando le riserve in dollari di Bankit..... di fatto ha bloccato il tuo conto corrente... che ripeto sono dollari messi a tua disposizione dalle riserve che Bankit ha in dollari presso la Fed!!!

Oggi, i russi che hanno conti in dollari in banche russe, se non potessero operare tramite Gazprombank, avrebbero in mano carta straccia (gli estratti conto)!!!! Ripeto ci ho fatto articoli sulla frode delle sanzioni.... poiché lasciando libera Gazprombank è come se di fatto le sanzioni non esistessero.... e sull'argomento ho fatto anche una intervista a Mosler.... che credo sul terzo segreto di Fatima ci abbia costruito la sua vita... .oltre ad averlo toccato con mano.... essendo stato dentro la Fed!!!!

Tieni leggiti un po' di cose serie.... [L'economista Mosler: "le sanzioni contro la Russia non hanno senso e con Gazprombank libera è come se non ci fossero" - Megas Alexandros]

Deheb: "Il probabilmente può avere una doppia valenza ma non da certezze. O si o no, probabilmente è un parere, il mio come quello di Mosler. Valgono 50/50. Io ho messo come fonte la BC burundese, Mosler invece?"

Megas: Ti ho già detto e dimostrato che sapere o meno se la BC del Burundi ha un rapporto diretto con la Fed... non cambia rispetto al ragionamento che stiamo facendo e quello che vogliamo dimostrare. Evidentemente, anche dalle risposte che dai, tu non hai ancora chiaro di cosa stiamo discutendo!!! (è un tuo difetto conosciuto quello di deviare dall'argomento o non avere chiaro il motivo della disputa, hai fatto lo stesso con il T2.. quando ti concentravi sui rifinanziamenti del settore bancario, mentre il problema di Sinn e Pfeff, erano i Tds all'attivo ed i rapporti tra la BCE e le BCN).

Stiamo discutendo se qualcuno o meno alla fine prende l'estratto conto in BIF.... e se lo prende la BC del Belgio invece che la Fed.... il ragionamento è confermato!!!

Insomma ti ho già scritto: visto che in Burundi ci sono le pompe di benzina e che il petrolio è presente.. questo significa che qualcuno le ha costruite ed ha portato il petrolio pagandolo in dollari.... dopo di che, non credo che i Burundesi o Burundini..... abbiano i conti in dollari e paghino in dollari quando fanno il pieno..... e se pagano in BIF, il petroliere che ha portato il petrolio riscuote in BIF.... poi però, quando il petrolio è finito e lo deve ricomprare in dollari.... ha bisogno di cambiare i BIF..... e quindi qualcuno prenderà i BIF.... oppure Tu pensi che i BIF vanno su Marte!!!! seconda volta che ti faccio il disegno!!!!

Deheb: "Non ho chiesto cosa rappresentino simbolicamente IMF e WB, semplicemente a cosa servono se i dollari li ottengono comunque stampando BIF? Dicono di NON avere rapporti con FED ma li hanno con IMF e WB. Perché?"

Tu hai il limite che oltre alla finanza e la filosofia non comprendi altro. Ti ho già risposto.... i rapporti con IMF e WB (che non sono banche centrali..... ma Istituiti finanziati dalle banche centrali), te lo riscrivo due volte e te lo sottolineo, per vedere se comprendi la differenza (che non sono banche centrali..... ma Istituiti finanziati dalle banche centrali) - sono propedeutici alla colonizzazione del paese da parte di chi ha interesse a colonizzarlo. Hai mai sentito parlare delle colonie.... se il Burundi era colonia Belga ed il Belgio tramite la sua BC (che può coprire ogni perdita derivante dalla volatilità del BIF), fa il favore al Burundi di prendersi gli estratti conto in BIF.... pensi che i poteri che comandano in Belgio, non abbiano un ritorno reale dall'economia del Burundi!!?? magari (dico a caso), il petroliere in questione sarà belga??? Stessa cosa avviene con la Francia ed il CFA... ovvero il Franco delle Colonie..... anche su questo fatto articolo!!!!

Quando un potere ha in mano una banca centrale può fare tutto quello che vuole... non lo dice Megas, lo diceva anche il Barone Roistchild che di banche centrali se ne intende certamente più di Deheb. 

Avere a disposizione una BC, che ti prende gli estratti conti in BIF od in qualsiasi moneta, senza nessun rischio di default..... se mi permetti è un bel vantaggio, non credi!!!

Ora però mi prometti che ti vai a studiare il terzo segreto di Fatima.. e finché non lo avrai studiato ed assimilato ti esenti dal rispondermi!!!!!

Guarda, fai anche velocemente se hai un amico in Russia!!!!


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 237
Topic starter  

«4.   Sono vietate tutte le operazioni relative alla gestione delle riserve e delle attività della Banca centrale di Russia, comprese le operazioni con qualsiasi persona giuridica, entità o organismo che agisce per conto o sotto la direzione della Banca centrale di Russia.”

 

Hanno bloccato l’operatività dei conti esteri della BC russa e di alcune banche commerciali  (selezionate) ed è impedito (sanzione) avere rapporti con persone o società selezionate. Esclusione dal sistema di pagamenti SWIFT per la maggior parte dei soggetti finanziari russi. Limitazione delle esportazioni di determinati prodotti verso la Russia.

Hanno “minacciato” le collaborazioni e gli scambi di non aderenti alle sanzioni (vedi Cina e India) ma non ho capito bene i modi e le conseguenze, non sono molto chiari in merito.

Inoltre queste sanzioni e minacce extraterritoriali portate avanti da USA e EU sono piuttosto a rischio dal punto di vista del diritto internazionale. 

I conti in valuta (e titoli) della BC russa presenti o presso le BC estere o presso alcune B commerciali  sono bloccati, ne impediscono l’operatività.

 

Non hanno bloccato “i bit” in valuta. Hanno bloccato proprio i conti. Come dire che hanno cambiato d’imperio le password di accesso. I soldi e i titoli ci sono ma non sono utilizzabili. 

 

Hanno lasciato l’operatività di Gazprombank e Sberbank (quest’ultima non so se possa operare attualmente). Ovviamente. 

Se avessero bloccato tutto mezza Europa (Germania in primis) sarebbe ferma e al freddo. 

Non hanno bloccato i “bit” dato che i pagamenti vengono comunque effettuati su Gazprombank che funge da “succursale vicario di BC”, i pagamenti vengono effettuati in euro e dollari ma sono depositati sul conto Gaz e “bloccati” quindi l’idea è di evitare che la Russia utilizzi le riserve in valuta estera per comprare materie extra russia (e agire sul forex per stabilizzare il rublo). Ma Putin ha  decretato il “gas for ruble”, cioè sempre su Gazprombank le compagnie estere che vogliono gas dalla russia sono costrette ad aprire un conto in valuta e uno in rubli. I rubli derivano dalla conversione di EUR e USD che Gazprom prende a prestito dalla BC utilizzando come collaterali gli EUR e USD presenti sui propri conti (derivanti dai pagamenti).

Anche qui un contenzioso legale tra Russia ed EU per i vincoli di contratto e l’interpretazione delle sanzioni. 

I polacchi ad esempio, non hanno accettato di aprire un doppio conto su Gazprom e le forniture di gas sono state bloccate.

Azione e reazione. 

 

La moneta è per gran parte smaterializzata, elettronica sia di BC che di B commerciale. L’emissione non è un processo fisico ma avviene una contabilizzazione “su foglio excel”.

L’emissione e la contabilizzazione avvengono in prima battuta su BC nazionale. 

Il passaggio di valute da una parte all’altra del mondo avviene elettronicamente e queste vengono contabilizzate (elettronicamente) dai possessori e/o utilizzatori.

Banalità e ovvietà.

 

Da qui a dire che ci sono “i bit” e “gli estratti conto” ce ne passa, è un bel salto nell’iperspazio, si entra nella IV o V dimensione. 

Ma questo conferma la mia impressione che ho detto scherzosamente, secondo Mosler e Megas la moneta è in comodato d’uso. Ma solo quella elettronica. 

Gia queste sanzioni hanno alterato la fiducia in certe istituzioni ma dire che “gli estratti conto” non hanno valore senza “i bit” …..se fossi un banchiere centrale non troppo amico chiederei i contanti e la conversione dei miei conti elettronici per pararmi il culo vista l’aria che tira.

MA anche andando oltre, la distinzione di “bit” ed “estratti conto” mi ricorda molto la logica del gold standard dove “i bit” sono l’oro in cassa e “gli estratti conto” le note di banco. Se saltano (bloccano) i bit gli estratti conto perdono valore.

 

Infine, io potrei anche studiare ma una cosa del genere MAI l’ho sentita e letta. Capirai anche tu che se l’unica fonte sei tu che ti ispiri alle teorie di Mosler…significa che l’unica fonte è lo stesso Mosler. E’ sicuramente un grande nel settore derivati ma sul resto qualche dubbio viene. Uno poi che ritiene l’esportazione un costo, meglio conservare le proprie materie o servizi in eccesso in casa…si aggiunge al dubbio un grosso punto interrogativo. 

Penso anche Mosler sappia che il petrolio in eccedenza è meglio venderlo che conservarlo, gli arabi ci hanno costruito la loro fortuna nei decenni scorsi e in quelli a venire….o mi sbaglio?

 

Il solito, ipersemplificazione e reinterpretazione e/o mistificazione che porta alla fine concetti sballati.

 

Ps: per restare in tema, “non diciamo” a Pfeffer che gli scambi tra EU e Russia avvenivano su Target2….


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 171
 

Tu, ogni volta che ti vedi smentita con i fatti la tua tesi.. .rilanci con tesi diverse!!!

Ieri hai scritto che erano bloccati i conti in dollari che i russi avevano presso banche negli USA, mentre io ti ho detto che invece sono bloccati i conti in dollari dei russi anche se aperti presso banche russe. Questo perché se tu hai un conto in dollari in qualsiasi parte del mondo è la stessa identica cosa che tu lo abbia in una banca USA: sei proprietario solo di un estratto conto!!!

Del resto anche nel tuo rapporto con la tua banca tu sei proprietario di un estratto conto. Infatti se ti arriva un pignoramento, la banca ti può facilmente bloccare il conto e tu non puoi più disporre delle somme. Cosa che non potrebbe fare se tu gli euro li hai in contanti sotto il materasso.

Se leggi il mio articolo di oggi e la lettera che l'ambasciatore russo ha scritto a Crosetto, c'è un passaggio che fa riferimento al blocco di 300 mld di riserve (soldi dei contribuenti russi).... questo conferma quello che ti sto dicendo.

Ovvero, il tema di fondo dove siamo partiti e che tu oggi ha immediatamente dimenticato (o fato finata di dimenticare)... come fai sempre!!!!

E quindi te lo ripeto ancora..... tu sostieni che ad essere bloccati sono solo i conti in dollari dei russi detenuti presso le banche USA, mentre il sottoscritto di ha detto e scritto che non è così...... anche i conti in dollari dei russi detenuti nelle banche russe sono stati bloccati.... per le ragioni che ti ho descritto sul funzionamento dei sistemi monetari!!!!

Poi, come ti ho spiegato, hanno lasciato libera di operare Gazprombank (credo lo sia anche oggi, ma non fa differenza sul nostro ragionamento).... di fatto facendo in modo che le sanzioni non esistessero!!!! Ma ti ripeto anche i conti in dollari detenuti presso le banche russe erano bloccati.... e ti ho spiegato anche come funziona avere un conto in dollari.... e chi te li fornisce, ovvero la Fed attraverso la BC di Russia od una sua corrispondente.

Questa cosa non è che la dice Megas e Mosler, questa è la realtà che tutti gli addetti ai lavori conoscono e Tu evidentemente NO. Ad esempio la conoscono alla perfezione chi ha lavorato in banca e conosce la contabilità delle banche commerciali e delle banche centrali..... ed il sottoscritto ci ha lavorato per 23 anni!!!!

Deheb: "Gia queste sanzioni hanno alterato la fiducia in certe istituzioni ma dire che “gli estratti conto” non hanno valore senza “i bit” …..se fossi un banchiere centrale non troppo amico chiederei i contanti e la conversione dei miei conti elettronici per pararmi il culo vista l’aria che tira".

Megas: cosi è se ti pare!!!! te lo scrivo da mesi ed in più hai la prova pratica sul campo di quello che sta succedendo ai russi... più di così, cosa vuoi??? Oggi le riserve dei russi vengono usate dall'occidente per finanziare la guerra in Ucraina, è in atto un provvedimento per appropriarsene e questo non lo scrive Mosler o Megas, ma l'ambasciatore russo in Italia nella sua lettera ufficiale di risposta al nostro Ministro della difesa Crosetto!!!

Qui, quello che si deve svegliare mi sa che sei Tu Deheb... ed anche molto velocemente!!!!!

Ma vi è di più, a conferma della bontà di quanto afferma Mosler e la MMT, ho letto questa mattina di una lucidità impressionante, su come funziona realmente la moneta fiat...... un articolo che fa riferimento proprio alla Russia, al blocco delle riserve ed all'azione della sua BC, scritto da Aleksander Dugin

Ci farò un articolo... ma siccome mi sei simpatico e mi fai tenerezza te le faccio leggere in anteprima: La verità inaspettata sui miliardi “rubati” alla Russia - IdeeAzione

Se leggessero e soprattutto lo comprendessero (ne dubito), Sinn e Pfeff... vanno in depressione diretta!!!!

Deheb: "Infine, io potrei anche studiare ma una cosa del genere MAI l’ho sentita e letta. Capirai anche tu che se l’unica fonte sei tu che ti ispiri alle teorie di Mosler…significa che l’unica fonte è lo stesso Mosler. E’ sicuramente un grande nel settore derivati ma sul resto qualche dubbio viene. Uno poi che ritiene l’esportazione un costo, meglio conservare le proprie materie o servizi in eccesso in casa…si aggiunge al dubbio un grosso punto interrogativo. 

Penso anche Mosler sappia che il petrolio in eccedenza è meglio venderlo che conservarlo, gli arabi ci hanno costruito la loro fortuna nei decenni scorsi e in quelli a venire….o mi sbaglio?"

Megas: Quindi tu vorresti dirmi che per il popolo è meglio stare a lavorare tutto il giorno a produrre auto (giapponesi) in cambio di un estratto conto presso la Fed, che stare tutto il giorno a girare per le strade guidando le auto costruite dai giapponesi fumandosi un cubano (glia mericani)!!???

Tieni presente che per 40 anni i giapponesi hanno inviato 2 milioni di auto all'anno in USA in cambio di estratti conti presso la Fed.... e se domani, sull'esempio concreto che stai vedendo con la Russia, i funzionari della Fed, dicessero ai giapponesi: "OOPS, scusate, i nostri computer sono impazziti ed i vostri estratti conto non ci sono più!!!!!

E se domani Putin, ti dicesse.... "amico, io il gas non ve lo do più, non voglio ne estratti conti in dollari, euro, rubli.... niente... me lo tengo per me a riserva per il mio popolo e le generazioni future... tanto i rubli me li stampo da solo!! secondo te chi muore prima???  i russi che si riscaldano ed anno l'energia sufficiente per mandar avanti il loro sistema economico ....  o noi italiani al freddo a coltivare a mano i campi per mangiare!!!!

Deheb, oltre a svegliarti.. cerca di usare anche il cervello al di fuori dei derivati.... perché mi sembra che lo usi poco!!!!


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 237
Topic starter  

“c’è un passaggio che fa riferimento al blocco di 300 mld di riserve (soldi dei contribuenti russi)”

Sarebbero circa 600 miliardi le riserve in valuta, titoli e oro quindi il blocco è di circa il 50%. 

Deheb: USA (8%), Francia (15%), Germania (12%), Giappone (12%).” Fai la somma e vedi se tornano i conti.

Ma non conferma nulla dei “bit”. 

 

Nell’articolo di Dugin che mi hai girato lo si dice 5 (cinque) volte. CURRENCY BOARD.

Pensaci bene prima di fare un articolo su questo.

Sono in un dollar-standard e dal punto di vista di un patriota come Dugin è un assurdo, specie in condizioni particolari come questa (sanzioni arbitrarie). 

CIT: “Un currency board è un’autorità monetaria che emette banconote e monete metalliche convertibili a vista in unavaluta estera (convertibilità automatica) che opera come moneta di riserva (anchor currency) e alla quale la moneta nazionale è ancorata con un tasso di cambio effettivamente fisso. Le riserve di un currency board sono costituite da valute, titoli e altre attività espressi nella moneta di riserva e coprono generalmente tra il 105% e il 110% della moneta nazionale emessa. Se queste regole rigide per l’offerta di moneta sono rispettate, i poteri di politica monetaria del Governo sono molto ristretti, se non annullati. La base monetaria del Paese aumenta solo quando il settore privato vende valuta estera al board al tasso di cambio fisso per avere moneta nazionale e diminuisce solo quando il settore privato consegna moneta nazionale in cambio di valuta estera. Un currency board ortodosso non accetta depositi, ha il monopolio dell’emissione di moneta nazionale, non può condurre una politica monetaria discrezionale variando la base monetaria con i tradizionali strumenti di politica monetaria (p.e. operazioni di mercato aperto, credito di seconda istanza alle banche ecc.), non può finanziare con la moneta il deficit di bilancio del Governo. Solo le forze del mercato determinano l’offerta di moneta.”

Ti rimetto un mio passaggio di un messaggio precedente:

D:-Valute non convertibili o parzialmente convertibili.

CIT:“Tanto per fare esempi pratici, il Real brasiliano non è convertibile o solo in parte per cose limitate. E stiamo parlando della prima economia del Sud America non di un paese piccolo, povero e senza risorse. Stesso discorso per lo CNY, RUB, INR.”

In base al grado di credibilità della moneta-paese puoi o non puoi fare, non è tutto uguale solo perchè la BC fa e disfa ad libitum.”

 

Il rublo non è valuta convertibile ed è agganciato al dollaro in un CURRENCY BOARD (ortodosso, hard, 1:1). 

Riserve valutarie e base monetaria in rubli sono legate. 

Gli hanno tagliato almeno il 50% delle riserve valutarie estere e l’operatività di quasi tutte le banche russe. E impediscono (per quanto possibile) di avere rapporti finanziari con le strutture russe. Le riserve le hanno piano piano ricostruite ma non possono sfruttarle appieno dato che hanno anche bloccato i sistemi di pagamento. 

Infatti “i bit” continuano a funzionare dato che vengono fatti i pagamenti in euro e dollari. Se mancassero o fossero bloccati “i bit” allora anche i pagamenti non verrebbero finalizzati.


RispondiCitazione
Pfefferminz
Prominent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 924
 

Deheb: "Ps: per restare in tema, “non diciamo” a Pfeffer che gli scambi tra EU e Russia avvenivano su Target2…."

Che al Target 2 partecipassero Paesi al di fuori dell'eurozona lo sapevo già, come dimostra il mio intervento del 12 agosto 2022, ore 15

"Alle anderen Zentralbanken außerhalb des Eurosystems, die am TARGET2-System teilnehmen, sowie sämtliche Geschäftsbanken, die einen direkten Zugang zum TARGET2-System haben, müssen am Tagesende ausgeglichene oder positive TARGET2-Salden vorweisen.”

https://de.wikipedia.org/wiki/TARGET2

Traduzione:

"Tutte le altre banche centrali al di fuori dell’Eurosistema che partecipano al sistema TARGET 2, così come tutte le banche commerciali che hanno un accesso diretto al sistema TARGET 2, alla fine della giornata devono avere saldi TARGET 2 positivi o in pareggio."

Cosa ci dice questo indirettamente?

Risposta: Ci dice che le banche dell’Eurosistema godono di un privilegio. Esse non devono avere saldi positivi o in pareggio alla fine della giornata, quindi il sistema del TARGET 2 è una camera di compensazione in cui non si compensa, come ha fatto giustamente notare l’utente Deheb.

Se si trattasse solo della registrazione di “flussi”, che senso avrebbe pretendere dalle banche che operano al di fuori dell’Eurosistema di avere saldi positivi o in pareggio?"

Chi invece non lo sapeva era Megas/alias Fabio Bonciani che da perfetto ignorante (ignorare nel senso di non sapere) e con una buona dose di arroganza, tipica degli ignoranti, mi rispose:

Megas/alias Fabio Bonciani : " Traduzione: Tutte le altre banche centrali al di fuori dell’Eurosistema che partecipano al sistema TARGET 2, 

già questo da il parametro del valore che ha chi ha scritto quello che tu hai tradotto.

le banche al di fuori dell’eurosistema non usano il Target2…..

Non continuo nemmeno, perché sto parlando con uno che invece di studiare, riporta le follie di altri."

Nel commento successivo, Megas/alias Fabio Bonciani rincara la dose e scrive:

Megas/alias Fabio Bonciani: " il resto del mondo non usa il sistema dei pagamenti T2 questa non è una opinione di Z Megas oppure di Wiki, è un dato di fatto accertato"

A distanza di quasi sei mesi da questi primi scambi di idee è chiaro che Megas/alias Fabio Bonciani non disponeva di conoscenze approfondite del Target 2, su quale aveva scritto un articolo copia-incolla tratto pari pari dal sito della BCE e da un articolo di "Frontiere" citato nelle note, riportando frasi di Draghi di cui lui nemmeno conosce il significato (visto che alla domanda di spiegare una frase di Draghi, lui non risponde e che  su un'altra frase lui ritratta sul significato di "collaterali"). Inoltre Megas /alias Fabio Bonciani prima critica la richiesta di regolamento di Draghi, poi approva un articolo di "Coniare Rivolta" in cui il saldo negativo T2 viene espressamente definito debito. 

  • E su queste frasi di Draghi, il signor Megas/alias Fabio Bonciani impianta una teoria senza capo né coda che và dai flussi, intesi come "meri valori statistici", passa attraverso non ben definiti squilibri contabili, senza mancare di fare una capatina presso le posizioni debitorie, per approdare infine nella descrizione di misteriosi rapporti che avrebbero a che fare con la creazione della moneta. 

Errare humanum est, ma quello che non è assolutamente tollerabile è il fatto che Megas/alias Fabio Bonciani, al fine di infittire la nebbia sulle  infinite incongruenze dei suoi scritti, copra con valanghe di insulti e diffamazioni il suo interlocutore. E questo non una, non due, non tre volte, ma in continuazione a partire dalle sue prime risposte, come testimoniato dai post sopra riportati. 

Il signor Fabio Bonciani viene gentilmente invitato a cancellare dai suoi posti tutti gli insulti, le diffamazioni e le insinuazioni di diffamazione proferiti nei confronti di Pfefferminz, affinché ComeDonChisciotte ritorni il punto di incontro di persone che intendono conversare amabilmente senza insulti. 

 

 

 


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 171
 

L'articolo non era per dimostrarti la proprietà dei bit, era per un'altra cosa ma lasciamo perdere troppo difficile da capire per te e non mi interessa tu la capisca.

Rimaniamo sul tema... il fatto che siano bloccate al 50% che significa!!? ti ho detto che Gazprombank è libera e quindi può operare in dollari.

Se Gazprombank non fosse stata lasciata libera anche i conti in dollari presso banche russe non sarebbero utilizzabili.... è questo il punto da dove siamo partiti "il terzo segreto di Fatima".... tu eri convinto che i conti in dollari presso banche russe potessero essere utilizzati ed invece no... .lo sono in quanto le riserve di Gazprombank non sono bloccate.

Questo è il punto.

Quindi finisci un tema prima di iniziarne un altro... altrimenti fai come Pfeff, che visto essere nella cacca, in merito ai tds ... ora si attacca alla Russia che opera in T2.... io non ricordo cosa ho detto mesi fa... il T2 è un sistema di pagamento, può anche partecipare chi non è in UE.... ma questo non cambia il tema dei saldi del T2, di cui abbiamo discusso per 6 mesi.

Via attaccate a tutto... 


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 171
 

Brava applausi...  sei nella cacca perché non riesci a dimostrare che nei trasferimenti internazionali non si trasferiscono i tds che sono all'attivo della moneta creata.... ovvero il tema principale della nostra discussione... e ti attacchi ad un messaggio di mesi fa, nel quale avrei sostenuto che la Russia non partecipava al T2..... io non ricordo, se l'ho scritto ho sbagliato... il T2 è un sistema dei pagamenti e possono partecipare anche paesi fuori dalla UE.... basta che si accordino, ripeto è un sistema di pagamenti come sempre sostenuto!!!!

Ma questo non c'entra nulla con il tema di fondo... oppure Tu e Sinn andate a chiedere anche ai russi di trasferire i tds russi che stanno alla base della creazione della moneta.....

Fai ridere... sei una persona bruttissima e questo messaggio ne è la conferma!!!!!

Le persone se fanno un errore (e ti do per buono il mio errore... non vado neanche a controllare perché vale zero rispetto al tema in questione).... dicono, come ho detto io: ho sbagliato!!!!

Non ti ho sentito dire "ho sbagliato" ad affermare che i saldi del T2 non sono debiti effettivi... non ti ho sentito dire "ho sbagliato", dopo aver affermato che nelle transazioni internazionali si trasferiscono le attività che stanno all'attivo della creazione della moneta (tds).

Ma non importa.... tutti hanno conosciuto chi Pfeffermiz!!!!

UNA DISONESTA INTELLETTUALE SERIALE ED UNA DIFFAMARTRICE DI PROFESSIONE!!!!

BYE BYE


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 171
 

Sto rileggendo questo ennesimo post, altamente diffamatorio della mia persona e della mia professionalità, costruito in maniera deliberatamente artefatta attraverso la tua sconfinata ignoranza in materia e la tua personalità che a questo punto direi problematica e pericolosa per la mia persona.

Una ricostruzione falsa e denigratoria facilmente dimostrabile, confrontando il tuo scritto con i contenuti dei miei articoli.

La cosa, dura da mesi e non è più accettabile, oltretutto lo fai coprendoti dietro ad uno pseudonimo. Tu sai chi sono, io non so chi sei Tu; è giunto il momento che io sappia chi sei e che mi protegga dalla tua persona che reputo pericolosa, dai tuoi atti di di diffamazione ripetuta, coperti dietro ad uno pseudonimo.

Una persona che nonostante sia stata invitata più volte a chiarire la sua posizione personalmente o attraverso articoli mettendoci la sua faccia, continua a negarsi e diffamare attraverso uno pseudonimo, vuol dire che vuole nascondersi e quindi ho tutto il diritto di ritenerti pericolosa per la mia persona, come ho tutto il diritto di sapere chi sei. Tu commenti in maniera altamente diffamatoria indicando il mio nome e cognome in neretto.... ho diritto di sapere chi sei e stai tranquilla che lo saprò.

Ti annuncio che ho già richiesto le tue generalità alla direzione di ComeDonChishiotte, che mi dicono avere la tua mail, appena ricevuta, darò mandato ai miei avvocati di rintracciare chi sei e tutelare la mia persona di fronte alla legge.

Gli articoli sono scritti, come sono scritti 6 mesi di messaggi diffamatori da parte tua. ComeDonChishiotte, nonostante la tue ripetute richieste di cancellarli, mi ha assicurato che non cancellerà niente e mi metterà a disposizione tutto il materiale.

Ti invito ufficialmente a smettere di diffamarmi nel modo cosciente e falso con cui lo fai nei confronti della mia persona e la mia professionalità.

Ogni tuo scritto ulteriore di origine diffamatoria nei miei confronti attraverso il tuo pseudonimo, dopo il presente avvertimento, sarà considerato, un ulteriore atto grave nei confronti della mia persona.

Il tema oggetto della nostra discussione è chiaro, anzi chiarissimo, sia per la dottrina che per il sottoscritto. La mia posizione sul tema in questione è altrettanto chiara e ci sono 3 articoli a certificare la mia posizione.

Se per te, le cose non sono chiare, ti invito a chiarirle con altri interlocutori e non con il sottoscritto. Tu per me sei una persona pericolosa, una persona che mi ha dimostrato che la verità per te è merce di scambio e l'onestà intellettuale un qualcosa che puoi facilmente aggiustare per la tua comodità.

Questo è quello che ho visto in 6 mesi di scambi di messaggi, sei una persona che non mi piace e te l'ho detto anche giorni fa, invitandoti a non scrivermi più e soprattutto a non scrivere più diffamazioni nei miei confronti.

Perché è bene che tu lo sappia, le tue sono diffamazioni pubbliche in piena regola (articolo 595, comm. 3 del Codice Penale), nei confronti di una persona vera che ha nome e cognome, generalità che sono in tuo possesso, ed il fatto che tu insista nel farlo tramite un pseudonimo è una aggravante per la tua posizione di fronte alla legge.

Al contrario le offese che tu mi attribuisci, sono la mia maniera forte di interpretare il mio diritto di critica nei tuoi confronti sancito dalla S.C. con la Ordinanza n. 38215 del 03/12/2021 - per di più nei confronti non di una persona identificata ma di uno pseudonimo.

Pochi giorni fa, messa di fronte alla "prova madre", su cosa sono realmente i saldi del Target 2 e messa di fronte alla realtà che il tuo orgoglio si rifiuta di accettare, invece che rispondere sul tema, mi hai risposto con una minaccia vera e propria: "ride bene chi ride ultimo, la cosa non finisce qua!"

Ed hai mantenuto la parola, dopo due giorni di riflessione e senza poter trovare una risposta a te conveniente alla "prova madre" , hai elevato la tua acredine e rabbia nei miei confronti, partorendo in totale malafede il presente post che in fatto di diffamazione, supera i già gravi post precedenti.

Mi sto preoccupando, mi devo preoccupare!!! quindi devo sapere chi sei il più presto possibile per tutelare la mia persona.


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 237
Topic starter  

“Oggi le riserve dei russi vengono usate dall'occidente per finanziare la guerra in Ucraina, è in atto un provvedimento per appropriarsene”

Se è in atto l’appropriazione significa che OGGI non usano le riserve russe. E ammesso e non concesso che lo facciano sarebbe furto, nel mondo del diritto “normale”. Poi se gli USA inventano un diritto tutto loro a uso e consumo (come il principio della “guerra preventiva”) questo al momento non si sa. Vedremo, ormai tutto è possibile. 

 

“Quindi finisci un tema prima di iniziarne un altro…”

Non mi sono mai staccato dal tema originario, ci sono i post che lo dimostrano.

Non è che “io sono convinto che…”, io mi baso sulle dichiarazioni ufficiali, in questo caso del vice governatore delle BC russa, non il primo che passa per strada. E ho messo anche la data della dichiarazione. La rimetto per chiarezza

“- A maggio 2022 si diceva: TRAD:

".....Il vice governatore della Banca centrale Ksenia Yudaeva ha chiarito in seguito che tali discussioni riguardavano solo i depositi in valuta dei clienti aziendali con le banche, non quelli dei clienti al dettaglio.

Yudaeva ha detto che era troppo presto per revocare il limite di 10.000 dollari sui prelievi dei cittadini russi dai loro conti in valuta, in vigore fin dai primi giorni della campagna in Ucraina, ma non ha escluso la sua revisione a settembre."

https://www.reuters.com/markets/europe/russian-cenbank-downplays-role-dollar-euro-home-globally-2022-05-31/

Maggio 2022, poi le cose possono cambiare, come sia la situazione odierna non saprei.

 

“Se Gazprombank non fosse stata lasciata libera anche i conti in dollari presso banche russe non sarebbero utilizzabili.... è questo il punto da dove siamo partiti "il terzo segreto di Fatima".... tu eri convinto che i conti in dollari presso banche russe potessero essere utilizzati ed invece no... .lo sono in quanto le riserve di Gazprombank non sono bloccate.”

Il punto è che quando hanno iniziato le sanzioni del 2022 la gente è corsa ai bancomat e ai supermercati. 

La paura era che il rublo potesse collassare o sparire (ed è crollato del 30% inizialmente, poi si è rivalutato ed è tornato ai valori pre-crisi), ma soprattutto volevano dollari, valuta straniera. Visto che sono dollarizzati. 

IDENTICO COMPORTAMENTO DEGLI ARGENTINI DOPO IL DEFAULT: si sono riversati sul dollaro, visto che il peso è crollato. E anche li hanno fatto pesanti blocchi sul movimento di capitali, la gente usava il mercato nero per la valuta (in USD).

Li hanno bloccati (i prelievi in Russia di cittadini russi) o limitati per evitare massiccie fughe di capitali soprattutto di valuta estera, visto che hanno bloccato le riserve. Lo stesso governo russo lo ha fatto (ovviamente) non i “bit” alla FED. Il fatto che possano aver lasciato una finestra aperta (i prelievi dei cittadini privati) me lo spiego con la probabile limitatezza degli importi derivanti dal prelievo e per evitare il "panico" tra la gente.

I sistemi di pagamento esteri in Russia non funzionano, li hanno bloccati (es. Apple o Google-pay).

 

“Rimaniamo sul tema... il fatto che siano bloccate al 50% che significa!!? “

Significa che se per l’operatività mensile hai bisogno di 300 miliardi di dollari e ne hai 600 sul conto ci stai dentro, se ne hai 300 sul conto sei al limite e non hai margini, se ne hai 200 devi ridurre l’operatività sia estera che interna, visto che sei in un peg col dollaro.


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 171
 

Caro Deheb, ho letto l'articolo Reuters con le dichiarazioni della vice della BC russa, tutto conferma quello che ti ho detto sul tema principale, ovvero quello che tu definisci il "Terzo segreto di Fatima", ovvero lo ripeto che anche i conti in dollari presso le banche russe sono bloccati e non solo quelli detenuti presso banche fuori dalla Russia.

Deheb: ".....Il vice governatore della Banca centrale Ksenia Yudaeva ha chiarito in seguito che tali discussioni riguardavano solo i depositi in valuta dei clienti aziendali con le banche, non quelli dei clienti al dettaglio".

Megas: Il fatto che inizialmente non fossero stati bloccati i conti dei clienti al dettaglio (era Maggio), era solo per decisione della BC di Russia, ma come ha bloccato quelli aziendali, poteva bloccare anche quelli al dettaglio. Questa è la prova che tu hai un estratto conto mentre il controllo sui "bit" di dollari è della Fed.

Il limite al prelievo di dollari in contanti da parte dei cittadini russi è un qualcosa imposto dalla BC russa, è lei che sa quante riserve di dollari in contanti detiene presso di se. Come ti ho detto, la Fed non può certo bloccare i dollari contanti... che sono fisicamente detenuti presso la BC di Russia.

Come per l'oro fisico, la Fed o la BCE possono bloccare le riserve di oro fisico russe, che sono depositate fisicamente presso di loro.

Deheb: "Li hanno bloccati (i prelievi in Russia di cittadini russi) o limitati per evitare massiccie fughe di capitali soprattutto di valuta estera, visto che hanno bloccato le riserve. Lo stesso governo russo lo ha fatto (ovviamente) non i “bit” alla FED".

Megas: Deheb, te l'ho spiegato sopra, hanno bloccato i prelievi in dollari contanti..... ti ho detto la Fed non può certo bloccare le riserve di dollari contanti detenuti fisicamente nella BC di Russia. Ma noi parliamo dei "bit" di dollari che sono indicati sugli estratti conto....... la Fed ha il controllo sui "bit"!!! Ora discutere su questo mi sembra di rubare tempo alla Verità ed alla logica... non concordi!!??

Deheb: "Significa che se per l’operatività mensile hai bisogno di 300 miliardi di dollari e ne hai 600 sul conto ci stai dentro, se ne hai 300 sul conto sei al limite e non hai margini, se ne hai 200 devi ridurre l’operatività sia estera che interna, visto che sei in un peg col dollaro"

Megas: il mio "che significa" era riferito all'argomento n questione ("il terzo segreto di Fatima"), ovvero questa affermazione non cambia la verità sul terzo segreto di Fatima, ovvero sull'argomento principale della nostra discussione che tu attribuisci solamente alle parole di Megas e Mosler, ovvero che anche i conti in dollari presso banche russe sono bloccati o possono essere bloccati, stante il fatto che tu hai un estratto conto mentre il "bit" è dentro i computer della Fed.

A questo punto vista la conferma da parte della Vice della BC di Russia che i conti aziendali in dollari presso banche russe erano bloccati a Maggio, nell'articolo da te riportato.... credo che il Terzo segreto di Fatima si svelato... e non è più una fantasia di Megas e Mosler.... concordi Amico Mio???!!!!

Se concordi passiamo oltre!!!!!

Questo post è stato modificato 1 anno fa da Megas Alexandros

RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 237
Topic starter  

Megas…MA CHE CONCORDO....

Stai dicendo che la FED, oltre a controllare l’utilizzo “da remoto” dei dollari, può anche controllare l’operatività dei conti russi in Russia??????

Cioè è a conoscenza anche del tipo di conto, retail e/o business e/o istitutional e può agire di conseguenza….

E la prova che ciò che dici è vero risiede anche nelle dichiarazioni della tipa di BC e negli effetti manifestatisi, perché la FED ha bloccato inizialmente solo i conti business ma avrebbe potuto farlo anche per i retail, quindi è provato.

MADDECHE???

TU confermi una cosa che prova che è vero ciò che TU dici. 

 

Se ha il controllo dei dollari mondiale e sa anche su quali e tipologia di conto sono perché non blocca i conti dove transitano i pagamenti per la fornitura di armi, o materie prime, o qualsiasi cosa? 

 

I prelievi bancomat sono contanti ma sono comunque contabilizzati come valuta estera e se escono dai conti della BC o delle B commerciali per andare sotto un materasso non sono più disponibili, SONO PEGGATI. CURRENCY BOARD, ogni dollaro in cassa (riserva contante o elettronica) deve corrispondere rublo. Se non hanno dollari non hanno rubli. 

Un pagamento commerciale potrebbe essere di milioni di dollari, il prelievo del privato massimo di $10.000, ammesso che possa permetterselo. 

 

HAI UNA PROVA “DECENTE” E TANGIBILE DI QUESTA STORIA DEI “BIT”? E DEL “CONTROLLO DA REMOTO DELLA FED”??

QUALCUNO HA SCRITTO QUALCOSA IN MERITO? 

NESSUN PROBLEMA MA VEDIAMO.


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 171
 

Allora ripartiamo dall'inizio, forse sono io che mi sono spiegato male, mettiamola così!!! 

Il 31/1/23 hai scritto:

Deheb: "ho sempre saputo che il “congelamento” ha riguardato SOLO le riserve in valuta estera e oro (USD e EUR principalmente) detenute all’estero, cioè EUR e USD detenuti in conti situati in USA (8%), Francia (15%), Germania (12%), Giappone (12%). Il 18% delle riserve forex e oro fuori confine russo sono detenute in Cina.

Io ti ho risposto che il congelamento è anche sui conti in Russia, poiché la BC russa non ha il controllo dei "bit" di dollaro sul suo computer, la BC russa non crea i dollari, quelli li crea solo la Fed... la BC russa ha solo un estratto conto.

Le riserve in dollari della BC russa sono tutte presso la Fed e la BC ha solo un estratto conto, un conto di corrispondenza. 

Il rapporto diretto con la Fed, in Russia lo ha la BC russa e forse alcune banche russe accreditate.... certamente abbiamo visto lo ha Gazprombank.... parlo di rapporto diretto. Le altre banche e naturalmente dettaglio ed aziende non hanno rapporto diretto con la Fed. I conti in dollari che detengono, provengono dalle riserve in dollari della BC russa e dei corrispondenti accreditati.

Quindi la Fed, nel caso delle sanzioni, bloccando le riserve della BC russa e le riserve dei corrispondenti, di fatto blocca anche i conti in dollari dei privati. I quali, essendo bloccata la BC e le corrispondenti sul sistema dei pagamenti, a loro volta non possono operare. 

Poi se la BC russa decide all'interno del paese, di far operare alcuni conti ed altri no, è una decisione della BC russa. Ovvero nulla vieta alla BC russa di prendersi indietro i dollari sui conti in dollari del settore privato e fornire loro rubli.

Tu mi chiedi chi mi ha detto questa cosa??? te l'ho detto, ho studiato i sistemi monetari e lavorato in banca per 23 anni.

Ma lo conferma anche la logica..... il blocco delle riserve può avvenire solo se tu hai un controllo sulle stesse, altrimenti come potrebbe avvenire???? spiegamelo Tu!!! ed il controllo sui dollari emessi (elettronici non quelli cartacei), lo ha solo la Fed e nessun altro.

Quindi torno a dirti, hai compreso che il blocco dei conti in dollari coinvolge anche i conti in dollari detenuti all'interno del paese Russia????

MI interessa solo sapere se hai compreso questo, stante la tua affermazione di due giorni fa e riportata in testa a questo post.

Deheb: "Stai dicendo che la FED, oltre a controllare l’utilizzo “da remoto” dei dollari, può anche controllare l’operatività dei conti russi in Russia??????"

Megas: assolutamente no, no sto dicendo questo, non voglio dire questo e questo non è l'argomento di cui stiamo discutendo. Vedi spiegazione data sopra alla quale ti chiedo ancora se concordi visto la tua partenza???

Deheb: "E la prova che ciò che dici è vero risiede anche nelle dichiarazioni della tipa di BC e negli effetti manifestatisi, perché la FED ha bloccato inizialmente solo i conti business ma avrebbe potuto farlo anche per i retail, quindi è provato".

Megas: questa frase che riporti non virgolettata... è una tua affermazione o l'attribuisci al sottoscritto????? io non concordo con questo concetto. E' la BC russa che probabilmente all'inizio ha bloccato i conti aziendali e non quelli al dettaglio... per i motivi che ti ho spiegato sopra!!!

Altro argomento:

Deheb: "I prelievi bancomat sono contanti ma sono comunque contabilizzati come valuta estera e se escono dai conti della BC o delle B commerciali per andare sotto un materasso non sono più disponibili, SONO PEGGATI. CURRENCY BOARD, ogni dollaro in cassa (riserva contante o elettronica) deve corrispondere rublo. Se non hanno dollari non hanno rubli". 

Megas: che la Russia applichi la politica del cambio fisso con il dollaro.... questa è la novità tua dell'ultima ora!!!! i fatti non dicono questo..... mi informo!!!! Se fosse così, allora Putin ha già perso la guerra.


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 237
Topic starter  

Le riserve in dollari della BC russa sono tutte presso la Fed e la BC ha solo un estratto conto, un conto di corrispondenza

No, le riserve della BCR sono sparse in vari paesi, ti ho messo i principali con le quote %

"detenuti in conti situati in USA (8%), Francia (15%), Germania (12%), Giappone (12%). Il 18% delle riserve forex e oro fuori confine russo sono detenute in Cina."

 

Il rapporto diretto con la Fed, in Russia lo ha la BC russa e forse alcune banche russe accreditate.... certamente abbiamo visto lo ha Gazprombank.... parlo di rapporto diretto. Le altre banche e naturalmente dettaglio ed aziende non hanno rapporto diretto con la Fed. I conti in dollari che detengono, provengono dalle riserve in dollari della BC russa e dei corrispondenti accreditati.

Quindi la Fed, nel caso delle sanzioni, bloccando le riserve della BC russa e le riserve dei corrispondenti, di fatto blocca anche i conti in dollari dei privati. I quali, essendo bloccata la BC e le corrispondenti sul sistema dei pagamenti, a loro volta non possono operare. 

Poi se la BC russa decide all'interno del paese, di far operare alcuni conti ed altri no, è una decisione della BC russa. Ovvero nulla vieta alla BC russa di prendersi indietro i dollari sui conti in dollari del settore privato e fornire loro rubli.

A parte l'aggiunta delle BC estere (come detto sopra) e non solo la FED, spiegata così sono d'accordo.

 

Io ti ho risposto che il congelamento è anche sui conti in Russia, poiché la BC russa non ha il controllo dei "bit" di dollaro sul suo computer,

il blocco delle riserve può avvenire solo se tu hai un controllo sulle stesse, altrimenti come potrebbe avvenire???? spiegamelo Tu!!!

Esatto, la FED o la BCE (e alcune banche commerciali) hanno il controllo perché i conti sono PRESSO DI LORO, non per i "bit". 

Anche logicamente è una sciocchezza:

-se avessero il controllo dei bit allora potrebbero semplicemente cancellarli, gli estratti conto non avrebbero più valore.

-se avessero il controllo dei bit allora potrebbero bloccare i pagamenti verso il/i ricevente/i. Non dovrebbero neanche fare la lista delle banche e industrie sanzionate, non dovrebbero neanche preoccuparsi del blocco su SWIFT, non dovrebbero fare null'altro che "bloccare i bit". Invece permettono i pagamenti. Il commercio coi russi è molto regolamentato, ci sono molti vincoli; oltre a questi gli accrediti dovrebbero essere trasferiti su un nuovo conto e una nuova sede, pensa in Italia il casino che succede quando ti cambiano l'IBAN.

- come possa avvenire tecnicamente non saprei, ma lo fanno e questo è pacifico. Poi possono tagliare i fili della corrente o del telefono, bruciare i computer, cambiare le PSW di accesso, mettere firewall o proxy, bloccare i codici cliente, bloccare chissà che cosa, ma non per i bit. Le riserve cinesi in valuta mica sono bloccate, infatti fanno "moral suasion" per impedire che possano usarle, se fosse per i bit mica dovrebbero chiedere, fanno e basta.

- l'operatività di gazprombank l'hanno lasciata e tutto adesso passa da lei, tutti i pagamenti dall'esterno e tutto ciò che faceva la BC (nei rapporti con l'esterno) lo fa GAZ, vicaria la BC russa e tutti si stanno trasferendo su di lei (ovviamente).

-se bloccassero i bit potrebbero benissimo bloccare anche le nuove riserve che si sono ricreati (20mld/mese).

 

Quindi torno a dirti, hai compreso che il blocco dei conti in dollari coinvolge anche i conti in dollari detenuti all'interno del paese Russia????

Vedi sopra.

 

è una tua affermazione o l'attribuisci al sottoscritto?????

mia affermazione basata sulla tua "conferma". Praticamente (nel contesto di quelle frasi) hai confermato te stesso.

 

Megas: che la Russia applichi la politica del cambio fisso con il dollaro.... questa è la novità tua dell'ultima ora!!!! i fatti non dicono questo..... mi informo!!!!

Non è dell'ultim'ora, l'ho detto ieri, le cose devi leggerle, ricordarle e capirle però....e ne parlava Dugin nell'articolo che mi hai girato....

"Nell’articolo di Dugin che mi hai girato lo si dice 5 (cinque) volte. CURRENCY BOARD."

Ti aggiungo:

CIT: "As a result, from 2000 until the financial crisis hit in 2008, Russia chose a currency-board approach to monetary policy: its currency was pegged to a basket—currently 55 percent dollar, 45 percent euro—and all changes in liquidity came from the CBR’s sales and purchases of foreign currency."

Non è "ortodosso" come avevo detto e oltre al dollaro è compreso anche l'euro. E' pur sempre un PEG valutario. 

E come ti avevo detto il rublo non è valuta convertibile (o non completamente). 

Altrimenti perchè potrebbero andare al bancomat a prelevare valuta straniera? (CORREGGO): ritirato depositi in dollari per tenerli in contanti sotto al materasso. 

 

Se fosse così, allora Putin ha già perso la guerra.

Sono "dollarizzati" grazie alle riforme di Gorbacev....per questo mi fanno tenerezza quelli che vedono Putin vincitore, Putin che scardina il dominio del dollaro, Putin che vince contro l'occidente e il liberismo e amenità del genere.

Non è che ha gia perso ma non ha vinto e difficilmente potrà farlo. Almeno ha dimostrato che gli USA non hanno scrupoli e la tanto decantata fiducia sulla democrazia e le libertà è eterna...finchè dura e/o finché serve.


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 171
 

Deheb: "No, le riserve della BCR sono sparse in vari paesi, ti ho messo i principali con le quote %

"detenuti in conti situati in USA (8%), Francia (15%), Germania (12%), Giappone (12%). Il 18% delle riserve forex e oro fuori confine russo sono detenute in Cina."

Megas: NO, ASSOLUTAMENTE NO!!!! i "bit" delle riserve in dollari russe sono tutti presso la Fed, anche se i conti in dollari sono aperti in altri paesi. Altrimenti non hai capito il concetto, che poi hai dimostrato di capire... ed al quale non credevi all'inizio!!! I dollari li emette solo la Fed e lei ne ha il controllo... sui "bit" intendo non sul contante. Si, se volessero, possono azzerarli, sono nei loro computer. E stanno progettando di farlo!!!!

Quindi argomento chiuso, hai imparato una cosa che non sapevi. Hai visto che Megas e Mosler hanno ragione!!! come hanno ragione sul T2..... quindi da ora in poi, prima di trattare Megas e Mosler con superficialità, accertati.. perché quando si parla di moneta fiat e sistemi monetari, le probabilità che Mosler abbia ragione... sono molto, ma molto alte!!!

Tu fino a due giorni fa credevi che i conti in dollari presso banche russe fossero nella disponibilità della Russia... ed invece non è così. Per i motivi che ti ho spiegato. Il controllo del "bit" elettronico è di chi crea la valuta!!!!

Riguardo alla politica del cambio fisso, lascia stare l'affermazione di Dugin, che si riferisce alle idee monetariste della Nebuilina per portarla al centro del dibattito politico su come lei intende la politica monetaria (la Nebiulina è considerata una traditrice dagli uomini vicino a Putim e suo marito un uomo degli americani). Il rublo sono da anni che si è sganciato dal dollaro, credo almeno da quando c'è Putin ed i fatti lo dimostrano.... altrimenti, senza il cambio fluttuante, con il blocco delle riserve, non avrebbe potuto recuperare sul cambio così velocemente. I russi stampano il rublo non in base alle riserve di dollari che hanno.

Oggi i pagamenti del gas avvengono in rubli e la BC russa li crea per metterli a disposizione degli acquirenti del gas pur avendo tutte le riserve in dollari bloccate...... i rubli in circolazione non corrispondono alle riserve in dollari.

Quindi il tuo supposto aggancio non corrisponde alla realtà dei fatti.

Del resto emerge dalla tua citazione che tale approccio della politica monetaria al currency-board è stato dal 2000 al 2008. Oggi siamo nel 2022 e non è più così!!!!

Sulle tue considerazioni filosofiche finali, riguardo alla democrazia, posso essere anche d'accordo!!! 

Questo post è stato modificato 1 anno fa da Megas Alexandros

RispondiCitazione
Pagina 23 / 24
Condividi: