Notifiche
Cancella tutti

Austria: fine della pandemia in vista

Pagina 2 / 2

sarah
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 134
 

Complimenti per l'ottimo materiale e per la fatica. Non conoscendo il tedesco, non ho potuto contribuire alle ricerche sull'autenticità del documento, ma lo avrei fatto volentieri. Non è la prima volta, in questa disgraziata vicenda che compie due anni, che assistiamo ad articoli che escono ma che immediatamente dopo vengono messi in dubbio dal punto di vista delle fonti oppure vengono subito affiancati da altre notizie di segno opposto. Non penso che accada per caso. Si crea un'iniziale confusione che impedisce di compiere un'analisi seria e magari di formulare una previsione attendibile sugli sviluppi successivi. Tuttavia credo che sia lanciato un segnale chiaro: alcuni paradigmi pandemici che "giustificherebbero" le atrocità politiche in atto sono ormai smentiti da dati per lo più incontrovertibili. Negare sarebbe ormai inutile. Allora si tenta forse un'ultima carta, quella di affermare che nonostante tutto ciò gli organi istituzionali sono irremovibili, che non si può far nulla e che le autorità sono comunque intenzionate a proseguire con l'impostazione iniziale. Questo non solo disorienta il pubblico ma crea davvero la dissonanza cognitiva, nel disperato tentativo di mantenere in vita la narrazione. A mio modo di vedere, per non cadere nella trappola, noi dovremmo sforzarci di cogliere il significato oggettivo di questi messaggi e cioè la forte difficoltà dei governi di fronte al diffondersi di versioni "altre" e più credibili. Loro sanno che i provvedimenti sono incostituzionali ( infatti hanno timore ad applicarli fino in fondo), sanno che una forte presa di posizione di una parte della società potrebbe smascherare molte menzogne e sperano quindi che le persone desistano, siano scoraggiate dall'inesorabilità della loro azione. Inesorabilità che però spesso è più millantata che reale.


Pfefferminz hanno apprezzato
RispondiCitazione
Pfefferminz
Reputable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 494
Topic starter  

https://tkp.at/2022/02/10/ploetzliche-impfpflicht-kontroverse-in-regierung-plant-man-gefaelschten-freedom-day-fuer-oesterreich/

"Improvvisamente scoppia nel governo austriaco una polemica sulle vaccinazioni. Che si stia preparando un ingannevole Freedom Day?"

"Attenti al grande inganno: quei signori che prima volevano rendere obbligatoria la vaccinazione, ora vogliono la sospensione della legge. Questo può avere gravi conseguenze e non solo è inaccettabile per il movimento per la libertà, ma rappresenta un grande pericolo. Un ingannevole "giorno della libertà" per l'Austria potrebbe portare a un inverno ancora più autoritario."

[...]

"Sembra che gli stessi governatori provinciali che nel novembre 2021 insistevano per la vaccinazione obbligatoria, ora vogliano mollare. Parlano però solo di sospensione dell'obbligo vaccinale, non di abrogazione."

"Tutto fa pensare che si voglia tendere una trappola al movimento per la libertà austriaco: la vaccinazione obbligatoria sarà probabilmente sospesa." 

"Potrebbe però trattarsi di un inganno. Il far credere che la pandemia sta per finire avrebbe un vantaggio di tipo giuridico: finché l'obbligo vaccinale è sospeso, la Corte Costituzionale non se ne occuperà. E chissà: forse l'Austria voterà tra qualche mese. Se si legge fra le righe, si capisce che la prossima variante "ancora più pericolosa e ancora più contagiosa" è annunciata per l'autunno."

"Altri indizi? La fastidiosa risoluzione del Consiglio d'Europa è stata rigettata, la Gran Bretagna prevede di modificare le proprie leggi sui diritti umani (pur lasciando che il Paese celebri la sua ritrovata libertà) e la Germania continua a lavorare con determinazione sulle vaccinazioni obbligatorie. Ora si parla del 1 ottobre. Inoltre, sono state ordinate centinaia di milioni di dosi di vaccino, probabilmente adattate alla nuova variante."

"Non è tempo di false speranze: la ristrutturazione autoritario-tecnologica della società è (appena) iniziata. L'Austria ne è probabilmente la punta di diamante, come lo è da anni nell'UE. In ogni caso, non ci si deve far ingannare dalla sospensione dell'obbligo vaccinale. "Godersi" l'estate e quella vecchia libertà ingannevole possono portare a un risveglio rude e oscuro in inverno."

 


RispondiCitazione
Pfefferminz
Reputable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 494
Topic starter  

@sarah

Ti ringrazio dell'aiuto che avresti voluto darmi, sei molto gentile. Condivido la tua perfetta analisi. Purtroppo non c'è motivo di rallegrarsi delle aperture nei diversi Paesi, perché sembra che si tratti di un allentamento temporaneo per poter riprendere in autunno le pressioni contro la popolazione. Spero di sbagliarmi. 


sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 134
 

@ pfefferminz

Grazie del suo apprezzamento per la mia analisi, mi fa piacere. Anch'io spero che si sbagli. Tuttavia, per onestà intellettuale bisogna ammettere che le sue considerazioni sono del tutto plausibili e nemmeno io mi abbandonerei a un facile ottimismo. Siamo in una fase interlocutoria che, lo ammetto, mi crea non poche difficoltà di analisi ma ho provato a riflettere a fondo sulle sue parole provando ad immaginare uno scenario non influenzato, per quanto possibile, dal mio stato emotivo. Partirei da un presupposto: io osservo i fatti, ahimè, dall'Italia e prendo atto che lo scenario internazionale è cambiato e che vi sono ormai segni inequivocabili di crisi, anche qui, della narrazione pandemica. Inoltre, sta indubbiamente crescendo un sentimento di insofferenza, disorientamento o per lo meno confusione rispetto all'atteggiamento dei governi. Basterà? Sarà questo il punto di svolta? Difficile a dirsi, potrebbe essere ancora troppo poco con il rischio che la follia si ricoaguli attorno a nuovi nuclei e non lasci facilmente la scena, complici anche la rassegnazione e il vuoto che affliggono la società così frammentata e priva di orizzonti futuri. Faccio allora due ipotesi:

1. La tabella di marcia del potere è scritta sin dal primo giorno e procede secondo i piani. Non vi sono state crepe, nè imprevisti. Ciò che accadrà in futuro non è noto a noi ma è perfettamente chiaro ai governi.

2. La fase iniziale ha prodotto solo in parte i risultati auspicati in origine ma ha incontrato imprevisti. Gli obiettivi e i piani devono essere rivalutati alla luce della stretta attualità.

Tendo a ritenere più probabile la seconda ipotesi. Dunque, alcune cose sono andate, per così dire, storte ( vedesi l'inefficacia e la pericolosità dei vaccini, la paura della "variante" che ormai viene meno, ecc. ). Lorsignori potrebbero allora "tirare i remi in barca", fingere una temporanea ritirata per far calmare le acque ormai troppo agitate e ripresentare il conto più avanti con una strategia rinnovata. E' plausibile, purtroppo, ma non so quanto probabile. La guerra lampo ( la famosa blitzkrieg, teorizzata in Germania già nel primo conflitto mondiale ) si vince al primo attacco oppure trascina in un pantano che consuma enormi risorse ed energie. Se il paragone militare può sembrare poco opportuno, occorre comunque tenere presente l'eccezionalità della situazione attuale che non ha paragoni recenti ( non bellici ) in quanto a consumo di risorse e impiego di mezzi. Sarà allora conveniente tentare un secondo attacco che troverebbe comunque la controparte, magari un po' assopita, ma già consapevole delle intenzioni dell'avversario? E' difficile rispondere onestamente ma mi sento di percorrere, al momento, questa strada interpretativa. Porto un esempio di strettissima attualità: il presidente francese Macron attende a Parigi il convoglio di manifestanti motorizzati che procede da qualche giorno per le strade del sue paese e si vede costretto a fare un appello accorato alla calma dopo aver dichiarato, con odiosa supponenza, di voler "emmerder" ( in francese non suona più elegante ) una parte rispettabile della società francese. Ora affronta una situazione grave dal punto di vista dell'ordine pubblico che potrebbe "emmerder" l'immagine stessa del suo paese. Che farà dunque il nostro avversario? Per rispondere dovremo sicuramente considerare aspetti economici e geopolitici che, speriamo a breve, chiariranno alcuni nostri dubbi. 


Pfefferminz hanno apprezzato
RispondiCitazione
Pfefferminz
Reputable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 494
Topic starter  

@ sarah

Sono completamente d'accordo con lei, cara Sarah, anch'io propendo per la seconda ipotesi. La sua analisi è, ancora una volta, perfetta dal mio punto di vista e ripercorre il filo del mio pensiero. "Loro" avevano calcolato tutto, disponendo di uno o più piani alternativi, mentre noi ci facciamo sorprendere. Secondo l'informazione che allego, Macron sta mettendo in campo dei carri armati, mentre i convogli della pace si dirigono da tutta la Francia verso la capitale. 

https://t.me/AllesAusserMainstream/21596

Dalla Germania arriva la notizia che la polizia sarebbe arrivata al limite delle proprie capacità. Molti agenti di polizia sarebbero in malattia, in un Land dell'est interi reparti di polizia si sarebbero avvalsi del loro diritto di rifiutare gli ordini per tenere fede alla Costituzione (il verbo in tedesco è "remonstrieren", si parla anche di "Remonstrationspflicht" ovvero di "dovere di ribellarsi a ordini non conformi alla Costituzione"). 

La Corte Costituzionale tedesca però ha dato il via libera all'obbligo vaccinale, calpestando il diritto all'integrità fisica. 

Dovunque forze in conflitto fra di loro. 

 


sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 191
 

Ciao a tutti,

purtroppo, noto che, quando scrivo certe cose, i messaggi finiscono tutti "in attesa di moderazione" e immagino non siano visibili...

Tornando al tema:

Una spiegazione a tutto questo, per quanto sconvolgente, è la seguente. Come avete già scritto, le notizie, anche quelle buone, sono da guardare con sospetto perché la realtà è ben diversa da quella che appare. Questa è una guerra psicologica (mondiale) fondata sulla manipolazione. E’ un piano gestito da i.a. ed è un piano molto elastico che si modifica a seconda delle reazioni…

Alcune di queste, però, il sistema già le prevede e non lo preoccupano minimamente (manifestazioni, petizioni, scioperi ecc.).

“Sarà allora conveniente tentare un secondo attacco che troverebbe comunque la controparte, magari un po' assopita, ma già consapevole delle intenzioni dell'avversario? ”

Sarah, vedo che sei ottimista sulla consapevolezza della gente! 🤣

Sai che c'è chi pensa che a marzo finirà tutto?!! 🤐 😒 🤮 La sua fonte deve essere Sileri... 😳 


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 191
 

In un mio commento qui https://comedonchisciotte.org/mentre-la-narrativa-covid-si-sgretola-stanno-gia-preparando-la-prossima-pandemia/ trovate il link che spiega il tutto nel dettaglio e dice anche cosa fare. 🙃 


RispondiCitazione
Pfefferminz
Reputable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 494
Topic starter  

@ Maryland

"Alcune di queste, però, il sistema già le prevede e non lo preoccupano minimamente (manifestazioni, petizioni, scioperi ecc.)."

Non ci sarebbe neanche da stupirsi se fra gli iniziatori di "manifestazioni, petizioni, scioperi ecc." ci fossero emissari delle élite coinvolte nell'organizzazione della "guerra psicologica", per poter controllare meglio il gregge. A tuo avviso, ci sono degli indizi a favore di questa ipotesi? 


RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 134
 

@ Pfefferminz

Ho letto anch'io di questa presa di posizione della polizia tedesca. Si diceva in sostanza che il compito della polizia non è quello di imporre linee o risolvere questioni politiche, ma opporsi al crimine. Una lezione di civiltà al governo, si potrebbe dire. In Italia, il sindacato di polizia ha fatto dichiarazioni simili, seppure un po' più balbettanti. Ci sarebbe davvero da disperare se non si leggessero simili prese di posizione, ma per fortuna ci sono e la verità sta dalla loro parte. E' vero, le forze in campo sono asimmetriche ma tutto ciò pone per forza dei problemi a chi si ostina a governare con il pugno di ferro fingendo una normalità democratica. Se si intende proseguire su questa linea senza dare risposte alle sollecitazioni e alle istanze che vengono da più parti, non si potrà più fingere normalità o "ordinaria amministrazione". Lo testimoniano anche le immagini di Parigi sotto assedio in queste ore, censurate dai media fino a un certo punto.


RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 134
 

@ Maryland

Se mi crede ottimista circa la consapevolezza della gente, forse non ha letto bene i miei commenti. Concordo con lei sulla necessità di guardare con cautela tutta la mole di "controinformazione": c'è praticamente la certezza che questa sia osservata ed infiltrata da chi intende avere il controllo. Al di là di questo, che non è certo un fatto di poco conto, la mia riflessione va avanti da tempo e non si è basata su un'osservazione superficiale. Riguardo a chi utilizza come fonte Sì leri, beh di loro sappiamo già tutto e non passiamo altro tempo a parlarne. Sono scettica sulla possibilità che un'intelligenza artificiale controlli tutto questo, la fonte che lo afferma ( che non ho letto ) potrebbe proprio essere una di quelle gestite da "gatekeeper" che creano nel pubblico un senso di impotenza rispetto alle imposizioni. Venerdì abbiamo fatto due passi con qualche moneta da 1 euro in tasca per vedere quanti caffè saremmo riusciti a bere senza mostrare il griin pazz. E' stata un'idea di un amico. Dopo mezz'ora avevamo già esagerato con la caffeina e ci siamo dovuti fermare. Alla faccia del piano perfetto. Naturalmente questa, come tutte le altre, è una mia opinione che non devo e non voglio imporre a nessuno.


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 191
 

“Non ci sarebbe neanche da stupirsi se fra gli iniziatori di "manifestazioni, petizioni, scioperi ecc." ci fossero emissari delle élite coinvolte nell'organizzazione della "guerra psicologica", per poter controllare meglio il gregge. A tuo avviso, ci sono degli indizi a favore di questa ipotesi?”

Sì, penso tu abbia ragione, anche io ho sentito questa cosa…

Per esempio, quelli che dicono: "Eh, ma scrivere sui muri è sbagliato" oppure "lottiamo ma rispettando la legge".

Nel primo caso: è peggio scrivere la verità su un muro (nel mainstream non la si può esprimere) o ammazzare la gente e distruggere diritti e libertà?

Nel secondo caso: che disobbedienza civile è se rispettiamo le norme di regime?

E poi, per esempio, perché la lotta dei guerrieri che scrivono la verità in giro (se scrivo il nome finisco in coda di moderazione ;)) non viene riportata dai media indipendenti, per esempio ByoBlu? Cioè, parlano di tutto (manifestazioni, appelli, scioperi, cause legali) tranne che di quello!!!!!! Mentre nel mainstream sono ovunque!!!! Paradossale!


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 191
 

Sarah, mi dia del tu, mi perdoni se mi sono permessa di farlo anche io ma in rete di solito si fa così, no?! 😉 

Concordo con lei sulla necessità di guardare con cautela tutta la mole di "controinformazione": c'è praticamente la certezza che questa sia osservata ed infiltrata da chi intende avere il controllo.

Io all’inizio parto in quarta e mi bevo tutto: “Oh, che bello, W i media liberi!!! E poi scopro magagne, magari colossali. E sono rogne peggiori delle altre, perché inaspettate.

“Sono scettica sulla possibilità che un'intelligenza artificiale controlli tutto questo, la fonte che lo afferma ( che non ho letto ) potrebbe proprio essere una di quelle gestite da "gatekeeper" che creano nel pubblico un senso di impotenza rispetto alle imposizioni. ”

Non credo proprio perché la fonte è una forza di lotta che indica un metodo per lottare e che ha dimostrato di essere poco gradita ai piani alti. https://comedonchisciotte.org/i-vivi/

Infatti, il sistema alle scritte reagisce scrivendo il falso, per esempio parlando di minacce inesistenti (la non violenza é una caratteristica di tale forza di lotta). Ci sono state anche delle perquisizioni nei confronti di alcuni guerrieri, sono finiti sul W.P., c’è uno studio dei servizi segreti, sono anche all’estero e non solo qui… No, gatekeeper e impotenza, no.

“Dopo mezz'ora avevamo già esagerato con la caffeina e ci siamo dovuti fermare.”

Ah ah ah! Ottimo! 🙂 Invece, a me una persona ha riferito che non è potuta nemmeno andare al bagno con degli amici in tre bar.

Ci sono sia collaborazionisti che gente sveglia e/o con le palle!

ll fatto che oggi molti (o almeno spero) non siano collaborazionisti è ok ma cosa succederà quando ci sarà la moneta digitale? Saremmo fregati… Baratto escluso. Hanno in mente un film dell'orrore per noi questi qua.

“Alla faccia del piano perfetto.”

No, no, non si tratterebbe affatto di un piano perfetto (è utile, a questo proposito, il video intitolato La curva del consenso, ma se lo linko vado in coda di moderaz… Comunque, si può trovare su YouTube, nel canale intitolato in questo modo: V seguito da un trattino basso e poi di nuovo da V 😉 ;)). E’ un piano elastico che si modifica a seconda di come noi reagiamo, hanno tecnologie incredibili grazie alle quali possono spiare le conversazioni e sapere com’è il consenso della gente ad un certo punto e poi fare gli aggiustamenti che occorrono…

 


RispondiCitazione
Pfefferminz
Reputable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 494
Topic starter  

https://tkp.at/2022/03/09/entscheidung-zur-impfpflicht-wird-verschoben-keine-strafen-ab-mitte-maerz/

"La decisione sulla vaccinazione obbligatoria è stata sospesa - nessuna sanzione a partire da metà marzo" 

"Non è la fine della vaccinazione obbligatoria, ma almeno (per il momento) niente sanzioni. La decisione sarà però rinviata all'estate. Questa la raccomandazione della “Commissione di esperti sulla vaccinazione obbligatoria”, che ha ora presentato la sua relazione. Il comitato di quattro persone è arrivato a questo "parere" dopo circa tre settimane di consultazioni. Johannes Rauch, il nuovo ministro della Salute, seguirà la raccomandazione.

Aggiornamento ore 10.15 : Il Ministro della Salute ha ora annunciato che sospenderà l'obbligo di vaccinazione per regolamento. Non solo la legge non entra nella fase II, ma viene anche sospesa (almeno per il momento). Ciò significa: attualmente non esiste più una vaccinazione obbligatoria in Austria. Ma questo può cambiare di nuovo rapidamente. La legge non è stata ritirata, è in vigore fino al 31 gennaio 2024. "

" Dapprima il governo verde turchese, sotto la massiccia critica della società civile, aveva sottoposto l'obbligo di vaccinazione al parlamento. È legge dal 1° febbraio, ma “legge morta”. Chi non rispetta la legge non subisce conseguenze. Secondo il piano originale, ciò sarebbe dovuto cambiare dal 16 marzo.

Non è il momento giusto

Ma dopo l'approvazione della legge, l'ex ministro della Salute Wolfgang Mückstein ha istituito una "commissione di esperti" per esaminarla di nuovo immediatamente. Il risultato sarà presentato mercoledì. Non tutto è chiaro. Al contrario: secondo la Commissione, l'obbligo di vaccinare non dovrebbe essere fondamentalmente messo in discussione. Un segnale d'allarme per la popolazione: sebbene l'Austria sia l'unico Paese in Europa ad aver approvato una legge del genere, questa non va messa in discussione.

Ma la questione esplosiva viene messa in secondo piano: le sanzioni che sarebbero state previste a partire dal 16 marzo probabilmente non si concretizzeranno. La Commissione non ne vede la necessità. Ora  non è il momento di una “decisione definitiva”, gli “esperti” raccomandano invece un'ulteriore valutazione tra tre mesi.

Il neo-ministro della Salute Johannes Rauch aveva precedentemente annunciato che si sarebbe conformato al  parere degli "esperti". Presto affronterà la stampa."

[...]

Autore dell'articolo: Waldo Holz

p. s.: In Germania, invece, si vuole introdurre la vaccinazione obbligatoria, malgrado il Robert Koch Institut abbia finalmente messo nero su bianco che anche i vaccinati possono ammalarsi e trasmettere il virus. La protezione è individuale. Negli ospedali intanto aumenta il numero dei trivaccinati con decorsi gravi della malattia. La discussione sulla vaccinazione obbligatoria inizierà al Bundestag il 17 marzo 2022 e la maggioranza sembra assicurata, per ora. 

 


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 191
 

Anche i paesi che sembrano liberi non lo sono davvero: si vede che le i.a. hanno valutato che era meglio fare così. Verranno fregati in un altro modo e/o più avanti nel tempo. L'obiettivo è il controllo totale e da lì non si schiodano: è il NWO, la fine della nostra libertà!!


RispondiCitazione
Pfefferminz
Reputable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 494
Topic starter  

"La vaccinazione obbligatoria in Austria è di nuovo storia. Giovedì in una conferenza stampa, il governo ha ammesso la sconfitta a tutti i livelli." 

https://tkp.at/2022/06/23/ploetzlich-und-unerwartet-impfpflicht-in-oesterreich-gestorben/

Alcune reazioni di politici e media, dopo la conferenza stampa del ministro della Salute del 23 giugno 2022, in cui è stata annunciata l'abolizione  dell'obbligo vaccinale. 

Herbert Kickl (FPÖ):

"Si tratta di un enorme successo per il grande e pacifico movimento di protesta, che è stato sostenuto anche da noi combattenti per la libertà. Vorrei ringraziare tutte le persone che, insieme a noi, hanno dato l'esempio di libertà e libertà di scelta. Il ministro della Salute ha ammesso oggi che è stata introdotta una legge per rendere obbligatoria la vaccinazione, senza sapere se sia proporzionata e costituzionale e senza avere la più pallida idea di come reagirebbe la gente nel Paese. Ciò non è solo goffo, ma è gravemente negligente!"

Il capo del MFG Michael Brunner:

“Centinaia di migliaia di persone sono state spaventate dalla legge sulla vaccinazione obbligatoria e spinte verso l'inoculazione. È così che sono state causate migliaia di vittime del vaccino. “Vediamo l'abolizione temporanea della vaccinazione obbligatoria come un successo per la società civile. Tuttavia, presumiamo che il governo voglia solo superare meglio le elezioni statali, per poi reintrodurre la vaccinazione obbligatoria - insieme ad altre molestie - in inverno. Se ci fosse stato bisogno di ulteriori prove che questo governo non doveva più essere preso sul serio, ora ciò è sotto gli occhi di tutti."

https://tkp.at/2022/06/24/impfpflicht-entsorgt-reaktionen-aus-politik-und-medien/

Nota: MFG è un partito che è stato fondato sull'onda delle proteste di piazza e che ha avuto da subito un grande successo elettorale. 

Commento:

Le proteste di piazza non sono state inutili. 

 

 


RispondiCitazione
Pagina 2 / 2
Condividi: