Cosa abbiamo "sbagl...
 
Notifiche
Cancella tutti

Cosa abbiamo "sbagliato"? Psicofollie...


GioCo
Noble Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 1842
Topic starter  
 
Tiriamo le somme e proviamo a riflettere su un altro argomento spinoso. Mi gira la testa. Ma il demone (socratico) non demorde e quindi mi tocca, cercate di avere pazienza!
 
Qui però il territorio è già più condivisibile, quindi ci muoveremo dopo il mio precedente POST molto ostico (QUI) con più scioltezza. L'arcano per capire cosa è andato storto in questi due anni, sta nella banale distinzione tra patologia e genesi della patologia.
 
Cioè tra malattia e diagnosi. Ma è necessario approfondire, perché si rischia di scivolare verso derive strambe saltando i passaggi e qui (anche se non sembra) ne stiamo saltando troppi...
 
Questo vuol dire che il "pericoloso patogeno del secolo" non esiste? No, l'esistenza o meno del patogeno incriminato non è proprio l'argomento del POST, quindi rilassiamoci e cerchiamo di arrivare fino alla fine.
 
Qui si cerca di capire cosa ha "inceppato" i ragionamenti di tutti, proprio tutti, a parte l'ovvio stato di timore per l'ignoto scatenato sapientemente dalle psyops di turno che anche qui non sono oggetto del POST. Quindi di nuovo, rilassiamoci, non c'è alcun argomento conflittuale da trattare, solo argomenti di riflessione e basta.
 
Noi siamo abituati a considerare ormai come implicito che vi sia una associazione biunivoca tra l'effetto e la causa, come se non fosse per noi concepibile un omicidio senza il movente e l'autore. Tipo il delitto di Cogne per esempio. In realtà al solito è inaccettabile, non inconcepibile, che possa esistere un omicidio irrisolto.
 
Ma c'è un ma. Un omicidio (e uso questo parallelo per permettere alla Mente che mente di rimanere sgombera nel riflettere sulla questione) può tranquillamente avere più di un movente e più di un colpevole ed anzi, è più probabile che sia così. Questo ed altro tenderà a confondere certamente le ricerche o la comprensione dell'accaduto e questo è quantomeno seccante.
 
A noi piacciono le soluzioni pulite, conclusioni drastiche e immediate sul genere: "...E' stato il maggiordomo". Che sia invece la zia in combutta con la nipote che ha coinvolto uno strozzino perché pregiudicato, inizia a farci venire il mal di testa e lo sopportiamo male, eppure di solito la realtà è anche infinitamente più complessa di così...
 
Il primo aspetto perso per strada che incontriamo in questa vicenda è l'anamnesi. Il motivo è semplice: se l'omicidio ha un reo confesso, è risolto, non occorrono indagini.
 
Ma la faccenda è da approfondire, perché più significativa di così
 
Il secondo aspetto perso per strada che incontriamo è l'abbraccio di un unica semplice idea, quella del pericoloso patogeno. Che non è necessariamente sbagliata e anzi, il fatto che sia vera rinforza questa omissione. Il punto è che diventa la sola ragione che assorbe tutto il resto. Quindi finiamo per non vedere altro.
 
Ad esempio non esiste più la gestione della malattia. Solo il patogeno e basta. Attenzione, di nuovo, non sto dicendo che le cure "tachipirina e vigile attesa" siano incriminabili, lo sono ma non è l'argomento che indico. Quello che indico è che la nostra Mente che mente smette di considerarle e ciò a consentito per 2 anni di non considerarle come prioritarie. Tutto qui.
 

L'ossimoro della "guida illuminata" Platonica

Ora vorrei fare una piccola digressione, un quadro a parte riguardante il potere. Con Platone noi abbiamo introdotto nella nostra cultura occidentale il concetto di "tirannia illuminata" che inseguiamo da migliaia di anni e se guardiamo Schwab&Co non fatichiamo a riconoscere la radice di questo pensiero. Adesso, lasciamo perdere il complesso filosofico e concentriamoci sull'idea che la formazione in senso educativo possa dare a un individuo "ricco" la "possibilità" di guidare in via illuminata un popolo a patto ovviamente che non sia una mala pianta di suo. Come la storia ci insegna di solito la guida illuminata arriva perché non c'era nessun desiderio di guidare nessuno, la persona si trova per sorte in quella posizione suo malgrado (un esempio può essere Lorenzo il Magnifico). Ricordo che seguo il principio secondo cui l'infinito detta legge e ci porta a compiere un destino anche contro la nostra volontà senza considerare tale "obbligo" in via fatalista, dato che per me ciò che conta non è ciò che accade ma l'emozione con cui si vive l'accadere e il significato che gli daremo di conseguenza. Insomma, riprendendo il filo, una guida illuminata è praticamente sempre una disinteressata alla guida. Questo è logico se si pensa che qualsiasi dittatura non disinteressata, anche si spendesse sinceramente per il bene del popolo, non guarderebbe prima a quel bene ma prima alla propria sopravvivenza come fece Platone, finendo per compiere il Male anche verso ciò che si era impegnata a proteggere (vedi Cina). Come sempre, nel micro (=individuo) come nel macro (=governo) è l'identificazione a creare il problema. Socrate a differenza di Platone non aveva paura di morire. Platone fuggì da Atene e deprecò la democrazia in quando la vedeva come una minaccia alla sua persona e siccome aveva certamente di sé una opinione superba (lasciando perdere che se lo poteva permettere) al punto da metterla al di sopra della volontà del suo stesso popolo è fuggito e si è inventato la storia della tirannia illuminata per la fifa, mentre Socrate no, anche se lo riteneva sbagliato, si é sottomesso alla volontà del suo popolo ed è questo che lo rende infinitamente più Grande, il suo disinteresse per se stesso e la sua volontà di mettere al di sopra della sua vita la salvaguardia dell'espressione di una volontà collettiva anche quando sbagliata. Questo non vuol dire certamente quiescenza, è bene combattere l'ingiustizia se per noi è tale ciò che subiamo, ma non per salvare noi stessi, quanto per salvare ciò che riteniamo essere la verità che portiamo dentro. Vuol dire che noi possiediamo la verità? No, se no avrebbe senso imporla con ogni mezzo. Noi portiamo solo un pezzettino di luce e qualcuno disse, una mezza verità è comunque una bugia, per ciò aggiungo "figuriamoci solo un minuscolo frammento", una briciolina che però brilla come una stella nell'oscurità della notte.

 

Questa cosa che esiste solo un patogeno è l'evidenza plastica di come funziona il principio della mutua esclusione di cui ho parlato in questo BLOG infinite volte. Attenzione, nemmeno una classe a lui riferibile, ma proprio solo un singolo patogeno su miliardi e miliardi di cause possibili, tra infezioni micotiche, agenti chimici, inquinamenti di ogni tipo e oggi soprattutto energetici che rendono tossici gli ambienti soprattutto urbani, stili di vita sbagliati guidati dal comfort più che dal benessere, alimentazione assurda e spesso non solo nociva ma proprio velenosa (pensiamo ai processi produttivi che introducono i pesticidi o le sostanze abbinate agli alimenti per alterare sapidità, durata, estetica) e rapporti sociali che valorizzano qualsiasi cosa fuorché il bene primario che è l'affetto reciproco più importante del cibo stesso ("non di solo pane vive l'Uomo" cit. Matteo 4, 4 e Luca 4, 4).
 
A guardare bene il pantano di follia&merda in cui siamo immersi, nell'insieme possiamo constatare che è un miracolo essere ancora Vivi e tutto sommato riuscire a condurre una esistenza mediamente dignitosa. Certamente, dire che il costo è la salute è il minimo.
 
Questo vuol dire che non conduciamo una Vita sana? No, che gli elementi di disturbo che ci impediscono di capire quale cura ha senso individuare per un patogeno pericoloso, sono tali e tanti che non ha senso proprio pensare al patogeno in generale come discrimine per una vita sana.
 
Ma ha senso pensare alla malattia perché quella c'è ed è indubbio, per ciò va affrontata.
 
Come? Ecco, ad esempio iniziando a capire che tutto quello che è stato fatto fino adesso è FOLLE. Semplicemente e banalmente FOLLE, cioè frutto di uno rapporto squilibrato con la realtà, invi inclusi i DPCM. Questo vuol dire che non c'è una malattia pericolosa da curare? No, tutt'altro, c'è una bioguerra in corso, ma se la affronteremo in questi termini, sarà solo un piccolo tassello che aggredisce il già traballante e delicato equilibrio che ci tiene ancora vagamente entro binari dignitosi.
 
Tutto qui.
 
Ma allora cosa possiamo fare? Per la malattia è necessario pensare a cosa si fa per rinforzare il sistema immunitario in generale, dato che poveretto è di suo già parecchio sovraccarico e vorrei vedere dato le premesse del merdaio in cui lo costringiamo a lavorare. Non ce ne accorgiamo e questo cancella la sua azione nella Mente che mente e ci porta a farne abuso, pensando che non serva fare nulla. Come ho scritto tante e tante volte il lato satanico del significato di ciò che accade è l'abuso. Ogni volta che c'è abuso, manca l'equilibrio e avremo una FOLLIA.
 
Sempre!
 
Quindi va reintrodotto equilibrio, non un diverso squilibrio che si aggiunga al primo!!! Ma per farlo è obbligatorio rinunciare al comfort. Che non è il benessere ma il piacere. Se faccio ginnastica non mi fa necessariamente piacere, non è certamente confortevole sudare e faticare, eppure può contribuire a migliorare il mio stato di salute generale e quindi il mio benessere sul lungo periodo. Stessa cosa vale per gli stili di vita in generale e quindi il cibo e il pensiero.
 
Coltivare un pensiero positivo è al primo posto in assoluto!!! Qualsiasi cosa aggredisca questo concetto è sempre, sempre, sempre sbagliato. Quindi il distanziamento è sbagliato, ma non il principio del contagio nel contatto con il prossimo. Quindi quale è la quadra fra le due necessità, quella di tutelare per primo l'affetto che è nel gesto, per esempio di un abbraccio e per secondo la salute, con l'esposizione a un patogeno circolante.
 
Beh, ad esempio, sapendo (tra i tanti "dimenticati") il concetto che IL PROBLEMA (STRACA%%O LA MISERIA) DI UNA MALATTIA SONO I SINTOMI. Per parafrasare l'esercito di sedotti dalla psicofollia che ci hanno ammorbato per due anni:
 
NO SINTOMI = NO MALATTIA, è cosi difficile da capire? Ci arriva chiunque. Ma persino per i medici questo elementare concetto che da loro dovrebbe essere difeso con la vita e a costo della carriera è diventato un tabù.
 
Certo che se ci concentriamo invece sempre e solo OSSESSIVAMENTE in via del tutto PSICOTICA su un solo singolo agente patogeno, beh gente è inevitabile...
 
...SI SBARELLA!!! E si aprono mille finestre di Overton (o portali infernali se preferite) dove iniettare qualsiasi squilibrio psicotico che diviene subito "legge" emotiva a cui ubbidiremo.
 
Un altro esempio sulla scorta le mascherine. Sono utili? Si, certo, bisogna vedere QUANDO e per CHI. Ma se parti con la psicofollia poi ci vai anche in piscina a fare immersione oppure rinunci proprio "perché non è possibile indossarla" dove non è possibile e per il terrore di doverla togliere.
 
Fare di tutta l'erba un fascio e confondere il particolare con il generale è l'altra evidenza plastica che è in essere solo LA FOLLIA, l'esagerazione, l'abuso, la perdita di equilibrio emotivo. Recuperare quindi equilibrio significa non preoccuparsi della caduta, del fatto che abbiamo o meno aderito in tutto o in parte alla psicofollia, ad esempio con i farmaci genici, ma rialzarsi, riprendere a valutare secondo un metro e un peso e ricominciare con calma e con pazienza da dove la psicofollia si era indebitamente inserita per comandare il pensiero (e l'attenzione).
 
Allora dicevamo la mascherina. Serve? Si, ripeto, serve. Serve se corriamo un reale rischio e in specifico in presenza di sintomi e non al malato (STRACA%%O LA MISERIA 2) ma (ad esempio) al medico e se deve proteggere se stesso, in quel caso ha senso che abbia una ffp3 con valvola, perché quella è una barriera per proteggersi da un patogeno così piccolo. Le dropplet da quando esiste la scienza che studia le mascherine, servono solo a capire quando è ora di buttare la mascherina non per essere "filtrate", non sono proprio il discrimine per capire se ha senso il filtraggio. PUNTO!!!
 
Perché se si inumidisce internamente diventa INUTILE anche se si tratta di una ffp3. Per ciò ci vuole la valvola che riduca al minimo l'affaticamento respiratorio e l'umidità interna e anche gli occhiali protettivi se sei un medico e vai a visitare di continuo sospetti malati. Il malato deve invece respirare!!! La sua necessità di ossigeno è primaria per tutelare la sua residua capacità immunitaria!!! Non posso nemmeno PENSARE che sia utile rischiare un ipercapnia con un soggetto di questo tipo, è semplicemente GROTTESCO.
 
Basta, penso sia abbastanza per avere un quadro generale e iniziare la lenta e faticosa operazione di recupero del buon senso collettivo, cioè tutto tranne che la nuova normalità alla WEF o quella vecchia, prima del 2020.

Citazione
fiurdesoca
Trusted Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 99
 

Complimenti GioCo continui a tentare di spiegare come funziona il pensiero (pensiero in senso molto ampio: emotivo, inconscio, sentimentale, razionale ecc.).

 

Del tuo lungo discorso ho capito:

1) sai che pensi (sempre in senso molto ampio)?

2) sai come questo agisce dentro di te?

3) sai che più riduci la prospettiva più ti ipnotizzi?

4) se comprendi questo riesci e vuoi fare il percorso inverso?

Tutto il resto che hai messo serve a cogliere i dinamismi che agiscono in ognuno e sono automatici finché non si vedono e si indirizzano.

 

Ho colto quello che cercavi di dire o ho frainteso tutto?


RispondiCitazione
GioCo
Noble Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 1842
Topic starter  
Pubblicato da: @fiurdesoca

Complimenti GioCo continui a tentare di spiegare come funziona il pensiero (pensiero in senso molto ampio: emotivo, inconscio, sentimentale, razionale ecc.).

 

Del tuo lungo discorso ho capito:

1) sai che pensi (sempre in senso molto ampio)?

2) sai come questo agisce dentro di te?

3) sai che più riduci la prospettiva più ti ipnotizzi?

4) se comprendi questo riesci e vuoi fare il percorso inverso?

Tutto il resto che hai messo serve a cogliere i dinamismi che agiscono in ognuno e sono automatici finché non si vedono e si indirizzano.

 

Ho colto quello che cercavi di dire o ho frainteso tutto?

Direi che sei sul pezzo. Complimenti! Come sempre, uso l'accadere per riflettere. Lo faccio ormai di mestiere e questo BLOG per me non è che una sorta di "palestra" per tenermi in esercizio. Nessuna garanzia o ragionamento astratto, ma un po' di sana constatazione dell'esperienza condivisa o condivisibile che dir si voglia. Quella che ahimé abbiamo disimparato a fare in massa e in specie che l'avvento della TV.
 
Certamente, pretendo anche da me stesso che non si trattino argomenti banali o in modo banale, ma quello a cui punto è l'uso trumentale del discorso per intendere altro e in questo modo "muovere" l'attenzione in regioni che normalmente rimangono in ombra.
 
Come il pensiero che ci coglie.
 
Vorrei a questo proposito e in occasione del tuo POST lasciare un ulteriore stimolo di riflessione. Abbiamo tanto parlato di questa classe di farmaci genici e che rappresentano per le case farmaceutiche il futuro. Di nuovo, lasciamo perdere che sono farmaci MOLTO pericolosi e facciamo finta che tutte le straordinarie qualità millantate dai produttori siano coerenti con la classe di farmaci.
 
Concentriamoci invece ESCLUSIVAMENTE sull'aspetto di marketing, cioè sull'occasione storica imperdibile, la finestra breve di opportunità, per dirla nei termini di quell'intellighenzia di Schwab. Bene, "l'opportunità" è un patogeno che secondo me fa parte di una bioguerra scatenata dalla Cina (la sola ad avere l'arma che ripeto è patogeno+cura) e cavalcata dall'occidente, che ha come caratteristica distintiva quella di scatenare la tempesta di citochine. Ormai lo sanno anche i sassi. Mi segui?
 
La tempesta di citochine è data da un sovrastimolo del sistema immunitario. Per "curare" il paziente va quindi abbassata la risposta immunitaria. Ci arriva qualsiasi demente, è logica elementare, non occore essere Sherlock Holmes, no?
 
Bene, adesso allora rispondi a questa domanda: quale logica medico-sanitaria o biologica può sostenere che un rimedio a una malattia in corso ha senso sovrastimoli il sistema immunitario, quando il rischio è esattamente lo stesso?!? Come si fa a dire che l'azione farmacologica non può sommarsi a quella virale?
 
Eppure è 2 anni che ci sfrucugliano i coglioni peggio che in carcere sostenendo TUTTI in coro che è ASSURDO non immunizzarsi in sto modo delirante, cioè (ce lo dicono loro) sovrastimolando il sistema immunitario e in modo sempre più massiccio, con richiami ravvicinati.
 
Se non è PURO DELIRIO questo, cos'è allora?

 


RispondiCitazione
Pfefferminz
Reputable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 430
 

@GioCo

Da come l'ho capita io, il decorso della malattia Covid si svolge in due o tre fasi. Se si interviene nella prima fase, il più delle volte si guarisce e non si procede verso la terza fase, quella più grave che richiede il ricovero ospedaliero. La tempesta citochinica si verifica nella terza fase. Per poter affrontare il virus e non ammalarsi è però necessario disporre di un buon sistema immunitario, quindi solo nella terza fase, se si verifica, esso andrebbe attutito (seguendo il corso del tuo pensiero). 

Aggiungo una comunicazione del dott. Wolfgang Wodarg, il quale ha fatto presente che, se si interviene subito e si guarisce, dopo 8 giorni ci può essere una ricaduta dovuta allo sviluppo di un'allergia. Lo nomino perché è un fatto poco conosciuto. L'allergia può comunque essere curata in poco tempo e con successo. Importante è la diagnosi in questo caso. Il dott. Wodarg dice che è bene insistere perché venga fatto un test multiplex per individuare il patogeno (ci possono essere molte cause, tra le quali appunto l'allergia). C'è un video del Corona-Ausschuss a proposito in cui un medico americano spiega tutta la faccenda.

Tu dici di servirti dell'attualità per affinare il pensiero, quindi ho forse divagato. Caro GioCo, leggo con interesse i tuoi post, ma mi capita non di rado di non capirli e ho la sensazione di non essere all'altezza. Altre volte ho la sensazione che tu esprima in modo complicato e per me incomprensibile cose che si potrebbero spiegare in modo semplice. Comunque grazie.

Sul fatto che solo la persona sintomatica è contagiosa, per me era chiaro, ma d'altra parte lo devo ancora una volta al dottor Wolfgang Wodarg che lo ha ribadito più volte. Stessa cosa per le mascherine. Il prof. Bhakdi diceva che queste hanno senso nel caso che si faccia visita ad un malato anziano o immunodepresso. Ovvio che è il visitatore che deve indossare la mascherina per proteggere l'altro.

Che il patogeno sia un'arma cinese non si accorda con l'evento 201 dell'ottobre 2019, una simulazione eseguita dalle più importanti multinazionali e in cui la "pandemia", a quanto pare, è stata preparata. 


RispondiCitazione
fiurdesoca
Trusted Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 99
 

Beh GioCo, ti sei scelto come hobby la fatica di Sisifo o meglio così vuole il tuo Daimon (non si scappa al proprio Daimon).

Attento alla chiarezza, prima sintetizza il dinamismo poi inseriscilo in ciò che scrivi saranno cosi più evidenti i diversi livelli e le diverse prospettive che usi in ciò che spieghi. Chiarisci per come puoi la differenza tra dinamiche ed effetti, gli effetti sono relativamente facili da vedere ma le dinamiche che sono le più importanti no.

Quei pochissimi che possono seguirti saranno agevolati.

Chi non si chiede come funziona non può comprenderti. La maggioranza di chi ti segue è più lenta di te a ragionare, agevolala.


RispondiCitazione
GioCo
Noble Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 1842
Topic starter  
Pubblicato da: @pfefferminz

@GioCo

Da come l'ho capita io, il decorso della malattia Covid si svolge in due o tre fasi. Se si interviene nella prima fase, il più delle volte si guarisce e non si procede verso la terza fase, quella più grave che richiede il ricovero ospedaliero. La tempesta citochinica si verifica nella terza fase. Per poter affrontare il virus e non ammalarsi è però necessario disporre di un buon sistema immunitario, quindi solo nella terza fase, se si verifica, esso andrebbe attutito (seguendo il corso del tuo pensiero). 

Si, infatti mi riferivo unicamente all'ultima fase, la più pericolosa e che può richiedere l'ospedalizzazione, dato che poi è l'obbiettivo dichiarato dei sieri genici. Questo perché basta poco, una distrazione e puoi passare alle fasi più gravi. Quindi certamente se la prendi in tempo non è un pericolo, con la postilla che la prima fase può arrivare asintomatica o paucisintomatica e quindi essere presa alla leggera o proprio scambiata per altro. Nella stragrande maggioranza dei casi ciò non comporta nulla, si guarisce senza che ce ne rendiamo conto, ma in alcuni casi non accade e per ciò bisogna stare vigili e imparare a convivere con la malattia, ad esempio rinforzando le difese delle prime vie aeree con metodi naturali che aumentano la disinfezione (duratura) della cavità orale, soprattutto se sospettiamo che ci sia una persona sintomatica nei dintorni.

Aggiungo una comunicazione del dott. Wolfgang Wodarg, il quale ha fatto presente che, se si interviene subito e si guarisce, dopo 8 giorni ci può essere una ricaduta dovuta allo sviluppo di un'allergia. Lo nomino perché è un fatto poco conosciuto. L'allergia può comunque essere curata in poco tempo e con successo. Importante è la diagnosi in questo caso. Il dott. Wodarg dice che è bene insistere perché venga fatto un test multiplex per individuare il patogeno (ci possono essere molte cause, tra le quali appunto l'allergia). C'è un video del Corona-Ausschuss a proposito in cui un medico americano spiega tutta la faccenda.

Sogno quel famoso scanner infrarosso (non è un test di temperatura) di cui ho sentito in intervista famosa di Fracassi. Quello si che farebbe la differenza! Temo non lo vedremo tanto presto.

Tu dici di servirti dell'attualità per affinare il pensiero, quindi ho forse divagato. Caro GioCo, leggo con interesse i tuoi post, ma mi capita non di rado di non capirli e ho la sensazione di non essere all'altezza. Altre volte ho la sensazione che tu esprima in modo complicato e per me incomprensibile cose che si potrebbero spiegare in modo semplice. Comunque grazie.

Pensa che a me sorprende che ci sia qualcuno che intenda seguirmi. Davvero, ogni volta penso "con questo è sicuro che mi mandano a stendere" e invece no, totalizzo centinaia di visualizzazioni 😶. Incredibile. Che ci sia tra queste qualcuno che poi lo fa credo sia pacifico, chi commenta però riesce pure a rimanere sul pezzo!

Sul fatto che solo la persona sintomatica è contagiosa, per me era chiaro, ma d'altra parte lo devo ancora una volta al dottor Wolfgang Wodarg che lo ha ribadito più volte. Stessa cosa per le mascherine. Il prof. Bhakdi diceva che queste hanno senso nel caso che si faccia visita ad un malato anziano o immunodepresso. Ovvio che è il visitatore che deve indossare la mascherina per proteggere l'altro.

Certo, ovvio per noi, ma a quanto pare non per il resto del Mondo. Ma vedremo, l'aria sta per cambiare, arriva la primavera e forse la moltiplica a livello mondiale dei ricorsi farà quanto avevo già predetto in tempi non sospetti, indicando la magistratura come il punto debole di questa follia criminale sanitaria.

Che il patogeno sia un'arma cinese non si accorda con l'evento 201 dell'ottobre 2019, una simulazione eseguita dalle più importanti multinazionali e in cui la "pandemia", a quanto pare, è stata preparata. 

Parto da un principio diverso che si riconnette a fatti ormai storici. Event 201 lo ricollego a un esercitazione messa in piedi in fretta e facente parte di un agenda già in essere ma che doveva attuarsi in tempi diversi, più maturi di questo. Semplicemente la situazione è stata cavalcata da chi ha ritenuto di poterla sfruttare per accelerare i tempi. Ma non è correlata alla bioguerra in corso se non per l'intreccio di interessi che ha portato la Cina a disporre della tecnologia, di cui NON doveva disoporre e per decenni è stata tenuta lontano apposta, perché non ci si poteva fidare di un regime ditattoriale che ha mantenuto una ferrea autonomia di gestione economica interna. Però si sa, pecunia non olet e di pecunia la Cina oggi ne ha tanta e non solo quella. Controlla anche la maggioranza delle terre rare alla fonte, oltre che la produzione delle tecnologie di punta e questo è anche peggio.

Nel mio ragionamento "semplificato" parto dal principio che un arma biologica è sempre patogeno+cura. Sempre. Non può essere separato. E' evidente che la Cina disponeva da subito di vaccini, st'accindente di occidente aveva solo il farmaco genico che "speravano" funzionasse un po' meglio. Dato che è un evidente disastro (come d'altronde avevo predetto essendo sponsorizzati dal sig. sparapacchi "schermatablu" Gates) ora si passa al piano B. Prima di ciò le farmaceutiche avevano in pancia le cure geniche non smerciabili, hanno fatto 1+1 prendendo due piccioni con una fava e aprendo alla sperimentazione genica insieme all'agenda transumanista e di depopolazione, come nella seconda guerra +Menghele. Uguale. Tante cavie "disponibili" ed anzi consenzienti, gratis. Significa un balzo di decenni in pochi mesi per l'industria!! Solo che hanno esagerato.

Per il resto.

Onore al merito! Io non pensavo neppure di arrivare fino a questo punto a spiegare quel che sto dicendo a un pubblico che per quanto ristretto però riesce a seguirmi e lo fa da tempo. Il mio demone ovviamente non è che ci sente se mi lamento in questo senso, cioè che sono cose difficili da spiegare e che si fatica a seguire, non pare proprio gliene freghi qualcosa. A ben vedere, retrospettivamente aveva pure ragione. Insomma, non uno degli argomenti che tratto è banale e persino docenti universitari hanno sudato a starmi dietro.

Eppure, eppure accade. Miserabile come sono, incapace come sono, con argomenti semplicemente immensi, accade che qualcuno riesca a intravvedere quel che cerco di dire da anni. Il piccolo @GioCo che è in me saltella esultante come un selvaggio, ma non per merito suo, questo è poco ma sicuro! 😊 


RispondiCitazione
GioCo
Noble Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 1842
Topic starter  
Pubblicato da: @fiurdesoca

Beh GioCo, ti sei scelto come hobby la fatica di Sisifo o meglio così vuole il tuo Daimon (non si scappa al proprio Daimon).

Attento alla chiarezza, prima sintetizza il dinamismo poi inseriscilo in ciò che scrivi saranno cosi più evidenti i diversi livelli e le diverse prospettive che usi in ciò che spieghi. Chiarisci per come puoi la differenza tra dinamiche ed effetti, gli effetti sono relativamente facili da vedere ma le dinamiche che sono le più importanti no.

Quei pochissimi che possono seguirti saranno agevolati.

Chi non si chiede come funziona non può comprenderti. La maggioranza di chi ti segue è più lenta di te a ragionare, agevolala.

L'ho letto 15 volte. Mi piego alle aspettative e farò del mio meglio per seguire il consiglio. Tieni conto che per scrivere un pezzo ci metto non meno di 8 ore e devo prima averlo chiaro in testa. Il che a scanso di "fortunate intuizioni" per fortuna non rarissime, mi impegna spesso altrettanto. Ergo, ultimamente ho risolto scrivendoli come privati e poi riprendendoli per cercare di migliorare quanto possibile la semantica. Il che mi ha permesso di pubblicarne 3 insieme, ma con il triplo del dispendio di tempo medio per ognuno.

Devo anche tenere conto che ho limiti personali pesanti. Non solo tecnici e di tempo. La dislessia non mi aiuta nella rilettura e nemmeno la "forma mentis" che raramente mi consente di esprimere concetti di getto rendendoli chiari. Per me risultano facili le connessioni lunghe, ma non recuperare quelle intermedie. Al solito, nella mia testa è tutto cristallino ma per chiunque altro la fotocopia di quel pensiero è pura confusione (o follia a seconda).

 


RispondiCitazione
Pfefferminz
Reputable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 430
 

@GioCo

Ti ringrazio della risposta che, in un certo senso, mi ha dato sollievo. 

Riporto anche qui il video che ho già postato nel thread di Mystes "Un corriere globale di morte", perché lo trovo particolarmente illuminante. 

https://t.me/CoronaAusschussAlleAnhoerungen/2608

L'autore Thomas Röper parla del suo libro, esaurito un giorno e mezzo dopo la pubblicazione. Un whistleblower lo avrebbe contattato e gli avrebbe messo a disposizione una software con la quale è stato possibile ricavare dei dati utili da un'infinità di dati disponibili. Senza la software, il lavoro sarebbe durato anni, dice. Sarebbe riuscito ad individuare otto organizzazioni internazionali che fanno capo a Bill Gates. Queste sarebbero a loro volta connesse con miriadi di altrie organizzazioni. Nel video mostra alcuni grafici e cita i nomi di alcuni personaggi molto influenti. La "pandemia" sarebbe stata preparata nel periodo che è seguito all'influenza suina. Ci si è chiesti perché questa non abbia funzionato e perché la gente non abbia voluto farsi vaccinare. Si sarebbe passati quindi alla programmazione della prossima "pandemia". Il "sistema Bill Gates" sarebbe congegnato in modo che lui appare come benefattore, ma alla fine è colui che ci guadagna. Ad esempio: Bill Gates devolve 100 milioni in beneficenza per un dato programma, gli Stati versano miliardi alle sue organizzazioni (CEPI, GAVI, ecc) e alla fine è Bill Gates che decide dove vanno a finire i soldi, ad esempio nelle sue tasche, perché è lui a capo delle organizzazioni. I 100 milioni iniziali di beneficenza gli frutterebbero 200 miliardi. L'autore svela altri fatti e fa considerazioni interessanti, anche sui vaccini. Secondo me è un'intervista da ascoltare. 

 

 


RispondiCitazione
GioCo
Noble Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 1842
Topic starter  
Pubblicato da: @pfefferminz

@GioCo

Ti ringrazio della risposta che, in un certo senso, mi ha dato sollievo. 

Riporto anche qui il video che ho già postato nel thread di Mystes "Un corriere globale di morte", perché lo trovo particolarmente illuminante. 

https://t.me/CoronaAusschussAlleAnhoerungen/2608

L'autore Thomas Röper parla del suo libro, esaurito un giorno e mezzo dopo la pubblicazione. Un whistleblower lo avrebbe contattato e gli avrebbe messo a disposizione una software con la quale è stato possibile ricavare dei dati utili da un'infinità di dati disponibili. Senza la software, il lavoro sarebbe durato anni, dice. Sarebbe riuscito ad individuare otto organizzazioni internazionali che fanno capo a Bill Gates. Queste sarebbero a loro volta connesse con miriadi di altrie organizzazioni. Nel video mostra alcuni grafici e cita i nomi di alcuni personaggi molto influenti. La "pandemia" sarebbe stata preparata nel periodo che è seguito all'influenza suina. Ci si è chiesti perché questa non abbia funzionato e perché la gente non abbia voluto farsi vaccinare. Si sarebbe passati quindi alla programmazione della prossima "pandemia". Il "sistema Bill Gates" sarebbe congegnato in modo che lui appare come benefattore, ma alla fine è colui che ci guadagna. Ad esempio: Bill Gates devolve 100 milioni in beneficenza per un dato programma, gli Stati versano miliardi alle sue organizzazioni (CEPI, GAVI, ecc) e alla fine è Bill Gates che decide dove vanno a finire i soldi, ad esempio nelle sue tasche, perché è lui a capo delle organizzazioni. I 100 milioni iniziali di beneficenza gli frutterebbero 200 miliardi. L'autore svela altri fatti e fa considerazioni interessanti, anche sui vaccini. Secondo me è un'intervista da ascoltare.

La guarderò con attenzione, grazie. A freddo mi viene da commentare che questo genere di info (molto interessanti) rischiano però di costruire il classico capro espiatorio e quindi vanno inserite in un quadro coerente più ampio. Come ho predetto, adesso che il vento cambia sta girando il ditino del "chi è stato?", hai presente? Quel giochino estremamente cinico che di solito si fa con le spine a militare o che amano fare i bulletti a sQuola (per Asini). Si cerca cioè qualcuno su cui scaricare frustrazione e rabbia e in genere è sempre l'anello debole della catena e lo si piglia a sberle "di sorpresa" rendendo complici tutti gli altri che assistono. Gates è un amicone dei potenti, molto vicino al tavolo, ma se necessario può essere sacrificato ed è lì anche per quello (e lo sa molto bene) come Epstein d'altronde e adesso (sempre secondo me!) sta girando la roulette e vedremo dove finirà la pallina e quali teste cadranno o quali palle verrano perse "per il bene di tutti". Siccome in tanti hanno odorato la puzza di bruciato e vedono che si prepara il rogo dei "cattivoni", in tanti stanno furbamente prendendo le distanze, scivolando via a modi serpenti. A conti fatti ciò che sta accadendo è che l'immagine del potere in occidente è stata irrimediabilmente compromessa e più si insiste a portare avanti l'agenda transumana, più lo sputtanamento cresce e la tenuta generale dei governi verrà compromessa. Così si rischia che al posto di guadagnare qualche anno per attuare l'agenda, se ne perderanno molti di più. Per ciò i padroni devono intervenire per salvare capra e cavoli in corsa, cioè salvare ciò su cui si fonda l'impero, il suo primo pilastro: l'immagine (=le fandonie).

Hanno esagerato, come al solito e questo abbinato all'incompetenza è diventato un boomerang esplosivo.

Come ho già detto (inascoltato come sempre) non è la conta dei favorevoli o dei contrari tra il gregge che ha importanza, ma la tendenza. Se la tendenza del pensiero collettivo cambia, ed è cambiata, quello è il problema! Perché puoi controllare con la psyops la massa finché rimane un dubbio che sia giusto quel che si sta facendo, altrimenti prende piede da sola, si incendia in un attimo, divampa e diventa difficile controllarla nell'esito.

E' un meccanismo emotivo, non c'è niente da fare ed è per questo che da sempre le élite scavano buchi nella terra dove rintanarsi, perché non hanno la minima idea di quel che stanno facendo. Lo misurano al momento e sui modelli traggono conclusioni, che hanno lo stesso valore della carta igienica o delle previsioni meteo tra 10mila anni. Sono scommesse e tali rimangono. Tuttavia sul rischio sta gente ci vive, non sa farne a meno.

Quando facevo domande di senso compiuto nel 2020 e nel 2021 al mio prossimo allineato, non ricevevo risposta! Ora invece sento la gente reagire e più andremo avanti più crescerà la rabbia, soprattutto se il drago e il suo fido spettro disperazione insistono perché non si rendono conto, continuano a spingere nella stessa direzione sopravvalutando le loro forze. Constato, ovviamente, non mi permetto di dire che sia così per davvero.

 

 


RispondiCitazione
Pfefferminz
Reputable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 430
 

Infatti, GioCo, mi interessa molto il tuo parere su quanto racconta Thomas Röper per il principio di "coerenza" che dici di applicare. Trattandosi di "fatti" (secondo lui) che chiunque può verificare perché le fonti sono accessibili, mi chiedo se questi "fatti", a tuo parere, si incastrano con tutti gli altri tasselli a tua conoscenza. La visione d'insieme diviene più chiara o si offusca? Dice che il suo libro un giorno e mezzo dopo la pubblicazione era esaurito. Mi sembra strano. Ho pensato che eventualmente le copie del libro sono state acquistate in grande stile da un unico acquirente  affinché il contenuto non venisse diffuso. Grazie dell'attenzione. 


RispondiCitazione
FrankDax
Eminent Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 28
 

Buonasera , non è facile entrare nella mente di GioCo , in quanto probabilmente , Lui mentre scrive , riesce a vedere inizio-percorso-fine del concetto come un insieme unito e ben definito , mentre il sottoscritto già si perde nel comprendere l'inizio , e arrivato alla fine , fatica a comprendere "l'Insieme" . Devo ammettere che è stimolante come un grande puzzle ,  quindi conviene partire dalle zone piu semplici e distinguibili...

Hanno esagerato, come al solito e questo abbinato all'incompetenza è diventato un boomerang esplosivo.

Come ho già detto (inascoltato come sempre) non è la conta dei favorevoli o dei contrari tra il gregge che ha importanza, ma la tendenza. Se la tendenza del pensiero collettivo cambia, ed è cambiata, quello è il problema! Perché puoi controllare con la psyops la massa finché rimane un dubbio che sia giusto quel che si sta facendo, altrimenti prende piede da sola, si incendia in un attimo, divampa e diventa difficile controllarla nell'esito.

E' un meccanismo emotivo, non c'è niente da fare ed è per questo che da sempre le élite scavano buchi nella terra dove rintanarsi, perché non hanno la minima idea di quel che stanno facendo. Lo misurano al momento e sui modelli traggono conclusioni, che hanno lo stesso valore della carta igienica o delle previsioni meteo tra 10mila anni. Sono scommesse e tali rimangono. Tuttavia sul rischio sta gente ci vive, non sa farne a meno.

Concordo in pieno , sono abili , ma la loro arroganza li porta strafare... preparano piani incredibili con una pazienza infinita , ma lungo il percorso invece di attenersi scupolosamente , perdono  o dimenticano dei passi... accecati dai primi fantastici risultati , entrano più in profondità del necessario , lasciando la retroguardia sguarnita facile preda del "dissenso"... sembrano quasi dei novelli scorpioni di Esopo , dominati dalla loro natura "diabolica"... quindi qualche chance l'abbiamo ancora... Ricordo che qualsiasi regime ha bisogno del consenso sempre e comunque...

Ma non è correlata alla bioguerra in corso se non per l'intreccio di interessi che ha portato la Cina a disporre della tecnologia, di cui NON doveva disoporre e per decenni è stata tenuta lontano apposta, perché non ci si poteva fidare di un regime ditattoriale che ha mantenuto una ferrea autonomia di gestione economica interna. Però si sa, pecunia non olet e di pecunia la Cina oggi ne ha tanta e non solo quella. Controlla anche la maggioranza delle terre rare alla fonte, oltre che la produzione delle tecnologie di punta e questo è anche peggio.

Nel mio ragionamento "semplificato" parto dal principio che un arma biologica è sempre patogeno+cura. Sempre. Non può essere separato. E' evidente che la Cina disponeva da subito di vaccini, st'accindente di occidente aveva solo il farmaco genico che "speravano" funzionasse un po' meglio.

D'accordo sul fatto , che non si inizia una bio-guerra senza avere entrambi patogeno+cura , ma ho l'impressione che non si volesse scatenarla (almeno nel 2019) , che sia stata la conseguenza di una fuoriuscita accidentale e che  la Cina ne abbia approffitato cavalcando l'onda , sicura che il resto dei "colleghi" non potessero ammetterlo pubblicamente , essendo anche Loro compartecipi della sperimentazione e del disastro , è tipico dei Cinesi trasformare un problema in un opportunità , quando ci sono di mezzo (tanti) soldi , che dopo la Patria ,  rappresentano una divinità da adorare...


RispondiCitazione
fiurdesoca
Trusted Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 99
 

No GioCo, non ho aspettative, ora ho chiaro che pensi (sempre in senso molto ampio) per movimenti. Chiarito questo non avrò grossi problemi a seguirti, se comprendo l'esatto valore che dai ai termini che usi il tuo discorso mi sarà chiaro. Sto suggerendoti che la maggior parte delle persone non comprende il movimento, leggendo un libro, il potere nascosto degli ipersensibili, l'anno scorso, ho avuto chiare il perché la maggioranza non può seguirmi quando ragiono: neppure vede il movimento. Ho l'impressione che anche tu faccia lo stesso errore. Al concreto tu scrivi di, sul e con il movimento.

Con movimento intendo l'interazione tra:

1) soggetto

2)dinamica

3)valore

4)momento

5)potenzialità.

Detta cosi temo di risultare criptico.

Faccio un esempio per farti capire

1) soggetto: mazzo di 40 carte da gioco

2) dinamica: tipo di gioco, briscola, tressette, scopa ecc.

3) valore: viene determinato dalla dinamica, i punti della briscola sono diversi da quelli del tressette

e pure il valore delle carte nei vari giochi cambia.

4) momento: chi gioca ha un ordine nel giocare che genera una

5) potenzialità: nel gioco i valori possono essere stravolti dal momento. un esempio limite: un due di coppe se giocato in ultima mano a briscola, pur avendo un valore basso, può prendere tre carichi grazie alle dinamiche.

L'interazione di questi 5 fattori (io ne vedo 5 forse tu o qualcun altro ne scorgete altri, tieni presente che questo risultato è frutto di un solo giorno di riflessione) genera ciò che chiamo movimento.

Sono convinto che tutto è movimento e può essere interpretato con questo abbozzo di chiave. Come ben sai ci sono ulteriori complicazioni.

Ma il grosso problema è far si che altri si accorgano che tutto è movimento.

 

 


RispondiCitazione
GioCo
Noble Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 1842
Topic starter  
Pubblicato da: @pfefferminz

Infatti, GioCo, mi interessa molto il tuo parere su quanto racconta Thomas Röper per il principio di "coerenza" che dici di applicare. Trattandosi di "fatti" (secondo lui) che chiunque può verificare perché le fonti sono accessibili, mi chiedo se questi "fatti", a tuo parere, si incastrano con tutti gli altri tasselli a tua conoscenza. La visione d'insieme diviene più chiara o si offusca? Dice che il suo libro un giorno e mezzo dopo la pubblicazione era esaurito. Mi sembra strano. Ho pensato che eventualmente le copie del libro sono state acquistate in grande stile da un unico acquirente  affinché il contenuto non venisse diffuso. Grazie dell'attenzione. 

Dunque, non macino benissimo l'inglese e ho resitito fino al min 45, ma non mi pare tiri fuori niente di straordinario, rispetto quanto circola in rete.

Piuttosto noto un paio di particolari. Il primo è la "manina" che gli ha passato il sw da cui ha tratto le sue conclusioni. Il secondo è il momento in cui questo avviene. Non traggo per ora conclusioni (troppe cose mi sono sfuggite, mentre mettevo su da mangiare e ascoltavo) tuttavia mi sembra di poter confermare la posizione già espressa. E' possibile che si stia cercando di costruire il patibolo per i prossimi capri espiatori. Vedremo se ho ragione.

C'è da considerare che però il tutto si concentra più sull'aspetto economico e sui personaggi dell'alta finanza, almeno fin dove ho ascoltato e mi è parso di cogliere. Quando ci si muove a livello internazionale, c'è però sempre di mezzo il dipartimento di stato e i militari. Non fai niente a quel livello e sopratuttto con quella roba (armi biologiche e potenzialmente di distruzione di massa) senza il loro appoggio, supporto e permesso. Ne consengue che Gates non era libero di fare quel che voleva, agenda green inclusa. Per avere quel fondamentale supporto è molto più probabile che ci fossero piani militari che lo hanno coinvolto e che lui ha usato per un suo tornaconto, esattamente come la Lockheed Martin con i caccia F35 ad esempio. Anche in quel caso un progetto fallimentare, promosso dai militari, portato avanti dalla industria e gonfiato nel budget a dismisura.

Personalmente mi sto invece concentrando sulla Cina che mi pare più interessante, dato che non avevo ancora una risposta a una domanda cruciale: qual'era l'obbiettivo cinese a breve, medio e lungo termine nello scatenare una bioarma? Cosa volevano ottenere?

Dalla risposta si ottengono info più interessanti. Orbene, alla solita non ho la verità ma adesso ho una risposta coerente. Partiamo da un dato di fatto: non è un arma che ha l'obbiettivo di uccidere. Non fa un ecatombe tipo Ebola, non è la nuova peste del futuro. Quindi non era un obbiettivo uccidere. Allora? Credo che la risposta sia al solito "alla cinese". Cioé articolabile in due aspetti speculari. Da una parte sottolineare l'efficienza del dragone nel gestire una pandemia chimerica e di laboratorio e quindi l'incompetenza occidentale. Cioè mostrare al mondo che la Cina se occorre può usare il pugno di ferro verso il suo miliardo e mezzo di cittadini per gestire situazioni emergenziali, quando stacc'idente di occidente non riesce con molto meno. Insomma, dimostrare che "il sistema cinese è meglio". Questo perché ogni guerra si combatte prima per la conquista dei cuori e poi delle menti. Vedi diffusione dello Shen Yun ad esempio, che punta indubbiamente a sostituirsi alla "spiritualità occidentale" cattolica, presentandone una alternativa infinitamente più accattivante.

In generale direi che questo obbiettivo per ora non va "benissimo", nel senso che il pugno di ferro per la gestione interna della pandemia in Cina ha più spaventato e messo in allarme (persone diverse per motivi diversi) chi ha un altro metro per gestire il potere e non reputa affatto che sia peggiore e questo ha creato fratture interne forse insanabili (vedi QUI ad esempio). Certo, come occidente in fase calante, la potenza militare a guida statunitense non appare più quella degli anni '90 e questo è sotto gli occhi di tutti. In particolare l'incompetenza politica e diplomatica non aveva mai raggiunto queste dimensioni. Ma è indubbio che in tema di politica estera ci sono forti divergenze interne a Washington e Trump lo ha messo bene in evidenza.

Quindi la seconda parte dell'obbiettivo di quest'arma che invece è andata a segno (sempre secondo me!) era dividere l'occidente, alimentando le sue "storture" interne e sfruttando i punti deboli. Ad esempio, la Cina è riuscita a influenzare l'FMI tanto quanto l'OMS (QUI). Questo "odora" quindi ulteriormente di epurazioni possibili a vari livelli. Siamo in guerra, una guerra non dichiarata, combattuta sotto il tappeto e moderna, di tipo ibrido e asimmetrico (cioè trasversale rispetto ogni ambito e aspetto della società, ad esempio religioso, informatico ed economico) ma pur sempre una guerra.

A conferma delle ipotesi lascio un video (QUI) l'unico che sappia che parla della Cina in via coerente al quadro esposto. Naturalmente non vuol dire nulla, ma è già importante che ci sia almeno un canale che lo conferma.

Per ora è tutto. Nei prossimi gg e fino venerdì credo non avrò molto tempo per CDC.

 


RispondiCitazione
Pfefferminz
Reputable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 430
 

@GioCo

La "manina" del whistleblower ci aveva già provato con Fuellmich, il quale però se l'era lasciata sfuggire.  Röper e il whistleblower hanno scritto il libro insieme, discutendo le problematiche che si presentavano via via. La software fornita dal whistleblower serviva soltanto a filtrare i dati che riguardano la "pandemia". Le organizzazioni in cui Bill Gates ha lo zampino sono circa 31.000, quindi le tematiche militari, presenti o no, non facevano parte della ricerca incentrata solo sulla "pandemia", la quale sarebbe stata preparata a partire dal 2017. Il libro indica 500 fonti. Quello che  probabilmente distingue le informazioni contenute nel libro da quelle che circolano in rete, è che si tratta di fatti verificabili. Ricapitolando: la pandemia è stata pianificata. Nell'ottobre 2019 Biontech, il futuro produttore dei vaccini, riceve diversi milioni da Bill Gates e entra in borsa negli USA, cosa che farà guadagnare miliardi a Gates. Ma nell'ottobre 2019 non si sapeva ancora niente del nuovo coronavirus cinese. Se la "pandemia" è stata preparata da Gates e dalle organizzazioni che sottostanno al suo controllo, anche il virus  deve necessariamente provenire da loro e non dai cinesi, a meno che non abbiano agito insieme, cosa che non mi sento di escludere. Roeper accenna anche al fatto che da un lato si voleva  sfruttare la "pandemia" per introdurre sul mercato i farmaci mRNA, dall'altro si voleva accedere ai dati personali dei pazienti, cosa che si completerà con ID 2020. La "pandemia" sarebbe servita appunto a cercare di raggiungere obiettivi che prima era impossibile raggiungere. Superfluo dire che ci sono riusciti. Il virus come arma batterio logica cinese non trova riscontri nella ricostruzione dei fatti di  Röper, la quale mostra soltanto potentissime multinazionali che aspirano a diventare potere assoluto sotto le sembianze di alleanze alla pari fra pubblico e privato, con il vero scopo di far sparire gli stati nazionali. Per esemplificare in due parole il risultato delle ricerche di Roeper: in campo sanitario non può accadere nulla senza il beneplacito di Bill Gates. Degno di nota anche il fatto che Bill Gates sarebbe in cima alla piramide, al di sopra di organizzazioni come Rockefeller, World Economic Forum e altre. Qui potresti aver colto nel segno: "E' possibile che si stia cercando di costruire il patibolo per i prossimi capri espiatori". 


RispondiCitazione
Condividi: